cabibbo-sul-tonfo-del-lugano-non-e-colpa-dei-giovani
Ti-Press
Brutto ko per Steinmann e compagni
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
EURO 2020
7 ore

Quel sinistro che consegnò Marc Hottiger alla storia della Nati

Il 1. maggio 1993 il laterale destro segnò il gol della vittoria contro l'Italia, spianando la strada verso Usa 94: ‘Peccato, non ho conservato le scarpette’
Euro 2020
13 ore

L'autogol di Hummels offre tre punti alla Francia

Il big-match all'Allianz Arena segnato pure dagli spunti di Mbappé e Benzema nella ripresa, le cui due reti sono però state annullate entrambe per fuorigioco
CICLISMO
15 ore

Al Tour stavolta c'è anche Chris Froome

A 36 anni, e dopo due di assenza, il keniano bianco sarà al via della Grand Boucle, il 26 giugno a Brest. Alla testa della formazione Israel Start-Up Nation
Euro 2020
16 ore

A Budapest il Portogallo dice grazie a (Willi) Orban

Ungheria frenata dal Var, che annulla il vantaggio di Schön all'81, e poi beffata da una deviazione del difensore, che stende pure Silva per il rigore dello 0-
Euro 2020
17 ore

Petkovic: ‘Dobbiamo frenare l'entusiamo dell'Italia’

Il selezionatore elvetico lancia l'attesa sfida di mercoledì con gli Azzurri di Mancini, che sulla Svizzera dice: ‘La rispettiamo, ci servirà un gran match’
Altri sport
18 ore

Il sogno ‘Weltklasse’ da toccare con mano

Finale cantonale della Kids Cup a Bellinzona: i vincitori parteciperanno alla finale svizzera a Zurigo
Euro 2020
19 ore

Il derby che non c’è ma che tutti vogliono vincere

Domani all’Olimpico va in scena la sfida numero 59 tra Italia e Svizzera, vissuta con fervore dalle nostre parti, meno in casa azzurra
Basket
28.03.2021 - 13:160

Cabibbo sul tonfo del Lugano: ‘Non è colpa dei giovani’

Nel match che avrebbe dovuto consolidare il quinto posto, i Tigers hanno regalato due quarti a un Monthey in giornata di grazia e si sono inchinati 100-86

Doveva essere la partita che avrebbe garantito o perlomeno dato solidità al quinto posto dei Tigers e invece il match dell'Elvetico per il Lugano si è rivelato un tonfo senza costrutto, terminato 100-86 in favore del Monthey. Un primo tempo da incubo, con due quarti finiti con l’identico punteggio di 19-32, per un totale di 38-62. E non contro una prima della classe ma contro una compagine vallesana che, grossomodo, sta nelle stesse condizioni dei bianconeri in fatto di finanze, uomini e potenzialità.

Poi è vero che gli ospiti hanno avuto una felice giornata al tiro nei primi due quarti di gara, con 9/13 dai 3 punti e 15/22 (68%) da 2, ma di ciò possono anche ringraziare l'atteggiamento da belle statuine dei bianconeri in difesa: prendere 100 punti da una squadra che mediamente ne realizza 74, è tutto dire... E questo senza addossare specifiche colpe ai giovani schierati da coach Cabibbo nei primi due quarti, prima di lasciarli praticamente sempre in panchina nella seconda parte della gara. Ossia quando i Tigers hanno cominciato a giocare a basket, difendendo bene, attaccando con criterio e risalendo dal -26 al -11 (59-70 al 5') grazie a un parziale di 19-5. Ma quando già si pensava a completare la rimonta, visti i limiti degli ospiti, tre palle perse in modo assurdo hanno ridato fiato agli avversari (tornati sul 62-77 al 7’), prima di un colpo di coda dei padroni di casa (68-79 al 30’).

Ultimo quarto con il Lugano a recuperare fino al -8, (81-89 al 6’) ma poi alcune sbadataggini e un tre su tre dalla lunga distanza dei vallesani hanno segnato l’86-100 finale. Al netto di tutto, va detto che i ticinesi hanno sprecato troppo nei primi 20 minuti, con Nikolic a prendere i primi 2 punti dopo 7 minuti, lui che è il top scorer della squadra. Abulici gli altri, fatta eccezione per capitan Steinmann, qualche spunto di Jackson, fuori fase Aw con 6/14: ma il Monthey è volato lontano a suon di triple senza faticare troppo e ha vinto con merito.

«Abbiamo perso di squadra – commenta un deluso Salvatore Cabibbo a fine gara –. Non è certamente colpa dei giovani se siamo sprofondati dopo due quarti. Poi ci siamo ripresi ma recuperare 26 punti non è una cosa facile. Abbiamo avuto due o tre occasioni per tornare a due possessi, ma le abbiamo sprecate. Loro hanno avuto una giornata di grazia al tiro e ne hanno beneficiato».

In sintesi, il Lugano che viaggia verso il finale di stagione è questo (pur lamentando l’assenza di Stevanovic) e si è visto come sarà opportuno dare ulteriore fiducia ai vari Kovac, Mina, Togninalli e Dell’Acqua, giovani che devono essere parte della ricostruzione.

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved