NJ Devils
ARI Coyotes
01:00
 
NJ Devils
ARI Coyotes
01:00
 
di-questo-passo-non-so-come-andremo-avanti
In attesa dei promessi aiuti finanziari (Ti-Press)
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
1 ora

Confermati i nove anni inflitti a Robinho

La Cassazione giudica inammissibile l’istanza avanzata dai legali del calciatore brasiliano. Fu stupro di gruppo
Gallery
Pallanuoto
4 ore

Sharks in vasca con umiltà e grinta

I luganesi ai blocchi di partenza del campionato con alcune novità. Argentiero: ‘Non siamo tra i favoriti, ma vogliamo rendere la vita difficile a tutti’
SCI ALPINO
5 ore

Cambio di programma a Kitzbühel, la libera spostata a domenica

Le forti precipitazioni nevose hanno costretto ad anticipare a sabato lo slalom. Rimane in calendario la prima discesa di venerdì
CALCIO
10 ore

Marchesano tra i candidati della Swiss Football Night

Il ticinese dello Zurigo tra i finalisti per il titolo di miglior giocatore della Super League. Il 27 gennaio la cerimonia di premiazione
SKICROSS
10 ore

Lesione al ginocchio per Fanny Smith

La vodese si è infortunata in Canada nell’ultima tappa di Coppa del mondo. Conta di ristabilirsi prima dell’inizio dei Giochi di Pechino
Hockey
12 ore

Se ne va una bandiera: Vauclair lascia l’Hcl e torna all’Ajoie

È il direttore sportivo del club giurassiano, con cui ha firmato un contratto di cinque anni. ‘Mi sentirò sempre parte della famiglia bianconera’.
Calcio
12 ore

Monzialo e Lungoyi lasciano il Football Club Lugano

L’attaccante francese in prestito fino a giugno alla squadra austriaca Skn St. Pölten; il nazionale U21 girato al San Gallo
Tennis
15 ore

Con Bencic si chiude il sogno svizzero agli Australian Open

È la prima volta dal 1995 che la Svizzera non è rappresentata nel terzo turno del tabellone maschile o femminile a Melbourne
Basket
21.12.2020 - 16:190
Aggiornamento : 19:57

‘Di questo passo non so come andremo avanti’

Il presidente dei Lugano Tigers Alessandro Cedraschi suona il campanello d'allarme: ‘Abbiamo necessità di avere introiti anche privati'

a cura de laRegione

Non ha usato giri di parole Alessandro Cedraschi, presidente dei Lugano Tigers, sabato sera ai microfoni della Rsi: «Di questo passo non so come andremo avanti. La chiusura al pubblico è certamente un gap, ma non di dimensioni sovrumane, visto e considerata la media di spettatori in tempi normali: però sono pur sempre introiti che ci permettono di avere qualche entrata. Quello che ci mancano sono i sostegni, privati e pubblici». Eppure, sia a livello cantonale, sia a quello federale, gli aiuti economici, in parte a fondo perso, sono stati avallati. «È vero, però non sono ancora arrivati, né abbiamo in chiaro quanto Swiss Basketball deciderà di elargire ai singoli club. E, anche a livello comunale, Lugano ci ha spiegato come siano tante le società nelle nostre condizioni, per cui bisognerà aspettare».

La vostra situazione attuale cosa vi impone? «Questa settimana abbiamo rescisso il contratto con Minnie e per il momento giocheremo con due soli stranieri. Abbiamo necessità di avere introiti anche privati, cifre che ci hanno promesso ma che per ora non sono arrivate. La pandemia colpisce tutti, ne siamo consapevoli, però noi abbiamo stilato un budget sugli importi che ci hanno promesso, non fantasticando. L’augurio è che i privati comincino a tener fede ai loro impegni, permettendoci di poter concludere la stagione con questo gruppo». Nessuna sostituzione quindi? «Dovessero arrivare sussidi e contributi, vedremo cosa offre il mercato a prezzi scontati: il nostro vuole essere un campionato dignitoso, senza voli pindarici o mire sui titoli. Ma anche una squadra con un budget ridotto deve dare dignità al nome di Lugano». Altrimenti? «Le scelte non sono molte: finire la stagione al meglio e poi impostare la prossima con i ragazzi della U23 e un solo straniero, in attesa di tempi migliori. Lugano deve avere una squadra in Lna, ma non per un capriccio mio o del comitato: una squadra di basket è una componente storica dei valori sportivi di Lugano, i Tigers hanno portato titoli e successi alla Città e quindi vogliamo fare di tutto per non sparire».

Una valutazione su questa prima parte del campionato? «È stata una partenza al rallentatore a causa delle lunghe pause fra una partita e l’altra, determinate dai periodi di quarantena nostri o di altre avversarie. Ciò ha condizionato gli allenamenti e di conseguenza l’amalgama della squadra». Ma poi è andata un po' meglio... «Abbiamo fatto fatica a riprendere ritmo e a inserire Minnie, che veniva da un anno di quasi inattività; ha fatto fatica a capire il nostro gioco. Poi abbiamo fatto una buona serie contro le squadre alla nostra portata, ma contro le prime tre del campionato il confronto è improponibile. Nel complesso non sono deluso; solo la sconfitta a Basilea non l’ho digerita, ma capitano anche le giornate storte».

Un impegno, quello del presidente, che vuole accomunare tutto l’insieme della Città e un messaggio per tutti coloro che possono dare un sostegno concreto a questo sport.

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved