il-lugano-cerca-gioco-la-sam-costanza-e-cinismo
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
7 ore

‘Contro il Lugano II voglio vedere l’atteggiamento giusto’

Debutta domani a Giubiasco il Bellinzona di David Sesa, già rimasto colpito da Pablo Bentancur e ‘dal suo amore ed entusiasmo per il club’
Nuoto
7 ore

Rientro da Budapest con (spiacevole) sorpresa per Noè Ponti

Reduce dai Mondiali in Ungheria, il gambarognese, via social, ha comunicato la sua positività al coronavirus
Tennis
9 ore

Golubic non stecca l’entrata. Laaksonen e Bencic invece sì

La zurighese supera il primo turno di Wimbledon battendo in due set (chiusi con il punteggio di 6-4 6-3) la tedesca Perkovic
Tennis
10 ore

Wimbledon finisce ancora prima di iniziare per Berrettini

Finalista lo scorso anno, l’italiano deve alzare bandiera bianca a poco dal suo esordio. Fermato dalla positività al coronavirus
Atletica
10 ore

Doping, quattro anni di stop per Alex Wilson

Lunga squalifica per lo sprinter elvetico, positivo al trenbolone. A 31 anni, la sua carriera rischia di chiudersi qui
Storie mondiali
18 ore

Buff Donelli, una star del football prestata al soccer

La seconda edizione della Coppa del Mondo di calcio, nel 1934, fu voluta e accomodata da Mussolini in persona
nuoto sincronizzato
23 ore

Il nuoto sincronizzato in Svizzera fa i conti con gli abusi

Bufera sul dipartimento gestito da Swiss Aquatics, respingono le accuse ma si dimettono i co-direttori sportivi Markus Thöni e Patricia Fahrni
Tennis
1 gior

Wawrinka cede alla distanza a Jannik Sinner

Il vodese deve salutare Wimbledon al primo turno, sconfitto dal talentuoso italiano 7-5 4-6 6-3 6-2
ciclismo
1 gior

Tour de France, non ci saranno Alaphilippe e Cavendish

I due non sono stati convocati dalla Quick-Step
Basket
05.02.2021 - 16:56
di Dario 'Mec' Bernasconi

Il Lugano cerca gioco, la Sam costanza e cinismo

Per i Tigers domani lunga trasferta a Monthey contro un avversario dal rendimento simile, la corazzata Massagno invece ospita domenica il Boncourt

Le due ticinesi scendono in campo nel weekend per la quindicesima giornata di campionato, altre compagini si giocano già la sedicesima. I Tigers domani vanno in Vallese contro quel Monthey che aveva subito un -22 e realizzato solo 48 punti all’andata. Ma quel Monthey di novembre era reduce da diverse pause causa covid e per nulla attendibile, tanto che oggi viaggia come i bianconeri a quota 10 punti in classifica. Inoltre si gioca in Vallese e se non è il fattore campo a influire, vista l’assenza di pubblico, qualcosa è pur sempre generato da cinque ore di bus, se tutto va bene. La squadra di Cabibbo ha dimostrato che può giocarsela con tutti gli avversari di seconda fascia e quindi non lascerà nulla di intentato. Sarà importante recuperare Nikolic, apparso molto nervoso e poco addentro ai giochi offensivi dei bianconeri, anche a causa dei pochi palloni giocabili: una media di nove tiri nelle ultime due gare ne sono la testimonianza e stiamo parlando del top scorer, mica del sesto uomo. Il Lugano ha bisogno dei suoi punti ma occorre una migliore circolazione della palla e un gioco interno più efficace. Poi ben vengano i canestri degli esterni, con Steinmann e Louissant mani calde. Infine ci si aspetta che Jackson diventi più incisivo in attacco e più veloce nelle scelte, mentre con Aw sempre costante, ci vorrebbe un passo avanti su tutta la linea anche da Bracelli. I giovani dal canto loro stanno facendo i progressi.

Attenzione e determinazione da mantenere per 40 minuti

La Spinelli, reduce dalla sonante vittoria in Coppa contro Neuchâtel, affronta a Nosedo il Boncourt, domenica alle 16. La squadra giurassiana sta al quinto posto con un rendimento consono ai suoi investimenti e non può certamente puntare molto oltre. Il complesso è di quelli che non si abbattono mai, con un buon quintetto: l’ex "pivottone" Jankovic, l’ex Lugano Kozic e poi Cooper, Seylan e Fongué. Ma dietro non troviamo molta sostanza, se non il sempiterno Calasan che, se gli lasci un metro, ti castiga. Nulla a che vedere, in ogni caso, con l’armata di Gubitosa, che è in grado di schierare almeno dieci uomini senza che ci siano cali di rendimento, sempre che i cambi siano equilibrati. Mettere tre ticinesi lasciando tre stranieri in campo, come si è visto di recente, non è molto utile agli stessi giocatori nostrani. Ma sono licenze, diciamo così, che nascono anche dalla forza del gruppo e dalla consapevolezza che la forza c’è comunque sempre. Per Massagno l’unico problema è la sua capacità di essere sempre sul pezzo, vale a dire lottare senza cedere nulla all’avversario e soprattutto metterlo fuori dall’incontro. Si è visto spesso come le distrazioni portino a un recupero e poi non è sempre facile rimettersi in carreggiata. Non crediamo nemmeno che il coach voglia risparmiare i suoi in vista del derby di mercoledì all’Elvetico, proprio perché la differenza di potenziale è talmente evidente – sia oggi sia mercoledì – che sarebbe una scusa barbina. Vedremo se la Sam saprà dimostrare di essere determinata e attenta per 40 minuti.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lugano tigers spinelli massagno
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved