filippo-colombo-e-diventato-grande
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
5 sec

Arrestato il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero

Ferrero è stato arrestato dalla Guardia di Finanza nell’ambito di un inchiesta della procura di Paola per reati societari e bancarotta
Roller
41 min

Il Biasca lotta e torna da Diessbach con un punto

Due volte in avanti, i rivieraschi si fanno riprendere e superare. Ma hanno comunque la forza di rimandare il verdetto al supplementare
Salto con gli sci
1 ora

Quattro trampolini, in Germania (ancora) senza spettatori

A porte chiuse le prove di Oberstdorf e Garmisch-Partenkirchen. Ancora da definire l’accesso al pubblico per i due concorsi austriaci
Hockey
2 ore

Jerôme Bachofner torna in riva alla Limmat

Dopo tre stagioni con lo Zugo, l’attaccante 25enne si accorda con i Lions, con cui nel 2018 aveva vinto il titolo
Podismo
2 ore

Delorenzi e Lucchina regolano il plotone di crossisti

Massiccia partecipazione alla quarta tappa di Coppa Ticino. Che ora si prende un mese di pausa e tornerà a metà gennaio
Hockey
14 ore

‘Contro il Davos ci è mancato un po’ di tutto’

Kneubuehler torna sulla sconfitta dell’Ambrì in casa dei grigionesi. ‘Stanchi dal giorno prima? No, è più mentalmente che non eravamo pronti”
Calcio
14 ore

Il Bellinzona torna da Bienne con un pareggio

Terzo pari, in rimonta, per i Granata di Aeby. ‘All’intervallo ero arrabbiato, poi i ragazzi si sono assunti maggoiri responsabilità’
Tennis
15 ore

Due a zero alla Croazia, la Davis torna in Russia

Per la terza volta dopo 2002 e 2006 i russi mettono le mani sull’Insalatiera. Il punto decisiva lo conquista Daniil Medvedev
SCI ALPINO
15 ore

Il forte vento causa l’annullamento della libera di Beaver Creek

Gli organizzatori hanno provato sia ad abbassare il punto di partenza, sia a posticipare per tre volte il via, ma senza risultati
Formula 1
16 ore

È una domenica bestiale: il Mondiale torna in parità

Lewis Hamilton vince il penultimo Gran Premio della stagione sull’asfalto di Gedda e pareggia i conti con Verstappen. Si deciderà tutto all’ultima corsa
BASKET
16 ore

La Sam Massagno si offre la testa della classifica

La Spinelli batte l’Olympic, mentre il Lugano cede al Monthey e scivola in ultima posizione
Calcio
17 ore

Croci-Torti: ‘I giocatori mi seguono in maniera spettacolare’

Il tecnico del Lugano soddisfatto dopo il 2-0 al Sion, settimo risultato utile consecutivo a Cornaredo. ‘In casa vogliamo solo vincere’
Sci
17 ore

Sofia Goggia è addirittura da tris. Ma stavolta Lara c’è

L’italiana vince anche il superG di Lake Louise, dopo i trionfi nelle due libere, al termine di un testa a testa con la ticinese, battuta per 11 centesimi
MOUNTAIN BIKE
11.10.2020 - 16:340

Filippo Colombo è diventato 'grande'

Il settimo posto ai Mondiali dimostra che il ticinese ha assimilato il salto di categoria. E adesso arrivano gli Europei del Monte Ceneri

I Mondiali di Leogang si sono chiusi con la conquista di quella medaglia d’oro che fa parte del Dna del movimento svizzero della mountain bike, ma che stavolta, a dispetto delle previsioni, è arrivata dal downhill e non dal cross-country. In campo femminile, infatti, la discesa è stata vinta dalla neocastellana Camille Balanche che ha preceduto di poco la campionessa uscente, la francese Myriam Nicole, e ha così regalato alla Svizzera la prima maglia iridata nella specialità. La giornata più importante del cross-country (sabato) ha invece premiato i biker francesi, i quali si sono aggiudicati i titoli mondiali degli uomini (Jordan Sarrou), delle donne (Pauline Ferrand-Prevot) e delle ragazze U23 (Loana Lecomte). La Svizzera, abituata a fare incetta di maglie iridate, si è dovuta accontentare dell’argento di Mathias Flückiger (professionisti), del quarto posto di Sina Frei (donne) del quinto di Noelle Buri (U23) e del settimo di uno splendido Filippo Colombo, come Sina Frei al primo Mondiale tra i “grandi”. Il ticinese è stato protagonista di una gara splendida che lo ha visto rimontare dalla 25ª posizione del giro di lancio, fino a un passo dai migliori. Si è permesso anche il lusso di lasciarsi alle spalle tuti i suoi coetanei che avevano spadroneggiato tra gli U23 e gli juniores (da Andreassen a Dascalu) e di precedere perfino Nino Schurter (9º), otto volte campione del mondo, ma quest'anno in difficoltà con la preparazione e uscito dai giochi che contano molto in fretta… «Sono abbastanza sorpreso del mio risultato – commenta il ticinese di Bironico –. Il feeling con il tracciato non l’ho mai trovato, nemmeno in gara, ma ero sorretto da un'eccellente condizione fisica che mi ha permesso di rimediare a una partenza infelice, dovuta a un imbottigliamento davanti a me. Al termine del giro di lancio sono passato sotto l’arrivo in 25ª posizione, ma pian piano sono riuscito a rimontare».

Al termine, Colombo ha concesso 2’12” a Sarrou, ma appena 1’17” all’italiano Luca Braidot, salito sul gradino più basso del podio… «Ho chiuso a poco più di un minuto dal bronzo, distacco relativamente contenuto. Al mio primo Mondiale tra gli élite sono contento di essere stato lì a giocarmela con i migliori, anche se devo ammettere che la testa della corsa non l’ho mai vista, complice la partenza poco brillante. I risultati ottenuti prima a Nove Mesto in Coppa del mondo, poi al Mondiale dimostrano che sto continuando a progredire. Non che io faccia la corsa su di loro, ma è pur vero che sono stato il migliore dei ragazzi saliti quest'anno dagli U23. Pur in una stagione anomala, ho compiuto un ulteriore passo avanti e ho dimostrato di aver ben digerito il salto di categoria».

Si è gareggiato su un tracciato fangoso, a tratti sembrava di assistere a una prova di ciclocross… «È stata una settimana piovosa, eccezion fatta per venerdì. Allenamento dopo allenamento, passaggio dopo passaggio, giovedì il tracciato era praticamente impraticabile, un ammasso di fango. Per sabato era prevista pioggia, per cui numerosi biker, tra i quali noi svizzeri, hanno deciso di partire con delle gomme da pioggia intensa. Invece, non è caduta nemmeno una goccia e ciò ha penalizzato molti, in particolare Nino Schurter, il quale non avrebbe comunque vinto, ma si sarebbe piazzato meglio del suo nono posto».

Chiuso il capitolo Mondiali, si apre quello degli Europei. Nel giardino di casa di Colombo, su un percorso, quello del Monte Ceneri, che conosce come le sue tasche… «Per il momento preferisco non pensarci. Questi sono i giorni del recupero prima del nuovo raduno con la nazionale, previsto mercoledì. So che il Mondiale mi ha dato grande fiducia, per cui mi piacerebbe poter ripetere la prestazione offerta a Leogang. Fare pronostici è impossibile, ogni gara ha la sua storia, ma di certo il fatto di poter gareggiare in casa aumenta a dismisura la mia motivazione».

La Svizzera archivia dunque i Mondiali di Leogang con l’oro di Camille Balanche nel downhill, il bronzo nella staffetta, l'argento di Janis Baumann negli juniores, il bronzo di Joel Roth negli U23 e l'argento di Flückiger negli élite. Ma anche con la certezza di avere in Sina Frei e Filippo Colombo due punti di riferimento per gli anni a venire. E adesso, spazio agli Europei (solo cross-country) che da giovedì 15 a domenica 18 avranno quale sede Rivera con il tracciato del Monte Ceneri, molto diverso (più tecnico) rispetto a quello di Leogang. Il guanto di sfida al predominio francese è lanciato...

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved