SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
IL DOPOPARTITA
1 ora

Sono le situazioni a rendere speciale il ‘Rappi’

Un ottimo Lugano costretto alla resa dal powerplay sangallese. Gianinazzi: ‘Dobbiamo crescere in boxplay e stare alla larga dalla panchina’.
HOCKEY
3 ore

Il powerplay del Rapperswil è micidiale, Lugano battuto

La trasferta sangallese ha interrotto la striscia positiva dei bianconeri, sconfitti per 5-2 dagli uomini allenati da Stefan Hedlund
VOLLEY
4 ore

Sconfitto in campionato, il Lugano si rifà in Coppa

Le bianconere cedono strada all’Aesch Pfeffingen, prima di conquistare il biglietto per le semifinali nell’inedito derby con le ragazze di Bellinzona
BASKET
7 ore

La Coppa della Lega è della Spinelli Massagno

A Montreux si è imposta 73-69 contro il Vevey, grazie a una grande prova di Marko Mladjan, Williams e Galloway. Infortunio per Sefolosha
IL DOPOPARTITA
8 ore

L’Ambrì oltre i tre punti. ‘Abbiamo ritrovato la costanza’

I biancoblù rientrano da Langnau con tre punti d’oro sulla strada verso i preplayoff. ‘Ma restano altre 11 battaglie. Rüfenacht? Fisicamente è messo bene’
Calcio
9 ore

Acb, anno nuovo e problemi vecchi

Prestazione davvero deludente dei granata, sconfitti senza appello in casa dall’Yverdon (0-2)
Tennis
9 ore

Doppio colpo per Novak Djokovic

Il serbo a Melbourne fa suo il primo Slam dell’anno e riconquista la vetta dell’Atp. Fra le donne vince la bielorussa Sabalenka
Bob
10 ore

Bronzo mondiale per Vogt e Michel

A Sankt Moritz, nel bob a due, arriva la prima medaglia iridata per la Svizzera dal 2016
SCI ALPINO
12 ore

Mikaela Shiffrin si ferma a sei centesimi dal record di Stenmark

Nella Repubblica Ceca la statunitense chiude lo slalom alle spalle della tedesca Lena Dürr. Migliore elvetica, Michelle Gisin con il nono posto
Tennis
13 ore

Ventiduesimo Slam per l’insaziabile Djokovic

A Melbourne il serbo piega il greco Stefanos Tsitsipas in soli 3 set: 6-3, 7-6 (7/4), 7-6 (7/5)
Hockey
13 ore

Una giornata a Bristedt per la testata a Kovar

Lo svedese sanzionato dal giudice unico per l’intervento scorretto ai danni del ceco, sabato in Davos-Zugo. Punito anche Tanner per un fallo su Romanenghi
Sci
14 ore

Per Marco Odermatt, a Cortina è... ancora domenica

Il nidvaldese completa un weekend da favola: dopo il trionfo della vigilia, il 25enne concede il bis nel secondo superG
Hockey
1 gior

Tre punti d’oro per un affarone: l’Ambrì espugna Langnau

I biancoblù colgono un importantissimo successo nell’Emmental e fanno 4 su 4 contro i Tigrotti in stagione. Decisivo l’apporto della prima linea
CALCIO
1 gior

Aliseda all’ultimo respiro, il Lugano strappa un punto al Gc

Partita senza grosse emozioni che si chiude con un pareggio tutto sommato giusto e accettabile da entrambe le squadre
Basket
1 gior

Domati i Leoni ginevrini, Sam all’ultimo atto

A Montreux il Massagno di Robbi Gubitosa non stecca e si qualifica per l’ultimo atto di Coppa della Lega
Sci
1 gior

Shiffrin ancora davanti a tutte: 85esima vittoria per lei

La statunitense vince anche fra i paletti stretti di Spindleruv Mlyn e ora tallona Stenmark. Terzo posto per Wendy Holdener.
Tennis
1 gior

È Aryna Sabalenka la regina d’Australia

La bielorussa fa suo il primo Slam dell’anno. Battuta in finale, in tre set, Elena Rybakina al termine di una sfida durata due ore e mezza
Sci
1 gior

Rientro riuscito: Odermatt fa suo il primo superG di Cortina

Il nidvaldese non lascia scampo alla concorrenza. Ad accompagnarlo sul podio il norvegese Kilde (secondo a 35 centesimi) e l’italiano Casse
CICLISMO
17.04.2021 - 15:39

Un'Europa aperta a giovani e solidarietà

A inizio marzo Rocco Cattaneo ha lasciato la presidenza dell'Unione ciclista europea: ‘In questi anni abbiamo cercato di essere innovativi’. Per il ticinese un futuro nell'Uci?

un-europa-aperta-a-giovani-e-solidarieta
Cambio al vertice tra Rocco Cattaneo e Enrico Della Casa

«Lascio una federazione sana, giovane nelle idee e nello spirito, con molti progetti per il futuro». A inizio marzo, in un congresso svoltosi in forma virtuale, Rocco Cattaneo ha lasciato la presidenza dell’Unione ciclistica europea (Uec) all’ex segretario generale, l’italiano Enrico Dalla Casa. Per il dirigente ticinese, un quadriennio al vertice di quella che è la confederazione più importante del ciclismo mondiale, durante il quale l’Uec ha conosciuto un importante sviluppo… «Ero giunto alla federazione europea grazie all’allora presidente David Lappartient, già interessato a correre per la poltrona di presidente dell’Unione ciclistica internazionale (Uci). Mi aveva proposto, nel caso di una sua elezione, di prendere il suo posto ad interim all’Uae, nell’attesa di venir eletto nel 2018 dal congresso di Istanbul. E così è stato».

Dopo un solo mandato, però, la rinuncia alla carica… «Ho deciso di mollare, in quanto al momento attuale sono più interessato a lavorare in seno al comitato direttivo dell’Uci, per il quale mi sono formalmente candidato. Tra i vari nomi proposti in modo ufficiale dalla confederazione europea c’è anche il mio, per cui l'aver superato il primo step è già un bel risultato. Adesso si tratta di attendere la benedizione del congresso che si terrà in autunno in Belgio. Se tutto andrà come spero, nel corso della prima riunione del consiglio direttivo verranno decise le responsabilità di ogni membro. In qualità di presidente Uec ero inserito di diritto nel consiglio direttivo ed ero alla testa della commissione di controllo finanziario, della quale continuerò a far parte fino al giorno del congresso. Per quel che sarà della mia attività futura, nel caso di elezione spetterà al presidente dirmi dove ritiene più opportuno che io agisca».

L'80% del movimento mondiale

Quella legata all’Uci rimane, per ora, storia futura. Adesso c’è innanzitutto da stilare un bilancio dell'attività svolta alla testa dell’Unione ciclistica europea… «Nel corso della mia gestione ho cercato di portare delle novità in seno a quella che rimane la confederazione più importante. L’Europa, non dimentichiamolo, rappresenta oltre l’80% di tutto il movimento ciclistico per quanto attiene all’organizzazione di gare e al numero di ciclisti tesserati in tutte le discipline olimpiche (strada, mountain bike, Bmx, Bmx freestyle e pista, ndr), più il ciclocross che non è disciplina olimpica ma rappresenta comunque un pezzo di storia del ciclismo e che negli ultimi anni sta conoscendo una rinascita dopo essere stato quasi ucciso dall’avvento della mountain bike. Nonostante i numeri importanti del movimento europeo, l’Uec ha una struttura molto agile, con appena quattro persone impiegate a tempo fisso. Ma ciò non le impedisce di organizzare oltre 50 campionati europei nelle varie discipline. Il mio intento è sempre stato di andare incontro ai giovani, sia con l’organizzazione di gare nelle varie categorie, sia nell’avvicinare la federazione a discipline nuove. L’Uci punta soprattutto su élite e U23, l’Uec cerca di aprirsi alle future leve e promuovere tra i giovani il ciclismo, in tutte le sue forme».

Lo scorso ottobre l’Uec è arrivata al Monte Ceneri con l’organizzazione degli Europei di mountain bike… «A dimostrazione di quanto è agile la nostra struttura. In poche settimane siamo riusciti a mettere in piedi una manifestazione che ha portato in Ticino un parco atleti di altissimo livello».

E agili sono diventati anche i format delle competizioni, in particolare quelle su strada… «Con Della Casa ci siamo detti che il nostro compito non era di organizzare un Mondiale B, ma un Europeo. Abbiamo così deciso di ridurre drasticamente il chilometraggio, portandolo a un massimo di 180 km e di accorciare sensibilmente anche i circuiti (10-13 km), anche perché le gare spettacolari non le fanno i chilometri, bensì i corridori. Inoltre, le cronometro vengono disputate sullo stesso tracciato, di 25-30 km, uguale per tutti, con una classifica unica che va ad affiancarsi a quelle tradizionali per le diverse categorie. Quest’anno abbiamo pure avanzato la proposta di ammettere alle competizioni gli U24, in modo da recuperare l’anno perso a causa della pandemia. Abbiamo portato l’idea alla commissione strada dell’Uci, dove è però stata bocciata. Di conseguenza, siccome sono i regolamenti Uci a definire le varie categorie, l’idea degli U24 non ha potuto essere portata avanti nemmeno a livello europeo».

Progetti di solidarietà

Tanto è stato fatto, ma tanto c’è ancora da fare. Soprattutto per una vasta porzione dell’Europa che al ciclismo professionistico si sta aprendo soltanto in questi anni… «L’idea è sempre stata di promuovere il ciclismo nei paesi dell’Est europeo. L’Uec conta 50 federazioni, con un blocco orientale ricco di tradizione e giovani, ma al quale fanno difetto le infrastrutture: ha il pane, ma non i denti. Slovenia, Repubblica ceca, Bosnia, Croazia, Slovacchia, hanno tutti eccellenti movimenti giovanili, ma sono carenti a livello di mezzi. La federazione, anche in collaborazione con l’Uci, cerca di sostenere progetti di solidarietà per migliorare le condizioni di allenamento e di formazione».

Fino a qualche decennio fa, parlare di ciclismo significava parlare di strada. Adesso le cose sono cambiate… «È vero, il mondo della due ruote presenta declinazioni sempre nuove. Abbiamo le cinque discipline olimpiche, ma anche il ciclocross, il ciclismo artistico e il ciclopalla. E a breve verranno organizzati pure i Mondiali di pumptrack (per gli Europei occorrerà ancora attendere). C’è da lavorare molto e in ambiti assai diversi».

Per farlo e portare avanti progetti sempre nuovi, occorrono finanze solide. Che un anno di pandemia non ha certamente contribuito a cementare… «Non siamo messi male nemmeno dal profilo economico. Nel 2020 siamo andati incontro a una perdita finanziaria, ma abbiamo potuto attingere a riserve accumulate negli anni precedenti. Lo scorso anno, il fatto di dover rincorrere in continuazione gli eventi, spostando all’ultimo momento la sede di questo o quel campionato europeo ci ha ovviamente costretti a spendere più di quanto preventivato, ma ciò non influirà sulle organizzazioni future».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved