arbitraggio-in-svizzera-si-va-a-spanne
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Altri sport
3 ore

Lo sport sballottato da un anno di pandemia

Riviviamo a grandi linee quanto successo nel mondo sportivo dalle prime decisioni per contrastare il coronavirus nel febbraio 2020 a oggi
Sci
4 ore

Lara Gut-Behrami trionfa in Val di Sassa

La ticinese si è imposta nella discesa femminile. Secondo posto per Corinne Suter. Terza Kira Weidle
Calcio
10 ore

Reto Ziegler, USAto sicuro per il Lugano

Il 35enne ex internazionale elvetico, reduce dall'esperienza oltreoceano, è pronto ad aiutare i bianconeri (in emergenza difesa) già da domani a Losanna
Gallery
Hockey
18 ore

All'ultimo respiro, l'Ambrì Piotta stende il Rapperswil

I biancoblù sconfiggono la loro bestia nera. Ma perdono già nel corso del primo tempo Julius Nättinen
Hockey
18 ore

A Lugano la vendetta è un piatto che va servito di venerdì

Il giorno dopo, Boedker e compagni si rifanno con veemenza sul Servette: doppiette per il danese e per Fazzini e reti di Arcobello, Lajunen e Bürgler
Basket
22 ore

Via alla terza fase del massimo campionato

La Spinelli ospita, domani alle 17.30 a Nosedo, il Boncourt. Il Lugano alla stessa ora sarà ospite della capolista Ginevra
Calcio
1 gior

Ottavi di Europa League, lo Young Boys pesca l'Ajax

Avversario abbordabile per i campioni svizzeri negli ottavi di finale. Intrigante la sfida tra Manchester Unitde e Milan
Gallery
Sci alpino
1 gior

Per Lara Gut-Behrami vittoria e sorpasso in vetta alla generale

La ticinese ha vinto la prima delle due libere in Val di Fassa scavalcando Petra Vlhova in testa alla classifica generale di Coppa del mondo
Calcio
1 gior

L'Yb a Leverkusen festeggia il biglietto per gli ottavi

I gialloneri di Gerardo Seoane vincono anche la sfida d'andata in Europa League, mettendo sotto il Bayern di nuovo grazie a un gol di Siebatcheu
BASKET
19.01.2021 - 16:040
Aggiornamento : 20:22

Arbitraggio, in Svizzera si va a spanne

Anche chi in campo europeo eccelle, come Clivaz, da noi è incline a dimostrare il suo potere. E per tecnici e giocatori, adeguarsi diventa un'impresa

Torniamo a parlare di arbitraggi, viste le ultime partite che hanno coinvolto le nostre squadre. Quello che è apparso chiaro a tutti, e non solo a noi ticinesi, è che in campo si va a spanne, con un occhio al risultato e il conseguente adeguamento delle fischiate. Lo si è visto molto bene sabato a Ginevra: un primo tempo arbitrato molto bene da Clivaz, Novakovic e Pillet, durante il quale è stato concesso poco o nulla al gioco sporco dei ginevrini, mani addosso, blocchi in movimento e spinte. Poi, con Massagno avanti di 11 a inizio del terzo quarto, ecco montare in cattedra soprattutto (e il solito, direi) Clivaz. Lui è certamente il miglior arbitro in Svizzera e le sue direzioni in gare europee lo dimostrano. Nelle gare da me viste, non ho mai notato atteggiamenti strafottenti e provocatori come fa nel nostro campionato, il suo arbitraggio è lineare e concreto. E, anche se un giocatore o un coach si lamenta in maniera civile, non elargisce fatti tecnici a vanvera: come fa troppo spesso in Svizzera. Se a fine gara, un giocatore di Ginevra ha commentato “MVP du match, Clivaz”, qualche significato deve pure averlo. La Spinelli ne ha fatto le spese, al netto dei passaggi a vuoto e dei tiri liberi sbagliati, ma gli errori sul campo dei giocatori non sono certamente volontari, mentre decidere se fischiare un secondo prima o uno dopo, se tollerare quello che prima non si era tollerato e se dare falli tecnici per ogni banalità verbale, la volontà c’è tutta. Non spetta agli arbitri aiutare chi è in difficoltà, loro sono pagati, e profumatamente, per tenere in equilibrio l’applicazione delle regole per 40 minuti, sia che le squadre siano punto a punto, sia che una abbia 20 punti di vantaggio sull’altra. E, lo abbiamo visto spesso, come il cambio consapevole di metro a favore della più debole, abbia riaperto più volte partite già finite. Anche perché chi arbitra con Clivaz ne è succube e si adegua al suo metro, pur di non andare contro a chi decide dentro e fuori il campo.

Questo esempio non è solo di netta marca “clivaziana”, altri arbitri del Gotha seguono le sue orme perché è un modo per dimostrare il loro potere sul campo, come abbiamo visto fare da Mikaelides e compagni in recenti gare. Poi, l’abbiamo già sottolineato, certi giocatori dovrebbe evitare qualsiasi atteggiamento negativo a ogni fischiata. Ce ne sono alcuni che sono ovviamente nel mirino degli arbitri per la loro cattiva abitudine a lamentarsi per ogni fischio fatto contro di loro o per un fallo subito e non fischiato. È giusto difendersi, ma si sa che ogni volta che si discute si genera nell’arbitro la voglia dell' “adesso ti faccio vedere io” e le cose peggiorano.

Quello che ci auguriamo sempre e da sempre, è che le partite e i trofei siano i giocatori a deciderli e non gli umori ondivaghi di chi dirige. Soprattutto, acquisire linearità nel giudicare dal primo all’ultimo minuto, consentendo a giocatori e allenatori di adeguarsi al metro iniziale e  poter giocare senza sentirsi penalizzati dai cambi di metro. Altrimenti, anche da questo punto di vista l’insieme del nostro basket non potrà mai migliorare.

SPORT: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved