Francia
3
Polonia
1
fine
(1-0)
Davos
1
Zurigo
4
fine
(1-1 : 0-2 : 0-1)
Lakers
1
Kloten
4
fine
(1-2 : 0-1 : 0-1)
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Sci
32 min

Il duello Kilde-Odermatt va di nuovo al norvegese

Nel SuperG di Beaver Creek i due sono separati da 20 centesimi. Terzo a 30 centesimi Pinturault, buon quarto Gino Caviezel.
Basket
38 min

La Sam e un weekend che è un bell’affare

Spinelli sempre più leader, con quattro punti di margine grazie alla sconfitta del Vevey a opera del Boncourt. Il Lugano, invece, s’arrende a Ginevra
QATAR 2020
56 min

Mbappé incontenibile, la Francia annienta la Polonia

Doppietta per il fenomeno del Psg, ma la selezione di Deschamps concede troppe occasioni a una Polonia finalmente propositiva
QATAR 2022
1 ora

Negli ottavi la Svizzera si gioca quattro milioni di dollari

L’Asf ha intascato 13 milioni per il superamento della fase a gironi. La Nazionale campione del mondo intascherà 42 milioni
Volley
1 ora

Düdingen troppo forte, luganesi costrette alla resa

Dopo sette vittorie filate le bianconere cadono in casa propria, con le friborghesi che chiudono il match vincendo tutti e tre i set
Ciclismo
1 ora

Ciclocross, ad Anversa domina Van der Poel

All’esordio in Coppa del mondo l’attesissimo belga Wout van Aert si deve arrendere allo strapotere dell’olandese
QATAR 2022
2 ore

La Seleçao verso la sesta stella trascinata da Pelé

I problemi di salute dell’82enne O’Rei inducono Neymar e compagni a giocare anche per colui che della maglia verdeoro è il simbolo
Formula 1
3 ore

Il Circus piange la morte di Patrick Tambay

Ex pilota parigino di Ferrari, McLaren e Renault soffriva da tempo del morbo di Parkinson. Nel 1982 vinse il suo primo Gp, dedicandolo a Gilles Villeneuve
QATAR 2022
3 ore

L’Asf e la grana di un capitano incapace di gestire le emozioni

La federazione svizzera ancora una volta nel mirino della critica dopo i nuovi eccessi di Granit Xhaka
QATAR 2022
5 ore

Una Svizzera che cresce di pari passo con l’ambizione

A 48 ore dall’ottavo di finale, nel clan rossocrociato tutti sono convinti che quella con il Portogallo rimane una sfida in bilico
Hockey
6 ore

Coppa Spengler, per l’Ambrì c’è Vili Saarijärvi

Per il torneo di Davos, Luca Cereda potrà contare sull’innesto del difensore finlandese classe 1997 del Langnau. Saarela, Michaelis e Rowe col Davos
HOCKEY
21 ore

Uno sterile Lugano cade a Bienne

Alla Tissot Arena i bianconeri dominano il primo tempo ma non pungono. Alla distanza escono i bernesi, capaci di sfruttare le occasioni e poi amministrare
SCI ALPINO
21 ore

A Lake Louise Sofia Goggia concede il bis

Dopo la vittoria di venerdì, l’italiana si è ripetuta. Terzo posto per Corinne Suter a 37 centesimi dalla vincitrice. Tredicesima Lara Gut-Behrami
QATAR 2022
21 ore

L’Argentina scherza con il fuoco, ma alla fine sorride

Messi e compagni fanno poco per superare l’Australia e all’ultimo secondo Kuol potrebbe mandare tutti ai supplementari
CICLISMO
24.06.2021 - 17:28
Aggiornamento: 17:49

Il giallo sloveno non piace alla Ineos

Scatta sabato il Tour de France numero 108, con Pogacar e Roglic favoriti. Ma lo squadrone britannico con ci sta e cala il poker di capitani

il-giallo-sloveno-non-piace-alla-ineos
Primoz roglic e Tadej Pogacar

Lo scorso settembre era finita con la vittoria di Tadej Pogacar sulla Planche des Belles Filles al penultimo giorno, quando il giovane fenomeno sloveno aveva sfilato la maglia gialla dalle spalle del connazionale Primoz Roglic che l'aveva indossata per 11 giorni. Sabato da Brest scatterà l'edizione 108 di un Tour de France che dovrebbe riproporre la sfida tra l'uomo della Uae Emirates e quello della Jumbo. Con la sicura intrusione nella lotta per il successo finale dei corridori della Ineos, di norma la squadra da battere, ma nel 2020 penalizzata dalla controprestazione di Egan Bernal.

Dopo un anno nel quale è stata corsa tra agosto e settembre, la Grande Boucle torna quest'anno in una collocazione più consona, per quanto il via verrà dato con una settimana d'anticipo per evitare la concomitanza con i Giochi olimpici di Tokyo. Ormai lontani i tempi in cui i primi dieci giorni di corsa erano riservati alla pianura e agli sprinter, gli organizzatori hanno proposto per il 2021 un percorso movimentato sin dalle giornate iniziali, con le prime due frazioni costellate di gran permi della montagna di terza e quarta categoria. Nel complesso, vi saranno 8 tappe pianeggianti, 5 di media montagna, 6 di montagna e 58 km da percorrere a cronometro (divisi in due giorni). Rispetto alla consuetudine, le ultime asperità saranno proposte già alla quart'ultima frazione, con il Tourmalet e la saluta a Luz-Ardiden. Per chiudere, due frazioni pianeggianti e, il penultimo giorno, la seconda prova contro il tempo. In totale, gli arrivi in salita saranno soltanto tre, uno nelle Alpi (Tignes), due nei Pirenei (Col du Portet e Luz-Ardiden). Nel complesso, le salite non mancheranno, con 5 colli catalogati hors-catégorie e 13 di prima categoria (vi risparmiamo la pletora di quelli di seconda, terza e quarta categoria). Quest'anno la corsa procederà in senso antiorario, per cui verranno affrontate dapprima le Alpi e in seguito i Pirenei e sarà proprio al confine con la Spagna che la corsa si deciderà.

Pogacar e Roglic hanno corso poco

Come detto, a Brest si apre la caccia a Tadej Pogacar. Lo sloveno parte ancora con i favori del pronostico, dopo un inizio di stagione esaltante con le vittorie all'Uae Tour, alla Tirreno - Adriatico e alla Liegi e uno stage in altura prima della partecipazione al Giro di Slovenia (vinto pure quello), meno impegnativo del Delfinato che molti aspiranti alla maglia gialla hanno posto in calendario. In totale, ha accumulato soltanto 29 giorni di competizione. Assetato di rivincita, Primoz Roglic sarà l'avversario più temibile, anche se il capitano della Jumbo, per scelta non gareggia più dal 25 aprile (soltanto 17 giorni fino a ora), per cui il suo stato di forma è tutto un mistero e andrà affinato con il passare dei chilometri.

Se i principali favoriti rimangono i due sloveni, la Ineos giunge alla Grande Boucle con l'intenzione di riprendersi il titolo. Non con Bernal, quest'anno dirottato con successo sul Giro, ma con quattro corridori potenzialmente tutti capitani: Richard Carapaz, Geraint Thomas, Richie Porte e Tao Geoghegan Hart. Il più in forma sembra essere Carapaz, recente trionfatore del Tour de Suisse, ma a stabilire la gerarchia sarà la strada e quando i giochi si faranno seri, qualcuno di loro dovrà per forza sacrificarsi a favore di chi dimostrerà di stare meglio.

Due anni fa Julian Alaphilippe, con 14 giorni in giallo e il quinto posto finale, aveva fatto sognare una Francia che aspetta di trionfare sotto l'Arco di Trionfo dal lontano 1985 (quinto successo di Bernard Hinault). Il campione del mondo in carica non è propriamente uno scalatore, ma ha dimostrato di possedere classe e inventiva, per cui vale la pena tenerlo in considerazione, soprattutto in un'edizione che presenta pochi arrivi in salita.

Occhio anche al colombiano Miguel Angel Lopez che alla Movistar potrà contare sull'aiuto di Alejandro Valverde, Enric Mas e Marc Soler, mentre voce in capitolo potrebbero averla anche Michael Woods (Israel), Estean Chaves e Simon Yates (BikeExchance), Rigoberto Uran (Education First), Jakob Fuglsang (Astana). Al via ci saranno pure due grandi rivali dell'ultimo decennio: Chris Froome (quattro volte vincitore) e Nairo Quintana (due volte secondo e una volta terzo). Per il britannico, il 2021 è sin qui stato un calvario, costellato di ritardi abissali e ritiri. Il keniano bianco non ha mai recuperato dalla caduta del 2019 al Delfinato e non è più in grado di puntare al quinto trionfo. Il colombiano, invece, potrebbe riservare qualche sorpresa, limitatamente alle tappe, ma pure per lui le stagioni passano e, per quanto possa ancora ambire a un piazzamento nella top 10, non sembra più in grado di lottare per un posto sul podio.

Sei svizzeri al via

Saranno sei gli svizzeri al via: Marc Hirschi, Stefan Küng, Stefan Bissegger, Reto Hollenstein, Michael Schär e Silvan Dillier. Hirschi sarà al servizio di Pogacar, ma avrà senza dubbio l'opportunità di ritagliarsi lo spazio necessario per cercare di bissare il successo ottenuto lo scorso anno a Sarran Corrèze, al termine della 12ª frazione. Küng e Bisegger punteranno alle due cronometro in programma e chissà che una vittoria nel primo dei due appuntamenti tic-tac, nel quinto giorno di corsa, non possa permettere di tornare a vestire una maglia gialla che in campo elvetico manca dal 2015 (Fabian Cancellara).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved