Finlandia
Russia
15:00
 
AUGER-ALIASSIME F. (CAN)
Federer R. (SUI)
14:55
 
BENCIC B. (SUI)
MARTIC P. (CRO)
14:25
 
Finlandia
Russia
15:00
 
AUGER-ALIASSIME F. (CAN)
Federer R. (SUI)
14:55
 
BENCIC B. (SUI)
MARTIC P. (CRO)
14:25
 
la-coppa-del-mondo-rampa-di-lancio-per-il-giappone
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
EURO 2020
8 ore

Quel sinistro che consegnò Marc Hottiger alla storia della Nati

Il 1. maggio 1993 il laterale destro segnò il gol della vittoria contro l'Italia, spianando la strada verso Usa 94: ‘Peccato, non ho conservato le scarpette’
Euro 2020
15 ore

L'autogol di Hummels offre tre punti alla Francia

Il big-match all'Allianz Arena segnato pure dagli spunti di Mbappé e Benzema nella ripresa, le cui due reti sono però state annullate entrambe per fuorigioco
CICLISMO
16 ore

Al Tour stavolta c'è anche Chris Froome

A 36 anni, e dopo due di assenza, il keniano bianco sarà al via della Grand Boucle, il 26 giugno a Brest. Alla testa della formazione Israel Start-Up Nation
Euro 2020
18 ore

A Budapest il Portogallo dice grazie a (Willi) Orban

Ungheria frenata dal Var, che annulla il vantaggio di Schön all'81, e poi beffata da una deviazione del difensore, che stende pure Silva per il rigore dello 0-
Euro 2020
19 ore

Petkovic: ‘Dobbiamo frenare l'entusiamo dell'Italia’

Il selezionatore elvetico lancia l'attesa sfida di mercoledì con gli Azzurri di Mancini, che sulla Svizzera dice: ‘La rispettiamo, ci servirà un gran match’
Altri sport
20 ore

Il sogno ‘Weltklasse’ da toccare con mano

Finale cantonale della Kids Cup a Bellinzona: i vincitori parteciperanno alla finale svizzera a Zurigo
Euro 2020
20 ore

Il derby che non c’è ma che tutti vogliono vincere

Domani all’Olimpico va in scena la sfida numero 59 tra Italia e Svizzera, vissuta con fervore dalle nostre parti, meno in casa azzurra
EURO 2020
22 ore

Caso Arnautovic, aperta una procedura disciplinare

L'Uefa decide di investigare sulle parole pronunciate dal giocatore austriaco nei confronti degli avversari della Macedonia del Nord
Unihockey
23 ore

Comeback Cup, gli ‘aquilotti’ alle finali svizzere

Gli Under 14 dell'Unihockey Eagles Sementina impegnati sabato a Meilen contro i Lions per l'atto conclusivo della Coppa della loro categoria
Inline hockey
23 ore

Ticinesi tutte a segno in Lega Nazionale

La stagione si disputa su un solo turno, vale a dire 9 partite, a cui si aggiungono le varie serie di playoff e playout
Bocce
23 ore

Peschiera e Klein vincono la gara regionale dell'Ideal

A Riva San Vitale la coppia della San Gottardo ha superato 12-7 in finale Efrem e Simone Guidali (Centrale)
Ginnastica artistica
1 gior

Tre medaglie per il Ticino, tra le quali un oro

Ai Campionati svizzeri giovanili femminili di Obersiggenthal. Primo posto per Giulia Solcà nella categoria P3
atletica
1 gior

Regazzoni e Fumagalli velocissimi a Cornaredo

Nel primo BancaStato Grand Prix Ftral tanti ticinesi in evidenza con il personale. Domani a Tesserete il meeting serale dell'Usc
Calcio
1 gior

Bellinzona venerdì in Coppa contro i Black Stars

I granata in campo venerdì al Comunale (alle 19) contro i Black Stars per un incontro di qualificazione alla Coppa Svizzera 2021/22
EURO 2020
1 gior

Dagli ottavi di finale, Wembley aumenterà la capienza al 50%

Le due semifinali e la finale potranno essere disputate davanti a 40'000 spettatori. Nel tennis anche Wimbledon potrà riempire a metà i suoi campi
‘Vacanze’ romane
1 gior

Sergio, tassinaro della notte romana

Il viaggio di ritorno in albergo dallo stadio Olimpico dopo la partita di apertura dell'Europeo ci ha regalato un piacevole quanto inaspettato incontro
Calcio
1 gior

Morte Maradona: ‘Mi avevano ordinato di non svegliarlo’

Altri sei membri dell'équipe medica saranno ascoltati dalla procura argentina nell'ambito dell'inchiesta per ‘omicidio colposo con aggravante’
Gallery
Euro 2020
1 gior

Italia e Svizzera, ecco come la vedo io

Sensazioni, attesa ed emozioni di alcuni primattori dello sport ticinese alla vigilia della sfida di domani a Roma tra i rossocrociati e gli azzurri
Euro 2020
1 gior

Tra Spagna e Svezia le famosi reti inviolate

Il primo zero a zero arriva nella sfida serale del lunedì, a Siviglia, dove i padroni di casa vanno a sbattere addosso a una squadra scandinava solida e ordinata
Euro 2020
1 gior

Una deludente Polonia soccombe alla Slovacchia

Rimasti in dieci dal 62', Lewandowski e compagni costretti alla resa da un gol di Skriniar a venti minuti dalla conclusione
MOUNTAIN BIKE
 
05.05.2021 - 17:240

La Coppa del mondo rampa di lancio per il Giappone

I prossimi due weekend decisivi per l'assegnazione del terzo ticket elvetico per le Olimpiadi. Filippo Colombo: ‘La condizione c'è, punto a essere con i migliori’

Dopo la vittoria del 25 aprile a Stevenà, in Veneto, il primo weekend di maggio ha regalato a Filippo Colombo il quinto posto di Leukerbad, nella prova d’esordio della Proffix Swiss Bike Cup, gara dominata dal giovanissimo britannico Thomas Pidcock. La prestazione del biker ticinese è da ritenersi buona (pur se con qualche distinguo), a una settimana dall’inizio della Coppa del mondo, fissato l’8 maggio ad Abstadt, in Germania. Quella tedesca, unita a quella di metà mese a Nove Mesto, saranno le due gare che, di fatto, decideranno l’assegnazione del terzo biglietto per i Giochi olimpici di Tokyo, con la presenza di Nino Schurter e Thomas Flückiger già garantita… «Arrivo da un periodo piuttosto buono – afferma Colombo –, anche se la gara di Leukerbad non è andata proprio come mi sarei aspettato. In Vallese, però, puntavo soprattutto a fare fatica in chiave di preparazione per la Cdm, per cui da questo punto di vista l’obiettivo è stato raggiunto».

La fortuna non è stata amica del biker di Bironico… «Diciamo in primo luogo che ho commesso una serie di errori densi di conseguenze. Fosse stata una prova di Coppa del mondo, quindi con un livello più alto, non sarei riuscito a entrare nei 20 ed è per questo motivo che non sono completamente soddisfatto della mia prestazione. È però vero che dopo una buona partenza e una seconda posizione alle spalle di un Pidcock inarrivabile, nel secondo giro ho subito una foratura che mi ha fatto scivolare al nono posto. Ho recuperato in fretta – forse troppo in fretta –, mi sono lasciato prendere dalla foga e sono caduto. Ho subito un bel colpo, tanto da rimanere un paio di minuti senza fiato. Sono comunque ripartito, ho rimontato il gruppetto degli svizzeri, sono rimasto con loro fino all’ultimo giro, quando li ho lasciati e sono andato a conquistare il quinto posto. Non sono soddisfatto al cento per cento, ma alla fine si tratta di un piazzamento che mi rassicura».

I 10 giorni della verità

Le prestazioni di Colombo nelle ultime settimane dimostrano un crescendo di forma incoraggiante… «Sì, direi che la condizione c’è. La vittoria in Veneto mi ha dato grande fiducia. Mi sento bene, forse più forte che mai, ma questo lo potranno certificare soltanto i risultati. Fin tanto che non avrò staccato il biglietto per i Giochi non potrò essere sicuro di quello che realmente è il mio livello. Sono comunque contento di come stanno andando le cose e spero di riuscire a concretizzare tutto il lavoro svolto».

Adesso arrivano i 10 giorni della verità. Per assicurarsi un posto sul volo in direzione del Giappone vi possono essere due strategie: puntare a vincere le due gare di Coppa del mondo, oppure impostare la corsa con l’unico obiettivo di chiudere davanti ai diretti rivali rossocrociati… «Sono convito che sia più opportuno concentrarsi completamente sulla gara. Alla fine, un’eventuale qualifica sarà soltanto la conseguenza del risultato raggiunto. Parto per andare bene e forte, se poi ci sarà qualche altro svizzero più bravo di me, sarò contento per lui e un po’ meno per me stesso. Se dovessi essere il migliore tra gli svizzeri, ma chiudessi al 15º posto, non sarei comunque soddisfatto, in quanto vorrebbe dire non essere competitivo a livello mondiale. A me interessa avvicinarmi al top-10 che sarebbe un bel risultato, o addirittura al top-5 che rappresenterebbe un risultato eccezionale. Se poi davanti a me ci fossero quattro svizzeri, non mi resterebbe che accettare il risultato, ma io parto comunque per puntare al miglior piazzamento possibile. D’altro canto, l’obiettivo principale di questa stagione è di arrivare il più vicino possibile all’élite mondiale. Rispetto a un anno fa mi sembra di essere più avanti nella preparazione, per quanto i paragoni con una stagione particolare come quella del 2020 risultino difficili. In tutte le gare disputate sono sempre stato lì davanti, anche a Nalles, al cospetto tutti i migliori».

Filippo Colombo sa con esattezza chi è l’avversario da battere nella corsa all’ultimo ticket rossocrociato… «Lars Forster. Già campione europeo, già più volte sul podio di Coppa del mondo, già presente alle Olimpiadi di Rio, è lui a partire con i favori del pronostico. È molto più scafato di me e in stagione è partito forte, anche se poi a Nalles sono stato io ad arrivare davanti. Diciamo che nella volata per il Giappone lui si trova davanti, io spero di sfruttare la scia de di superarlo sotto lo striscione...».

Albstadt, percorso fisico e veloce

Da venerdì a domenica, dunque, si gareggia ad Albstadt… «Su un percorso molto fisico, con due salite. La prima è intervallata da una breve discesa che permette di rifiatare, la seconda è più lunga e continua. È un percorso veloce, tutto su terreno molto schiacciato e con ostacoli artificiali. Nell’ambiente non è tra i più amati, perché è il prototipo di un cross-country un po’ noioso. Ma è altresì vero che, per quanto non si addica alle mie caratteristiche, è proprio lì che ho conquistato la mia prima vittoria in Cdm tra gli U23. Certo, domenica il livello sarà molto diverso, ma pure io sono cambiato...».

Domani è in programma la short-track, domenica la gara vera e propria… «In ottica selezione, conta solo la prova di domenica. La short-track ha il compito di attribuire punti per la generale di Coppa del mondo (la metà rispetto alla gara vera e propria, ndr) e, fatto ancora più importante, l’ordine d’arrivo del venerdì stabilisce la griglia di partenza della domenica. Ed essere davanti fin dai primi colpi di pedale è sempre molto importante, per quanto il percorso tedesco, piuttosto largo, consenta anche molti sorpassi e, di conseguenza, importanti recuperi».

Tra i tanti papabili al successo nella prima prova di Coppa del mondo, spicca un nome che, forse, non tutti avevano tenuto in considerazione, quello del britannico Thomas Pidcock. Il 22.enne di Leeds, vincitore alla Freccia del Brabante, secondo all’Amstel, quinto alle Strade Bianche e sesto alla Freccia vallone, è uno dei nomi emergenti del ciclismo internazionale. E oltre a essere uno stradista di punta, è pure un eccellente biker (oro sia ai Mondiali, sia agli Europei U23 2020)... «Francamente, domenica ha dato una lezione di ciclismo a tutti. È già più di una promessa, i risultati nelle classiche primaverili lo dimostrano. È vero che il percorso di Leukerbad lo favoriva, con una lunga salita e una lunga discesa sulle quali la pedalata da stradista rendeva molto bene, ma quando è scattato in faccia a me e a Titouan Carod, ci ha letteralmente lasciati sul posto. Per come l’ho visto pedalare e per il tracciato che ci aspetta, lo considero il favorito per la prova di Albstadt. Contrariamente a molti stradisti, lui possiede il vantaggio di essere molto solido dal profilo tecnico, ciò che gli permette di non perdere in discesa quanto ha guadagnato in salita. Rispetto all’olandese Mathieu van der Poel, pure lui grande sia su strada, sia sullo sterrato, possiede un fisico diverso, ma entrambi possono essere annoverati nella categoria dei fenomeni. Ne vedremo delle belle...».

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved