PHI Flyers
1
NY Islanders
1
1. tempo
(1-1)
BOS Bruins
1
CAR Hurricanes
5
1. tempo
(1-5)
WAS Capitals
2
WIN Jets
2
2. tempo
(1-2 : 1-0)
OTT Senators
1
BUF Sabres
1
2. tempo
(0-1 : 1-0)
DAL Stars
MON Canadiens
02:30
 
CAL Flames
FLO Panthers
03:00
 
PHI Flyers
1
NY Islanders
1
1. tempo
(1-1)
BOS Bruins
1
CAR Hurricanes
5
1. tempo
(1-5)
WAS Capitals
2
WIN Jets
2
2. tempo
(1-2 : 1-0)
OTT Senators
1
BUF Sabres
1
2. tempo
(0-1 : 1-0)
DAL Stars
MON Canadiens
02:30
 
CAL Flames
FLO Panthers
03:00
 
una-mesta-uscita-di-scena-per-una-svizzera-da-reimpostare
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
4 ore

Non è un martedì facile, ma il Lugano torna a sorridere

Traber e Bertaggia spianano la strada, ma poi i bianconeri debbono fare i conti con il ritorno dell’Ajoie, prima di centrare la prima vittoria del 2022
Podismo
9 ore

Lukas Oehen e Giulia Salvadé vincono il cross di Bellinzona

Gab protagonista con cinque vittorie nella quinta prova di Coppa Ticino Ftal Aet che ha lanciato l’annata 2022. In evidenza anche Rcb e Sab.
Bob
9 ore

Follador chiude la stagione tra i migliori d’Europa

Grazie anche alle prestazioni del pilota del Bcsi (con il frenatore Nicola Mariani), la Svizzera ritorna tra le prime quattro nazioni al mondo
L’angolo delle bocce
9 ore

Si riprende a giocare da Cavergno con una gara a coppie

Stagione 2022 al via domenica con una sfida regionale proposta dalle bocciofile Stella di Locarno e Verzaschesi di Gordola
NUOTO
10 ore

Dominio azzurro nel Meeting del Ceresio

Solo 12 delle 78 medaglie in palio sono andate ai ticinesi. Tra gli atleti di casa, in evidenza Tamas Terner ed Emanuele Brivio
Unihockey
10 ore

Weekend da 6 punti, playoff più vicini per il Ticino

La squadra di Tomatis ha battuto Grünenmatt (9-7 in trasferta) e Sarganserland (8-3 all’Arti&Mestieri) ed è quarta in classifica
Hockey
10 ore

Alatalo, Loeffel, Müller, Fora e Simion voleranno a Pechino

Resi noti i 25 ‘eletti’ che Patrick Fischer porterà alle Olimpiadi. Obiettivo dichiarato della Svizzera: le semifinali
Sci nordico
11 ore

Ai Campionati nazionali l’oro va a Fähndrich e Steiner

Nello sprint vittorie di Van der Graaf e Riebli. Progressi per il ticinese Alessandro Vanzetti, dodicesimo e diciannovesimo
Basket
19.08.2021 - 16:150
Aggiornamento : 18:36

Una mesta uscita di scena per una Svizzera da reimpostare

Una Nazionale rossocrociata molto poco efficace ci ha chiaramente messo del suo per uscire con le ossa rotte dalle prequalificazioni alla Coppa del mondo

La Svizzera esce mestamente dal torneo di prequalificazione alla Coppa del mondo 2023, pur avendo ottenuto due vittorie e due sconfitte come le sue avversarie, la Macedonia del Nord e la Slovacchia. La differenza canestri nella classifica ha dato un +7 per la Macedonia, un -3 per la Slovacchia e un -4 per i nostri. Si potrebbe anche pensare al “biscotto” nell’ultima gara in cui, per qualificarsi, alla Slovacchia bastava vincere di 15 punti per essere certa di passare il turno e ha vinto di 16. Ma non è certamente con questa analisi che si può giustificare la pessima esibizione dei nostri, con il coach greco Papatheodorou per la prima volta sulla nostra panchina in una gara ufficiale, dopo le quattro gare di preparazione fra luglio e inizio agosto.

Una Svizzera molto poco efficace e che ci ha chiaramente messo del suo per uscirne con le ossa rotte. Ne è stato l’esempio l’ultima gara, seppur vinta 65-60 contro la Slovacchia: 55-38 alla fine del terzo quarto e poi un parziale di 2-19 nell’ultimo quarto, con uno 0-10 in entrata, ha rimesso in corsa gli slovacchi, tornati a soli due punti, prima di chiudere nel finale a +5. Slovacchi che hanno tirato col 37%, e con un misero 8/21 dalla lunetta, contro il 42% degli elvetici. Pochezza tecnica evidenziato dalle tre contendenti se si pensa al ranking Fiba per l’Europa nel quale la Svizzera è al 34° posto, la Macedonia del Nord al 29° e la Slovacchia al 36°. Insomma, non proprio l’élite. Ci si può appellare sicuramente a qualche assente, come Marko Mladjan, o al fatto che Dusan ha rinunciato alla Nazionale, ma la realtà del nostro basket è questa.

Chi ha seguito i Giochi olimpici avrà certamente potuto verificare quanto lontani siamo dal basket che conta. La nostra realtà rimane piccola, abbiamo un calo di adesioni a livello svizzero e il fatto che ogni anno si è confrontati con club in chiara difficoltà finanziaria è un segno tangibile di un movimento che non decolla. Ne consegue che la crescita degli svizzeri è molto limitata, non ci sono all’orizzonte giocatori di livello internazionale se non poche eccezioni. L’innesto di Toni Rocak, proveniente da San Diego, ha dato un buon apporto, con i soliti Kovac, Cotture e Kazadi. Molto poco dagli altri, da Gravet a Fofana a Nzege. Insomma una Nazionale tutta da reimpostare. Per il nuovo coach il lavoro non può certamente mancare. 

L’uscita di scena dai prossimi tornei di qualificazione ci mette in una situazione di non visibilità che non farà certamente bene al movimento cestistico, inutile nasconderlo. Le prestazioni delle varie selezioni giovanili nei vari tornei estivi non hanno prodotto grandi risultati, evidenziando un gap tecnico e fisico, al cospetto delle altre nazioni, molto evidenti. Bisognerà rimettere in questione tutto quanto, ma per farlo ci vogliono una sana analisi critica e una progettualità solida da parte di chi sta a gestire la nostra Federazione, coinvolgendo tutti i settori e tutte le società e associazioni, sperando in un futuro migliore.

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved