SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
unihockey
3 ore

Il Ticino è ai playoff ‘e non era evidente’

I rossoblù di capitan Monighetti hanno chiuso settimi la regular season, ora nei quarti c’è l’Obvaldo: ‘Avversario giocabile, ciò che viene, viene’
OLIMPIADI
13 ore

La posizione di Washington: ‘Sì ai russi, ma senza bandiera’

Anche gli americani dicono la loro sulla presenza degli atleti di Russia e Bielorussia a Parigi. ‘Dev’essere chiaro che non rappresentano il loro Paese’
Formula 1
13 ore

È morto Jean-Pierre Jabouille. Aveva ottant’anni

Si è spento l’uomo che segnò l’inizio di un’epoca, portando per la prima volta al successo una vettura turbo sul tracciato di Digione, nel luglio del 1979
CALCIO
17 ore

Preparazione fisica, il tallone d’Achille della Nazionale

Pier Tami ha presentato le conclusioni dell’analisi svolta dall’Asf dopo i Mondiali. ‘Negli ottavi ci stiamo benissimo, per i quarti serve l’exploit’
Calcio
21 ore

Joaquin Ardaiz in prestito al Winterthur

Il 24enne uruguaiano lascia il Lucerna dopo mezzo campionato e un solo gol
nuoto pinnato
22 ore

Nuoto pinnato, Flippers Team in evidenza a Ravenna

Al Trofeo Bizantino Hrechko si impone nei 100 e 200 m monopinna, Smishchenko nei 50 apnea e monopinna e nei 100 monopinna e Del Ponte nei 50 apnea e mono
pallanuoto
22 ore

I Lugano Sharks a Basilea per i quarti di Coppa svizzera

Venerdì all’Eglisee gli uomini di Jonathan Del Galdo vogliono dar seguito al successo sullo Sciaffusa e qualificarsi per il final four
Calcio
22 ore

Varane non vestirà più la maglia ‘Bleu’

Il difensore centrale della Francia ha deciso di lasciare la Nazionale dopo 93 presenze e un titolo mondiale
TENNIS
22 ore

Marc-Andrea Hüsler aprirà le danze in Coppa Davis

Sarà lo zurighese a disputare la prima partita della sfida tra Germania e Svizzera. Nella seconda scenderà in campo Stan Wawrinka
SCI ALPINO
22 ore

Lucas Braathen operato di appendicite, addio Mondiali

Il 22enne norvegese ben difficilmente sarà ristabilito per il gigante (17 febbraio) e lo slalom (19 febbraio) della rassegna al via lunedì a Courchevel
BASKET
17.01.2021 - 19:00

Massagno ko e Lugano ok, entrambe di misura

Spinelli battuta a Ginevra dopo essere rimasta in partita fino all'ultimo, Tigers in rimonta contro il Nyon

massagno-ko-e-lugano-ok-entrambe-di-misura

Il responso del week end ci dice della sconfitta della Spinelli a Ginevra e della vittoria del Lugano sul Nyon. A Ginevra la Sam sta in partita fino all’ultimo possesso, quando spreca il pallone del sorpasso a 5” dalla fine con il tiro di Richardson sul ferro. Ma la partita ha avuto alcune componenti decisive. In primis l’atteggiamento del trio arbitrale, ottimo per metà gara e poi cambiato quando la Sam scappa a +11 al 3’ del terzo quarto, 38-49. Nessun fallo sulle penetrazioni, gioco sporco accettato, cose non fatte prima. Per 5’ Nottage e compagni non trovano un canestro, Ginevra piazza un 12-0 che riapre la gara, 50-51 all’8’. Poi la Spinelli si ritrova e chiude a +4, 51-55. Nell’ultimo quarto si sta punto a punto, la Sam subisce anche tre falli tecnici per proteste: all’8’ si è sul 65 pari. Chukvu sbaglia un tiro libero – ben 11 quelli sbagliati dalla Sam, 12/23 –, Sebekis trova il vantaggio a 56” dalla sirena: sbaglia Dusan, tiro forzato, sbagliano gli avversari e poi sbaglia Richardson l’ultimo tiro, prima dell’1/2 dalla lunetta di Kovac a partita finita: 68-66 il finale.

«Io non ci sto più con questi arbitraggi – si sfoga Gubitosa a fine gara –: ci hanno impedito di giocare, non ci hanno fischiato falli evidenti, cambiando metro rispetto a un primo tempo molto ben arbitrato. Clivaz e compagni hanno deciso loro la gara, al di là delle nostre colpe, dai tiri liberi alle palle perse. Ma come le abbiamo perse? Guardatevi il filmato. E poi falli tecnici per parole e atteggiamenti che tutti hanno, ma che sanzionano solo a noi».

Una valutazione che ci può stare, ma che va di pari passo con certe cattive gestioni della palla ed errori banali che sono costati 16 punti in contropiede di Ginevra. Bene la Sam ai ribalzi, 39-37, inferiore al tiro, 38%-42%. Da segnalare il rientro di Slokar per 6’ minuti.

Spinelli: D.Mladjan 14, Chukwu 11 e 15 rimbalzi, Nottage 17, Andjelkovic 3, M.Mladjan 14, Martino, Molteni 1, Richardson 3, Slokar, Hüttenmoser, Veri, Grüninger.

I Lugano Tigers battono i vodesi in rimonta, in una gara dai molti volti e farcita di non pochi sbandamenti. Comincia bene il Lugano che balza subito a +12, 18-6 con tre azioni da 3 punti di Louissant, Steinmann e Nikolic. Poi però s’incarta da solo, qualche cambio non produce molto e, a cavallo dei due quarti, gli ospiti mettono un 2-15 che li porta in parità a quota 28 al 3’. Il Nyon torna avanti con un Hayman che fa 10 punti quasi consecutivi, oltre i due liberi a tempo quasi scaduto: 37-39 al 10’.

Nel terzo quarto la musica non cambia, con Nyon a condurre, tornando a +8, 54-62 al 9’ e +5 all’ultima pausa. Quando il divario va a -7, il Lugano finalmente riprende a giocare di squadra. Nikolic torna in campo con 4 falli, ma i compagni finalmente lo trovano e mette 10 punti. Louissant continua a mettere la museruola a Hayman fino allo stupido quinto fallo a 3’ dalla fine: Aw e Jackson firmano il sorpasso, 84-78 al 7’. Tripla di Steinmann, 85-80 all’8’. Nyon a -2, 6 tiri liberi con Nikolic e Aw, 91-86 a 12” dalla fine. N’Doye mette la tripla, ma su errori e due palle perse Steinmann fissa il 92-89 dalla lunetta. «Ce l’abbiamo messa tutta per fare due importanti punti, dopo l’amarezza di Neuchâtel – commenta Cabibbo –: l’abbiamo sudata, ma senza questo spirito non avremmo mai vinto».

Lugano: Nikolic, 17 e 11 rimbalzi, Jackson 11, Steinmann 23, Kovac 2, Aw 21 e 15 rimbalzi, Louissant 18, Bracelli 0, Togninalli 0.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved