100-delfino-in-51-15-noe-ponti-pazzesco-pazzesco
Ti-Press
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Sci
10 min

Lara Gut-Behrami si prende una pausa per rigenerarsi

La ticinese ha ammesso di sentirsi affaticata ‘sia mentalmente sia fisicamente’ e ha deciso di non partecipare alle ultime prove di Cdm prima dei Giochi
tennis
22 min

Melbourne, nei quarti Tsitsipas contro Sinner

Il greco ha domato non senza fatica e in cinque set l’americano Taylor Fritz. L’italiano ha battuto De Minaur in tre set
Pechino 2022
1 ora

168 atleti per ripetere Pyeongchang: obiettivo 15 medaglie

Il capomissione elvetico Ralph Stöckli, già arrivato a Pechino, fissa il traguardo auspicato da Swiss Olympic
Unihockey
3 ore

Il Verbano vince in trasferta e agguanta i playoff

La compagine locarnese si è imposta 6-3 in rimonta sul campo del Grünenmatt conquistando la certezza di disputare la fase decisiva della stagione
tennis
3 ore

Daniil Medvedev passa ma qualcosa concede

Il russo ha sconfitto in quattro set lo specialista del “serve and volley” franco-americano Maxime Cressy. Cornet per la prima volta ai quarti a 32 anni
Sci alpino
4 ore

Ticinesi in evidenza sulle nevi grigionesi e italiane

Massimiliano Gusmini ha vinto il bronzo ai Campionati svizzeri junior a Davos, Ginevra Ostini ha firmato un doppio successo nelle prove Fis a Courmayeur
Sci
20 ore

Lesione parziale al legamento del ginocchio, ma Goggia non molla

La bergamasca nella caduta a Cortina ha subìto pure una piccola frattura del perone ma assicura che proverà a difendere il titolo olimpico di discesa
BASKET
20 ore

Come da copione, vince la Sam, perde il Lugano

La Spinelli passa senza grossi problemi a Boncourt, mentre i Tigers sono costretti a cedere di fronte alla prima forza del campionato
CALCIO
22 ore

‘Siamo pronti per affrontare i campioni svizzeri’

Mattia Croci-Torti soddisfatto della vittoria in amichevole contro il Chiasso, nonostante qualche assenza: ‘Lunedì rientra Amoura dalla Coppa d’Africa’
RALLY
23 ore

Loeb trionfa a Montecarlo. Mai nessuno come lui

A quasi 48 anni il campione alsaziano diventa il pilota più vecchio ad aver vinto nel Wrc, cogliendo nel Principato il suo ottantesimo trionfo
PALLANUOTO
23 ore

Buon punto per gli Sharks a Ginevra

La compagine luganese costringe al pareggio il Carouge (11-11). Esordio positivo per coach Argentiero
BIATHLON
1 gior

Anche senza Weger, settimo posto per la staffetta

Ad Anterselva, pur in assenza del suo leader la Svizzera ottiene il miglior risultato stagionale a soli 44” dal podio
Sci
1 gior

La Streif è rossocrociata, Feuz trionfa davanti a Odermatt!

Gli elvetici dominano la discesa di Kitzbühel: per il bernese è il terzo successo sull’Hahnenkamm, per il nidvaldese il primo podio nella prova regina
SKICROSS
1 gior

Doppietta per Ryan Regez a Idre Fjäll

Nella tappa svedese di Coppa del mondo, il bernese si è imposto in entrambe le prove disputate. Assente Smith, la migliore elvetica è stata Sanna Lüdi
Nuoto
04.12.2020 - 20:590

100 delfino in 51''15. Noè Ponti: ‘Pazzesco, pazzesco...’

A Rotterdam il locarnese ha abbassato di 9 centesimi il limite svizzero che aveva stabilito in mattinata e centrato la qualificazione alle Olimpiadi

Un fiume di lacrime, condiviso con l’allenatore Massimo Meloni e con mamma Vittoria, i primi a festeggiare con Noè Ponti la soddisfazione più grande, il coronamento non tanto di un sogno, bensì di un obiettivo sportivo di altissimo livello quale è la qualificazione ai Giochi olimpici. Noè Ponti sarà a Tokyo, in virtù dell’incredibile 51’’24 nei 100 delfino nuotato a Rotterdam in un meeting internazionale al quale partecipa con la Nazionale rossocrociata. Un tempo di per sé già straordinario, che il talento affiliato alla Nuoto Sport Locarno ha ulteriormente ritoccato verso il basso, con il 51’’15 della finale vinta davanti al belga Croenen e all’olandese Korstanje. 

Oro a Londra nel 2012 e bronzo mondiale

A certificare la grandezza della prestazione di Ponti, ecco alcuni dati piuttosto sconvolgenti: il 51’’15 è la seconda miglior prestazione europea dell’anno solare 2020, la prima se consideriamo la stagione agonistica che scatta in settembre. Un tempo molto vicino a quello del detentore del record del mondo dei 200 delfino, l’ungherese Kristof Milak (51’’14), e migliore di quello del russo Andrej Minakov, medaglia d'argento ai Mondiali dello scorso anno (51’’37). Inoltre, il tempo che ha impiegato per i secondi 50 metri della sua fatica in batteria (28’’82, in finale è “tornato” in 26’’87) risulta essere il terzo tempo “di ritorno” di sempre nella storia dei 100 delfino, inferiore solo a quello degli americani Caeleb Dressel, detentore del record mondiale sulla distanza, e Michael Phelps, l’uomo delle 28 medaglie olimpiche, 23 delle quali d’oro. Ma non è finita qui, giacché con 51’’15 Noè Ponti avrebbe vinto l’oro alle Olimpiadi di Londra nel 2012. E sarebbe stato bronzo ai Mondiali dello scorso anno. Che solo a fare certi accostamenti, vengono i brividi. «Pazzesco, pazzesco, è una figata, ho ricevuto messaggi su messaggi, mi danno una carica incredibile», racconta Noè, raggiunto a Rotterdam, ancora travolto dalle emozioni e da una carica adrenalinica che faticherà a metabolizzare. «Come sto? Mi chiedi come sto? - scherza Noè al telefono -. Sono esaltato, ecco come sto». L’esaltazione la si avverte eccome. «Ho pianto come un bebé - confessa -. Non pensavo di andare così forte già adesso. Era semmai nei piani per la stagione. Ho realizzato di avere Tokyo in mano. Finalmente sono riuscito a fare un 100 delfino di altissimo livello, che rispecchia le mie qualità. Era da molto tempo che non ci riuscivo. Ho ottenuto il limite per le Olimpiadi con otto mesi di anticipo sull’evento, si realizza un sogno che ho sin da bambino. Ho fatto un tempo di caratura mondiale, ci ho messo un po’ di tempo a realizzare di averlo realizzato. Con un crono così avrei vinto l’oro ai Giochi di Londra. Non fu una gara velocissima, quella, ma parliamo pur sempre di una finale olimpica. E sarei stato bronzo ai Mondiali del 2019, quelli sì velocissimi, vinti da Dressel con un 49 e mezzo inavvicinabile. Il terzo con 51’’16 fu un certo Chad Le Clos (sudafricano campione olimpico dei 200 delfino a Londra 2012, argento a Rio 2016 nei 100 e nei 200, ndr)».

Tempi di livello assoluto

Da ormai un anno Noè non gareggiava in vasca lunga, ma questo non gli ha certo impedito di scrivere un’altra pagina memorabile del nuoto elvetico, esaltato da un tempo davvero incredibile che gli è valso anche il doppio record nazionale. Un record che si è permesso il lusso di battere due volte in poche ore: già nelle qualificazioni, infatti, con 51’’24 aveva stracciato di più di un secondo il vecchio limite appartenente a Jérémy Desplanches (52’’28). E pensare che il piano di gara prevedeva di non spingere a tutte per risparmiarsi per la finale. «C’è margine anche sul passaggio ai 50, Il mio allenatore non voleva vedermi strappare, ho fatto come mi ha chiesto. La subacquea della virata è stata pazzesca, pazzesca... I miei avversari si sono spaventati. Avevo mezzo secondo di ritardo su chi mi precedeva, ma gli sono riemerso davanti. Mi ritrovo con tempi da podio, quantomeno da Top-5 mondiale. Cercavo il limite, e ho un tempo di livello assoluto. Non so nemmeno cosa dire. Manco pensavo di fare il limite. Era una gara che avrebbe dovuto darmi delle risposte sulla condizione, Non ero qui per fare il tempo per forza, bensì per capire a che punto fossi. Poi mi trovo un 51’’24 al mattino, in una gara in cui non ho sentito di aver spinto al massimo. Oltretutto, sapendo che a Tokyo semifinali e finali saranno proprio al mattino… La cosa si fa ancora più intrigante».

Il meeting di Rotterdam per Noé prosegue con i 200 delfino e i 200 misti, tra domani e domenica. «Nuoterò senza pressione. Penso di fare soprattutto bene nei 200 misti, ma ormai alla luce di come è andata con i 100 non mi sorprende più niente». 

 

 

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved