i-primi-casi-di-covid-all-interno-del-villaggio-creano-timori
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Altri sport
8 ore

Sfuma all’ultimo l’oro di Ehammer. E pure quello di Mujinga

L’appenzellese superato all’ultimo nel decathlon è costretto ad accontentarsi dell’argento. La bernese, invece, beffata al fotofinish da Lückenkemper
hockey
8 ore

Prima vittoria del Lugano sul ghiaccio di Biasca

I bianconeri si impongono 4-1 contro i Ticino Rockets, nella sera del debutto di Granlund. Di Thürkauf, Riva, Ugazzi e Mirco Müller le quattro reti.
L'ANGOLO DELLE BOCCE
11 ore

Il prossimo weekend si torna a giocare

Si ricomincia dai Campionati svizzeri veterani a coppie e giovanili individuali
NUOTO
12 ore

Niente podio per Noè: il ticinese è quinto nei 200 delfino

In apertura al Foro Italico il ticinese chiude alle spalle di Milak, Marton, Razzetti e Carini. ‘Ho fatto la mia gara, ma stavolta ho visto la Madonna’
BASKET
12 ore

In ricordo di Angelo Ghirlanda e Franco Casalini

Franco Facchinetti lavorò con entrambi: ‘Due grandissimi maestri’
ATLETICA
15 ore

Decathlon, Ehammer sempre al comando

Agli Europei l’elvetico guida la classifica dopo 8 gare su 10
Atletica
17 ore

Ricky Petrucciani in finale sul giro di pista

A Monaco il 22enne onsernonese non stecca: il secondo tempo in semifinale (in 45"55) gli vale un posto nella corsa per le medaglie di domani
Hockey
18 ore

Mondiali Under 20, la Svizzera trova il Canada

Avversario proibitivo per i rossocrociati nei quarti di finale
Hockey
18 ore

Luca Sbisa nello staff degli Sharks

L’elvetico lascia Anaheim per raggiungere San José
Tennis
23 ore

Bencic e Teichmann salutano Cincinnati

La biennese cede il passo alla ceca Kvitova, mentre la sangallese s’arrende alla romena Cistea. Tra gli uomini fuori anche Laaksonen
STORIE MONDIALI
1 gior

La Fifa fra guerre e ricchi contratti

Le qualificazioni ai Mondiali del 1970 furono la miccia che innescò un conflitto da seimila morti fra El Salvador e Honduras
Tennis
1 gior

A Cincinnati tre ore di battaglia, poi Stan s’arrende

Nuova batutta d’arresto per il vodese, costretto a cedere strada ad Andy Murray nell’Ohio, che lo batte per la tredicesima volta in carriera
Hockey
1 gior

Una rete di Attilio Biasca regala i quarti alla Svizzera U20

Il diciannovenne di origine ticinese segna il gol-partita nella sfida con l’Austria e permette agli elvetici di proseguire la loro avventura ai Mondiali
OLIMPIADI
18.07.2021 - 17:33

I primi casi di Covid all'interno del villaggio creano timori

In isolamento due calciatori e un membro dello staff del Sudafrica. Colpito anche un membro sudcoreano del Comitato internazionale olimpico

Due membri della squadra di calcio sudafricana e uno dello staff tecnico, con sede nel villaggio olimpico di Tokyo, sono stati testati positivi al Covid-19. Aumentano, di conseguenza, i timori di un'epidemia nel villaggio olimpico. Il comitato organizzatore di Tokyo 2020 ha annunciato questa mattina che tre casi positivi al Covid-19 dallo «stesso paese e sport» sono stati identificati, senza fornire ulteriori dettagli.

Il Sudafrica sarà impegnato contro Giappone, Francia e Messico nella fase a gironi del torneo olimpico maschile che inizia il giovedì, un giorno prima della cerimonia di apertura dei giochi.

«Tre membri della delegazione della squadra di calcio sudafricana sono stati controllati positivi e sono in isolamento in una struttura adatta di Tokyo 2020», ha reso noto il comitato olimpico sudafricano, aggiungendo che il test effettuato sugli altri membri della squadra ha dato esito negativo.

Da parte sua, Tokyo 2020 aveva spiegato in precedenza che i due atleti positivi e il loro compagno erano stati «isolati nella loro stanza», mentre i loro «contatti stretti sono stati identificati».

Questi “contatti”, immediatamente sottoposti a test nasofaringeo, che si aggiunge al controllo salivare quotidiano obbligatorio per tutti i partecipanti ai Giochi, dovranno «mangiare nelle loro stanze, allenarsi separatamente e prendere il trasporto separati», ha spiegato Pierre Ducrey, vice direttore dei Giochi per il Cio.

Casi inevitabili

La durata di queste misure precauzionali dipenderà dal verdetto del centro di controllo anti-Covid del villaggio olimpico. «Solo quando gli esperti avranno stabilito che i contagiati non rappresentano più un rischio per gli altri, potranno rientrare nella loro squadra», ha detto Pierre Ducrey.

Un quarto caso, questa volta riguardante un allenatore, è stato identificato nella squadra sudafricana di Rugby Sevens, che sta svolgendo un campo d’allenamento in Giappone e non è ancora entrata nel villaggio olimpico.

Non sono questi i primi casi di Covid-19 legati ai Giochi. Il Cio ha confermato di aver recensito 55 positivi tra i 30’000 test effettuati su 18’000 atleti, allenatori, funzionari e giornalisti, giunti in Giappone dal 1º luglio.

Il Cio ha anche confermato che uno dei suoi membri, il sudcoreano Seung Min Ryu, è risultato positivo al suo arrivo nell'arcipelago. Martedì e mercoledì, i 102 membri del comitato si riuniranno in un palazzo della capitale giapponese per la loro assemblea generale.

Ma l'epidemia sudafricana nel villaggio olimpico fa crescere la paura di una cascata di infezioni senza pari, ciò che porrebbe sotto stress le misure anti-Covid preparate per mesi. «È inevitabile che ci saranno dei casi», ha affermato il direttore dei Giochi, Christophe Dubi, consapevole dei timori di alcuni giapponesi per ciò che l’evento globale potrebbe rappresentare per la salute pubblica nipponica..

Picco di 6'000 persone

Dubi ha tuttavia assicurato che «tutto è stato messo in atto in atto per limitare i contatti tra popolazioni diverse e mantenere il più basso possibile il rischio di reazioni a catena».

I casi positivi legati ai Giochi rimangono marginali per il momento, ha sottolineato sabato il presidente del Cio, Thomas Bach, il quale per mesi aveva promesso che le Olimpiadi sarebbero state sicure, sia per i partecipanti, sia per la popolazione giapponese.

Dalla primavera, il Cio ha concentrato i suoi sforzi sulla vaccinazione delle delegazioni, raggiungendo un accordo in maggio con Pfizer e BioNTech, per poi allestire, a partire da giugno, veri e propri “vaccinodromi” olimpici in Qatar e Ruanda.

Il Cio sottolinea inoltre lo screening intensivo al quale sono sottoposti i partecipanti, con la limitazione dei contatti e l'isolamento immediato in caso di positività. «In questo momento, questa è, probabilmente, la popolazione più controllata al mondo in questo momento», ha insistito Pierre Ducrey.

Inoltre, mentre il villaggio olimpico è stato progettato per 17’000 persone, solo un massimo di 6’000 atleti dovrebbe trovarsi a usufruire contemporaneamente della struttura,  e ciò, in quello che è considerato il picco dei Giochi, vale a dire a cavallo tra la prima e la seconda settimana». 

Quasi tutti gli eventi olimpici si terranno a porte chiuse e le decine di migliaia di partecipanti – dagli atleti ai funzionari, ai giornalisti stranieri – sono soggetti a restrizioni draconiane a causa dei rischi di contagio.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cio covid olimpiadi villaggio olimpico
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved