SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Bob
1 ora

Stavolta per Michael Vogt il podio c’è per davvero

Quarto una settimana prima a Whistler, a Park City lo svittese chiude al terzo rango la prova di Coppa del mondo di bob a due
i mondiali dal divano
5 ore

Questione di prospettiva

Il gol del Giappone, la festa dei tunisini eliminati, ma vittoriosi sulla Francia: la felicità, nel calcio e non, dipende da come guardiamo le cose
Qatar 2022
12 ore

Storico ma inutile successo del Camerun sul Brasile

Gli africani, nel finale di partita, trovano con Aboubakar il gol per battere la formazione delle riserve verdeoro
QATAR 2022
13 ore

Shaqiri, Embolo, Freuler, la Svizzera è agli ottavi

Superata la Serbia al termine di una partita ricca di emozioni. Rossocrociati superiori all’avversario, prestazione eccellente
Sci
13 ore

Lake Louise, Sofia Goggia e un sorriso al fotofinish

Nella prima libera femminile della stagione l’italiana batte per 4 centesimi Suter e per 6 l’austriaca Hütter. Lara è 18esima: ‘Domani ci riprovo’
QATAR 2022
15 ore

Svizzera affronta la Serbia senza Sommer ed Elvedi

I due ancora alle prese con un attacco influenzale. Saranno sostituiti da Gregor Kobel tra i pali e da Fabian Schär in difesa. Shaqiri in campo da subito
Qatar 2022
16 ore

La Corea sconfigge il Portogallo B e va agli ottavi

I sudcoreani rimontano la rete iniziale lusitana, ribaltano il risultato e, grazie al maggior numeri di gol segnati, superano l’Uruguay
QATAR 2022
16 ore

Questione di millimetri, il gol del Giappone era valido

La Fifa precisa che la rete con la quale i nipponici hanno sconfitto la Spagna era regolare, siccome la proiezione della sfera toccava la linea di fondo
Qatar 2022
16 ore

L’Uruguay batte il Ghana 2-0, ma non basta

La sconfitta del Portogallo contro la Corea permette agli asiatici di superare la Celeste a livello di gol segnati
BASKET
28.04.2021 - 22:23

I Lugano Tigers e una vittoria... impossibile

Senza Nikolic e Steinmann i ticinesi mettono sotto gli Starwings, al termine di una gara avvincente. Cabibbo: 'Contenti per i ragazzi e la società'

i-lugano-tigers-e-una-vittoria-impossibile
Jules Aw in lotta con Sane Cheikh (Ti-Press/Crinari)

La vittoria… impossibile. È quella ottenuta dai Tigers, senza Nikolic e Steinmann, contro gli Starwings per 89-83, dopo una gara avvincente sul piano agonistico, mettendo da parte tecnica e altro. La squadra di Cabibbo, l’artefice primo di questo successo per come ha preparato la squadra, è riuscita a mettere al muro i basilesi con un solo straniero, Jackson, un esperto marpione, Aw, due “anziani” come Stevanovic e Bracelli e quattro giovanissimi che assieme hanno dato tutto sul campo. Un gioco veloce in attacco, una difesa a zona per arginare i rimbalzi, 28 a 42 alla fine, ma capaci di tirare con il 54%, 59% da 2, 23/39, e il 45% da 3, 10/22, contro avversari che hanno avuto un 45% globale, 6/22 da 3. Una prova tutto carattere e determinazione, con sole 9 palle perse contro le 13 basilesi. Una gara punto a punto, con vantaggi massimi mai sopra i 5 punti fino al 38’, quando Aw (13 punti e 13 rimbalzi). ha firmato il +6, 84 a 78 e a +8 con due liberi di Stevanovic (28 punti alla fine) 84 a 72 a 44” dalla sirena.

Una gara tirata: dopo il 23 a 19 alla prima pausa, si è in parità a quota 34 al 5’. Poi il Lugano va in affanno quando Burns si sveglia dal letargo e infila 11 dei 13 punti finali: 41 a 44. L’equilibrio non cambia nel terzo quarto, Bracelli e Stevaniovic mettono due triple ma Basilea reagisce: 55 pari al 6’. Equilibrio che rimane fino al 63 a 61 al 30’. Ancora a parità a quota 70 al 3’, poi Kovac infila una tripla, imitato da Stevanovic, +5, 79 a 75 al 7’. Negli ultimi 120” il mini break già descritto che vale un possibile quinto posto.

Non va dimenticato che Basilea ha giocato con quattro stranieri, Burns, Sane, Milon e Nathan, tenuti in campo per quasi 30 minuti! Eppure, hanno giocato in maniera pessima ma anche per demerito della difesa a zona bianconera che ha tolto loro spazi e certezze. Stevanovic è stato il topscorer con la sua miglior gara, dopo due mesi tra infortuni e covid, ma va detto che Aw ha lottato sotto le plance e, seppur in cattiva giornata al tiro, 6/14, ha fatto dei recuperi spettacolari come la stoppata su Burns. Bracelli, 7 punti, ha fatto la sua parte e Jackson, 15 punti, è stato molto lucido in regia, forzando pochissimo. Poi i giovani, da 8 a 25 minuti in campo, con Kovac 14 punti, 3/6 da 3, sempre molto concreto quando non forza, Togninalli 3 punti e un’ottima regia, Mina, 9 punti e fosforo in campo, Dell’Acqua e Bernardinello che hanno dato tutto in difesa. Insomma una squadra di carattere e capace di stare in campo anche senza stranieri, come è capitato per diversi minuti.

«Sono contento per i ragazzi e per la società – dice, emozionato, il coach dei ticinesi –. Perché la fiducia è stata ripagata: ci siamo allenati con la giusta mentalità e tutti sono andati in campo senza paura. Velocità, buoni movimenti e scelte di tiro adeguate. In difesa abbiamo cercato di arginare la loro forza fisica e siamo stati bravi. Come diceva il presidente, siamo orgogliosi di questa squadra e della volontà espressa da tutti, una vittoria che vale tantissimo, ben oltre i due punti».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved