lugano-con-l-olympic-il-patatrac-in-4-minuti
+1
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
ATLETICA
32 min

Lea Sprunger esce tra le lacrime, per lei niente finale

La 31.enne vodese ha chiuso al quarto posto la semifinale dei 400 ostacoli: ‘Un sogno che svanisce, niente ciliegina sulla torta’
Automobilismo
40 min

A Spa, Camathias rilancia la stagione in European Gt4

Gilardoni (Lamborghini Super Trofeo) allunga in vetta. Marciello (Gt World Challenge Endurance) fermato da un guasto
Calcio
48 min

Svizzera, via ai colloqui per la successione di Petkovic

L'Asf ha scremato la lista dei possibili nuovi allenatori della Nazionale. Pierluigi Tami: ‘Una data precisa non c'è, ma presenteremo il nuovo ct in tempi brevi’
Tokyo 2020
1 ora

Petrucciani ci prova, ma il 45"26 non basta per la finale

L'onsernonese, più giovane semifinalista, chiude a testa alta la sua avventura sul giro di pista: quattordicesimo tempo complessivo per lui
CALCIO
1 ora

Ferencvaros o Slavia Praga per lo Young Boys

Champions League, se i bernesi riuscissero a superare il Cluj nel terzo turno (domani l'andata in trasferta), affronterebbero ungheresi o cechi
Tokyo 2020
2 ore

Mujinga Kambundji stacca il biglietto per la finale

Come nelle batterie, in semifinale l'elvetica eguaglia il suo primato svizzero (22"26) e si qualifica per l'ultimo atto
CICLISMO SU PISTA
3 ore

Delude il quartetto svizzero dell'inseguimento

Ultimi delle qualificazioni, gli elvetici possono battersi soltanto per la medaglia di bronzo. Schmid l'anello debole della squadra
Hockey
3 ore

Biennale a Davos per Simon Knak

Il 19enne attaccante zurighese, fresco di draft con i Nashville Predators, per le prossime due stagioni giocherà con i grigionesi
Basket
22.11.2020 - 13:460

Lugano, con l'Olympic il 'patatrac' in 4 minuti

I Tigers tengono testa al Friborgo fino a tre quarti di partita grazie in particolare a un gran lavoro difensivo, poi 4 palle perse li condannano alla sconfitta

M’avessero pronosticato un Lugano a -2 al 29’ contro l’Olympic, avrei pensato a un tifoso visionario. Invece è stata realtà: 49-51 a un giro d’orologio dall’ultima pausa. Poi il patatrac: quattro palle perse a cavallo dei quarti, un 15-2 di parziale (52-64 al 3’) e la partita è finita lì, malgrado l’impegno a ricucire fino a -4 (61-68 al 7’) dei bianconeri, alla fine inchinatisi 65-74.

La partita fra Tigers e burgundi è stata decisa tutta in quei quattro minuti, con alcune scelte scellerate in attacco, vedi le tre palle al vento di Louissant, e qualche carenza (eufemismo) individuale, all’immagine del solito Minnie (con il biglietto di ritorno per gli Stati Uniti quasi in tasca) autore di 2 punti e 1 rimbalzo in 15 minuti, e i 2 punti di Jackson, con soli 4 tiri tentati in 36 minuti, 2 tiri liberi e tanta regia, è vero, ma anche lenta e troppo prevedibile se uno non tira mai. Eppure, malgrado i soli 4 punti realizzati dai due americani, il Lugano è stato lì per quasi tutta la gara, grazie soprattutto a un lavoro difensivo finalmente fatto bene, con tanta energia e fisicità, come lo dimostrano i 40 rimbalzi (a 38) conquistati, dei quali 13 in attacco. Il solito Nikolic è stato superbo con 21 punti e 11 rimbalzi, ma anche Aw ha dimostrato di essere in progressione, pure in doppia doppia con 12 e 11, mentre Steinmann ha contribuito con 8 punti. Un discorso a parte per Louissant, genio e sregolatezza: 17 punti ma anche tante, troppe forzature che sono state pagate care sui contropiede ospiti, che sono fruttati 21 dei 65 punti. A dimostrazione che certi equilibri non sono ancora radicati.

Al netto della buona prova dei bianconeri fa riscontro un Olympic deludente. “Mancava Aleksic e si è visto”, diceva un dirigente a fine gara. Vero, ma se hai quattro stranieri e cinque nazionali e giochi in quel modo, che pensare? L’Olympic a fine primo tempo aveva un deludente 37% al tiro, 1/10 da 3. Ha chiuso con il 43% e 2/20 da 3 ma ha lasciato 13 rimbalzi al Lugano, loro che hanno 7 giocatori oltre i 2 metri. Una povertà di gioco, a immagine di un Cotture nullo per 27 minuti che ha infilato 3 schiacciate di rabbia sui titoli di coda, senza idee Zinn e via così gli altri. Sarà anche stata la testa a non funzionare, ma che povertà per una squadra che costa il doppio del Lugano.

«Oggi possiamo parlare finalmente di una partita di basket – le parole del coach bianconero Cabibbo –. Ho visto una squadra reattiva e determinata, in settimana abbiamo lavorato bene e lo si è visto. Stiamo crescendo, a immagine di Aw, e ciò è confortante. Certo è che ci mancano i punti dei due americani, altrimenti avremmo anche vinto. Ma, lo ripeto, sono contento per la reazione avuta come collettivo e per quanto ognuno ha cercato di fare. Il poker delle avversarie più toste l'abbiamo affrontato, adesso concentriamoci sulle altre».

In attesa che si possa ingaggiare Ballard, finanze permettendo, a Lugano è giusto guardare avanti con fiducia.

SPORT: Risultati e classifiche

Guarda tutte le 5 immagini
© Regiopress, All rights reserved