SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Tennis
5 ore

Bollettieri, il fabbricatore di campioni

Vita, metodi, successi e segreti del più celebre allenatore della storia del tennis, scomparso pochi giorni fa a 91 anni
gallery
sci freestyle
7 ore

L’addio di Nicole Gasparini alle gobbe: ‘Non ne avevo più’

La 25enne ticinese si ritira: ‘Un po’ di paura del cambiamento c’è, ma ora mi accorgo di aver vissuto moltissime esperienze’.
I mondiali dal divano
7 ore

Siamo tutti marocchini (almeno una volta nella vita)

La vittoria del Marocco contro la Spagna può anche essere vissuta come una sorta di rivalsa dei migranti contro i padroni di casa
Volley
13 ore

Alla Riveraine il Lugano sfiora uno storico successo

Grande reazione delle ragazze di Apostolos Oikonomou sul campo del capolista Neuchâtel, che (a fatica) riesce a spuntarla soltanto al tiebreak
Qatar 2022
16 ore

Messi: ‘I tifosi ci danno la carica’

La Pulce ricorda l’importanza dei supporter alla vigilia del quarto di finale contro l’Olanda
unihockey
17 ore

Solo il Ticino di Tomatis festeggia il successo

I rossoblù sconfiggono il Langenthal Aarwangen, ma poi si arrendono all’Eggiwil. Verbano battuto da Thun e Grünenmatt.
Qatar 2022
17 ore

Brasile-Croazia, classe contro compattezza

Nel primo quarto di finale, i balcanici affrontano i lanciatissimi sudamericani
Tennis
18 ore

Wawrinka spianatutto, dopo Berrettini sconfigge anche Rublev

Il vodese si regala le semifinali al torneo esibizione negli Emirati Arabi, dove domani contenderà al russo Daniil Medvedev il posto nell’atto decisivo
Hockey
18 ore

Ambrì, il ritorno (inatteso) di Claude Julien

Da domani, e per una dozzina di giorni, il sessantaduenne tecnico che si è fatto un nome nella Nhl tornerà a dispensare consigli alla Gottardo Arena
qatar 2022
19 ore

La Nazionale è ritornata in Svizzera

Giocatori e staff sono atterrati a Kloten, dove sono stati accolti da amici, parenti e tifosi
BASKET
31.01.2021 - 18:47

La Sam senza patemi, il Lugano ci prova invano

Contro gli Starwings, alla Spinelli basta allungare dopo la pausa. I Tigers vanno vicini al colpaccio a Neuchâtel

la-sam-senza-patemi-il-lugano-ci-prova-invano

Una sconfitta e una vittoria per le due ticinesi di serie A: il Lugano perde a Neuchâtel, la Spinelli non lascia nulla agli Starwings. I Tigers ieri sono andati vicino a quel colpaccio di cui si diceva sabato. Hanno perso 98-92 contro un Neuchâtel che ha avuto percentuali molto alte con un 57% al tiro – 62% da 2, 41% da 3, 73% dai libri – contro un Lugano che non ha tirato male, 50% complessivo – 57% da 2, 35% da 3 ma 65% nei liberi –. Ma, sbagliando appunto 10 tiri liberi e concedendo la bellezza di 25 punti in contropiede, i bianconeri non hanno potuto che soccombere. Diciamo che è stata una partita di… una volta, con soli due stranieri in campo per parte e, nessuno ce ne voglia, anche la qualità tecnica si è fatta sentire. «In partite come queste –commenta Cabibbo – se perdi 15 palloni che gli avversari mettono a frutto con
11 recuperi e tanti punti in contropiede, non puoi pensare di vincere. Eppure non abbiamo giocato male, sia incappati in un brutto inizio di ultimo quarto e abbiamo pagato».

Già, perché i Tigers sono andati all’ultima pausa a -9, 79-70, per poi ritrovarsi dopo 4 minuti a -15, 91-76. Il recupero fino a 97-90 a poco più di un minuto dalla sirena finale non è bastato. Una gara sempre in equilibrio con Neuchâtel a condurre dalla fine del primo quarto, un 30-22 che la dice lunga sull’efficacia delle difese. E, nella logica del gioco, alla fine l’ha spuntata Neuchâtel. Un Lugano che ha avuto una buona prova da Kovac, 9 punti, 4/4 al tiro, e in Louissant il top scorer. Meno brillante del solito Nikolic, 8 punti in 33 minuti, giocatore in crisi d’identità e d’armonia. Lugano: Nikolic 8, Jackson 12, Steinmann 17, Aw 15, Louissant 28, Bracelli 3, Kovac 9, Dell’Acqua, Togninalli, Mina.
La Spinelli ha battuto senza patemi d’animo un Basilea molto volenteroso, ma assai modesto da un punto di vista tecnico e con una panchina certamente non esaltante. La gara si è trascinata nei primi due quarti su ritmi molto bassi, con Massagno a condurre i giochi ma senza incidere molto sulle differenze. Distacchi mai superiori ai 5 punti, con Basilea che ha trovato persino un +3 al 3’ del 2° quarto, 27-30. Poi un 8-0 dei padroni di casa ha rimesso avanti la Sam per un 47-43 alla pausa. Durante l’intervallo Gubitosa ha dato la sveglia ai suoi e in entrata di quarto la partita si è chiusa: la Sam ha infilato un 11-0, per il +17, 54-37. Gli Starwings han trovato i primi due punti dopo 4’47” e da lì via hanno arrancato: +18 all’ultima pausa, 72-54 e poi lo score è salito, anche con le “seconde linee” in campo. Il +23 lo ha firmato Facchinetti con una tripla e il massimo vantaggio Veri dalla lunetta che è stato anche quello finale, 95 a 70. «Avevamo la testa a Neuchâtel, dove mercoledì ci giochiamo i quarti di Coppa Svizzera. Oggi non c’era un avversario impossibile ma siamo stati noi a tenerlo in partita per metà gara. Poi, finalmente direi, abbiamo difesa con intensità per 5 minuti, recuperato quattro palloni di fila, giocato con la testa in attacco e abbiamo scavato il vuoto». Slokar, 20 minuti di campo, 12 rimbalzi e 10 punti: tutto ok? «Diciamo che stiamo cercando di recuperarlo al meglio, sappiamo che lui è importante, ma deve ancora lasciarsi alle spalle un infortunio che lo limita, anche mentalmente. Ma su lui possiamo contare». Spinelli: D.Mladjam 19, Martrino 9, Facchinetti 3, Molteni 3, Chukwu 6, Richardson 0, Hüttenmoser, Nottage 21, Andjelkovic 4, Veri 3, M.Mladjan 17, Slokar 10.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved