SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Formula 1
4 sec

È morto Jean-Pierre Jabouille. Aveva ottant’anni

Si è spento l’uomo che segnò l’inizio di un’epoca, portando per la prima volta al successo una vettura turbo sul tracciato di Digione, nel 1979
CALCIO
3 ore

Preparazione fisica, il tallone d’Achille della Nazionale

Pier Tami ha presentato le conclusioni dell’analisi svolta dall’Asf dopo i Mondiali. ‘Negli ottavi ci stiamo benissimo, per i quarti serve l’exploit’
Calcio
7 ore

Joaquin Ardaiz in prestito al Winterthur

Il 24enne uruguaiano lascia il Lucerna dopo mezzo campionato e un solo gol
nuoto pinnato
8 ore

Nuoto pinnato, Flippers Team in evidenza a Ravenna

Al Trofeo Bizantino Hrechko si impone nei 100 e 200 m monopinna, Smishchenko nei 50 apnea e monopinna e nei 100 monopinna e Del Ponte nei 50 apnea e mono
pallanuoto
8 ore

I Lugano Sharks a Basilea per i quarti di Coppa svizzera

Venerdì all’Eglisee gli uomini di Jonathan Del Galdo vogliono dar seguito al successo sullo Sciaffusa e qualificarsi per il final four
Calcio
8 ore

Varane non vestirà più la maglia ‘Bleu’

Il difensore centrale della Francia ha deciso di lasciare la Nazionale dopo 93 presenze e un titolo mondiale
TENNIS
8 ore

Marc-Andrea Hüsler aprirà le danze in Coppa Davis

Sarà lo zurighese a disputare la prima partita della sfida tra Germania e Svizzera. Nella seconda scenderà in campo Stan Wawrinka
SCI ALPINO
8 ore

Lucas Braathen operato di appendicite, addio Mondiali

Il 22enne norvegese ben difficilmente sarà ristabilito per il gigante (17 febbraio) e lo slalom (19 febbraio) della rassegna al via lunedì a Courchevel
Ciclismo
24.05.2021 - 18:14

Bernal blinda una maglia rosa che mostra con fierezza

Il colombiano della Ineos consolida la leadership nel Giro d'Italia imponendosi in solitaria a Cortina in una 16esima tappa accorciata a causa del maltempo

bernal-blinda-una-maglia-rosa-che-mostra-con-fierezza

Egan Bernal è sempre più padrone del Giro d'Italia e il colombiano lo ha voluto sottolineare all'arrivo della 16esima tappa, quando a pochi metri dal traguardo che stava raggiungendo in solitaria si è sfilato la mantellina nera della sua squadra, la Ineos, per mostrare a tutti la maglia rosa ancora più solidamente sulle sue spalle.

Una frazione quella da Sacile (Pordenone) a Cortina d'Ampezzo (Belluno) che ha vissuto un momento importante ancor prima della partenza, con i corridori che viste le avverse condizioni meteo – pioggia, freddo e nebbia – e ritenendo la discesa del Fedaia troppo pericolosa a causa del ghiaccio, hanno chiesto una modifica del percorso. Una richiesta accolta dagli organizzatori, che hanno loro malgrado deciso di rinunciare a due dei quattro Gran premi della montagna previsti, ovvero lo stesso Fedaia e Pordoi, con quest'ultimo che avrebbe dovuto essere la Cima Coppi, poi spostata sul Passo Giau (2233 metri di altitudine). Di conseguenza, la lunghezza della tappa è passata dai 212 km iniziali a 153, comunque duri e che hanno regalato spettacolo.

In primis come detto grazie al leader della classifica generale, che dopo aver già offerto una prova di forza sabato nella 14esima frazione tra Cittadella e il Monte Zoncolan – nella tappa corsa sempre in condizioni climatiche difficili e vinta in solitaria dall'italiano Lorenzo Fortunato, il 24enne di Bogotà ha sfruttato l'azione proposta a poco più di un chilometro dal traguardo da Simon Yates per staccare tutti gli altri uomini di classifica – stavolta si è pure andato a prendere la vittoria di giornata: a una ventina di chilometri dall'arrivo, Bernal ha deciso che era arrivato il momento di attaccare e in poche pedalate si è portato in testa alla corsa raggiungendo gli italiani Vincenzo Nibali e Davide Formolo e lo spagnolo Antonio Pedrero, che assieme a Gorka Izagirre, a Joao Almeida e a Amanuel Ghebreigzabhier (a quel punto già staccatisi) avevano firmato la fuga di giornata. Da quel momento la maglia rosa ha fatto corsa in testa, con il francese Romain Bardet e l'italiano Damiano Caruso (alla fine rispettivamente secondo e terzo) a rincorrerlo a distanza, con 27'' di ritardo al traguardo di Cortina. La seconda vittoria personale dopo quella nella 9a tappa che a Campo Felice aveva consegnato a Bernal la leadership e l'azione sullo Zoncolan hanno permesso al colombiano di mettere, alla vigilia dell'ultima giornata di riposo, una seria ipoteca su un Giro che ora guida con 2'24" di margine sullo stesso Caruso e 3'40'' sul britannico Hugh Carthy.

Quanto ai rossocrociati, il migliore di tappa è stato Kilian Frankiny, 29o a 11'48'' dal vincitore, mentre il vallesano Sébastien Reichenbach ha abbandonato la gara per un problema a un ginocchio.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved