SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
QATAR
2 ore

In campo c’è solo l’Argentina, avanti con Mac Allister e Alvarez

Szczesny il migliore di una Polonia che passa per il rotto della cuffia. Al Messico non basta il 2-1 sull’Arabia Saudita
FREESTYLE
6 ore

Marco Tadé infortunato in Finlandia durante un allenamento

Il 26enne ticinese, già rimpatriato e ospedalizzato a Lugano, ha subito la rottura di quattro costole, di una clavicola e la perforazione di un polmone
QATAR 2022
7 ore

L’Australia raggiunge la Francia negli ottavi di finale

I ‘socceroos’ superano una deludentissima Danimarca con un gol di Leckie. Nell’altra partita, vittoria inutile della Tunisia
Calcio
7 ore

Pelé di nuovo ricoverato

O’Rey, che è malato di cancro, sarebbe in condizioni critiche
CICLISMO
8 ore

Remco Evenepoel al Giro, per lui niente Tour

Il campione del mondo belga ha fatto la sua scelta, anche in considerazione del fatto che in Italia avrà a disposizione 70 km a cronometro
CICLISMO
8 ore

Morto Davide Rebellin, investito in bicicletta da un camion

Il dramma nel comune di Montebello Vicentino. Il 51enne italiano aveva chiuso la carriera nel 2022, dopo aver vinto Freccia (3 volte), Liegi e Amstel
Qatar 2022
9 ore

In silenzio Xhaka e Shaqiri

L’Asf, per evitare qualsiasi polemica coi serbi, impedisce di parlare ai due protagonisti della sfida di quattro anni fa
SCI ALPINO
9 ore

La lotta di Eliasch sui diritti tv potrebbe sfociare in crisi

Il nuovo presidente Fis intende centralizzarli, ma deve lottare contro l’opposizione di federazioni potenti come quelle svizzera, austriaca e tedesca
Calcio
11 ore

Il futuro della Juve fra rischi, Agnelli ed ex bandiere

Dopo le dimissioni del presidente e dell’intero CdA, per il club bianconero si apre un’era fitta di interrogativi
BASKET
13.01.2021 - 22:23
Aggiornamento: 23:05

Lugano, è Neuchâtel il capolinea di Coppa

I Tigers salutano il trofeo della Lega ai quarti. I neocastellani affronteranno la Sam in semifinale, mentre l'altra sfida sarà Ginevra-Olympic.

lugano-e-neuchatel-il-capolinea-di-coppa
Bracelli e compagni sconfitti per un solo punto (Ti-Press/D.Agosta)

"Andiamo a Neuchâtel per vincere”, ci diceva Cabibbo. E solo una serata stortissima al tiro, e un mare di palle perse hanno condannato i bianconeri al cospetto della quarta forza del campionato: 61-60. Con 23/67 al tiro (34%) è anche dura prendersela con un arbitraggio molto discutibile ma in perfetta linea con una partita giocata male da entrambe le squadre. I neocastellani hanno fatto un po’ meglio, 22/56, hanno perso più palloni, 22 contro 16, ma hanno preso più rimbalzi, 47-37, 13 per parte in attacco. Il Lugano ha perso anche Steinmann per falli e ha giocato praticamente in 5. È chiaro che uscire sconfitti per un solo punto in queste condizioni può essere considerato valoroso, ma è altrettanto amarissimo da digerire. I bianconeri han giocato meno peggio del Neuchâtel, ma non è bastato e i troppi banali errori da sotto (ne abbiamo contati almeno 6), sono stati pagati caro. Dei singoli i due centri a cavarsela sotto le plance, ma inusuale il 7/17 di Nikolic al tiro, e 5/12 e per Aw. Discreto Steinmann finché è stato in campo, ma pesante il suo fallo tecnico, Jackson invece poco incisivo, e latente Bracelli in attacco: troppi errori per Louissant, 5/18, con forzature e palle perse (4), di cui l’ultima decisiva.

Primo tempo dominato dai bianconeri dopo un avvio molto in equilibrio: 6-6 al 3’, 11 pari al 7’. Poi i bianconeri piazzano un 11-0 che costringe il Neuchâtel al timeout: 13-19 a un minuto dalla fine del quarto e 16-19 al 10’. Quindi i neocastellani iniziano con una tripla per portarsi sul 23-21 al 2’. Poi è praticamente solo Lugano: i padroni di casa trovano due canestri in 8 minuti mentre Nikolic e compagni scappano prima sul 23-30 (9-0 di parziale) e poi sul 26-40 (5-19), prima che un regalo degli arbitri, un fallo clamoroso su Nikolic, trovano due punti sulla sirena: 28-40.

Alcune cifre: 12/31 e 14 palle perse per il Neuchâtel; 14/30 e 8 palle perse (ma anche 8 recuperi) per il Lugano, e 23 a 15 ai rimbalzi.

Altra musica nel terzo quarto, a parti rovesciate: il Lugano subisce un 12-2 in entrata, con banali errori da sotto: 42-45 al 5’. Poi una tripla di Bracelli allarga la differenza e il Lugano tiene il vantaggio sino all’ultima pausa. Inizio di ultimo quarto da incubo: i padroni di casa tornano avanti al 3’ (53-51) e volano a +8, 59 a 51 al 5’, con i bianconeri a infilare uno zero su dieci. Dopo 5’44” Nikolic trova il primo canestro, e la serie continua con un globale 8-0 per il 59 pari, a due minuti dalla sirena. Segna Neuchâtel, Jackson fa 1/2 nei liberi, sbaglia Neuchatel a 8” dalla fine e sul rimbalzo di Nikolic, Louissant perde palla con un passaggio assurdo. Tripudio neocastellano e mestizia enorme in casa bianconera.

Questi i marcatori per il Lugano: Nikolic 16 punti (e 11 rimbalzi), Jackson 11, Steinmann 7, Aw 11 (e 12 rimbalzi), Louissant 12, Bracelli 2, Togninalli, Mina, Kovac e Gianinazzi.

 

Le semifinali, sabato 13 marzo

SAM Massagno - Union Neuchâtel e Ginevra Lions - Olympic Friborgo

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved