Germania
9
Italia
4
3. tempo
(4-0 : 2-1 : 3-3)
Gran Bretagna
0
Finlandia
6
3. tempo
(0-2 : 0-2 : 0-2)
tre-titoli-in-tre-settimane-filippo-colombo-e-pronto
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
3 sec

Per Michele Campana ‘più drammaticità e meno partite morte’

Il direttore operativo dell’Fc Lugano e membro di comitato della Sfl commenta la riforma della Super League, passata a larga maggioranza
Hockey
19 min

Timo Meier: ‘La fondue appenzellese? Mi dà energia per segnare’

Incontro con la star di Nhl. La delusione per la finale di Coppa persa dal San Gallo di un ragazzo profondamente attaccato alle sue radici
Hockey
31 min

Nette vittorie per Germania e Finlandia

I tedeschi sconfiggono l’Italia 9-4, la Finlandia (con Hietanen in gol) batte la Gran Bretagna con un tennistico 6-0
Calcio
57 min

‘Arrivare decimi e potersi giocare l’Europa non ha senso’

L’ex allenatore di, tra le altre, Lugano e Acb Davide Morandi saluta favorevolmente l’allargamento della Super League ma ne contesta la formula
Hockey
3 ore

Mikko Koskinen a difesa della porta del Lugano?

Il gigante finlandese (due metri d’altezza esatti) gioca attualmente in Nhl negli Edmonton Oilers, ma dovrebbe già aver firmato con i bianconeri
CICLISMO
3 ore

Bernal si allena, ma il suo rientro non è ancora in agenda

Il colombiano, rimasto ferito in un incidente stradale nel mese di gennaio, ha preso parte a un evento a margine del Giro d’Italia
FOOTBALL
6 ore

Terza vittoria per i Lugano Rebels, Glarona k.o.

Successo per 24-7 nel campionato di Serie C. Dopo tre trasferte consecutive, domenica i ticinesi giocheranno a Cornaredo contro i Morges Bandits
Calcio
6 ore

La Super League si allarga da 10 a 12 e aggiunge i playoff

Lo hanno deciso i 20 club della Swiss Football League durante l’Assemblea generale straordinaria di Ittigen. L’anno prossimo niente relegazione diretta
Hockey
7 ore

Angelo, il siciliano di Helsinki

Nei pressi della Ice Hall uno dei pochi emigrati italiani gestisce un ristorante e ci racconta la sua storia
atletica
9 ore

‘Impossibile paragonarla ora all’Ajla della finale olimpica’

Dopo l’infortunio di febbraio, l’allenatore dell’atleta valmaggese, Laurent Meuwly, lancia la stagione: ‘Al top agli Europei di Monaco’
Serie A
12 ore

Tra Leao e Brozovic, due stili per uno Scudetto

Il milanista è esploso mostrando doti atletiche e tecniche da potenziale campione, il croato dell’Inter si è rivelato insostituibile. Chi la spunterà?
Calcio
20 ore

Lugano vittorioso sui campioni nella serata degli addii

Nell’ultima della stagione a Cornaredo (2-1 contro lo Zurigo) salutano il club Lovric, Lavanchy, Custodio, Baumann e Yuri. Maric si ritira ma forse resta
Calcio
22 ore

Maric dice basta, Lovric, Custodio e Lavanchy salutano Lugano

Nel pre-partita dell’ultima sfida casalinga della stagione ringraziati il difensore 38 e i partenti, tra cui il portiere Baumann e il brasiliano Yuri
TENNIS
22 ore

Il francese Moutet sulla strada di Stan Wawrinka

Il vodese affronterà il 23enne mancino al primo turno del Roland-Garros. In caso di vittoria potrebbe incontrare subito Rafael Nadal
Hockey
23 ore

La ‘maratona di Helsinki’ alla Germania

Basta un gol ai tedeschi per superare la Danimarca. Vittoria Usa alla distanza contro la Gran Bretagna
Hockey
1 gior

L’Ambrì lancia la campagna abbonamenti

Le tessere saranno valide per tutte le partite di campionato, post season e amichevoli. Introdotto anche il club sale
PALLANUOTO
1 gior

Gli Sharks vogliono addentare la Coppa Svizzera

Sabato nella cornice del Lido di Lugano, è in programma la finalissima tra i padroni di casa e il Kreuzlingen
CICLISMO
1 gior

La prima di Oldani da prof, Lopez sempre in rosa

Seconda vittoria azzurra consecutiva sul traguardo di Genova, dove la carovana ha attraversato il nuovo ponte San Giorgio
MOUNTAIN BIKE
30.09.2020 - 06:00
Aggiornamento : 11:56

Tre titoli in tre settimane, Filippo Colombo è pronto

Coppa del mondo, Mondiali ed Europei (al Monte Ceneri) in breve successione. Il ticinese del Team Absalon: 'Ci mancano i punti di riferimento'

Coppa del mondo, Mondiali, Europei. I tre appuntamenti più importanti della stagione, racchiusi nel breve respiro di tre weekend. È ciò che aspetta gli specialisti della mountain bike in questa stagione tormentata e ridotta all’osso dalla pandemia di Covid-19. Da ieri e fino a domenica ci si giocherà l’intera Cdm, con due prove di short-race e due di cross-country; da mercoledì 7 a sabato 10 verranno assegnate le maglie iridate (a Saalfelden Leogang, in Austria); dal 15 al 18 sarà la volta dei titoli continentali sul tracciato del Monte Ceneri. Un vero tour-de-force per una categoria, quella dei biker, abituata a spalmare la stagione da febbraio a ottobre.

Di fatto, la Coppa del mondo è iniziata soltanto ieri con una prova di short-race, vinta dal messicano Ulloa Arevalo tra gli uomini e dall'inglese Evie Richards tra le donne (per entrambi prima vittoria in Cdm). Ed è iniziata bene anche per Filippo Colombo, grande protagonista della prova e quarto sul traguardo alla sua prima uscita in Coppa su un percorso reso fangoso e scivoloso dalle condizioni meteo avverse… « Immaginavo sarebbe diventata una gara piuttosto tattica – commenta un felicissimo Colombo –, per cui non ho avuto fretta di raggiungere testa corsa dopo essere partito con il numero 26. A dire il vero non sono scattato benissimo, poi però, in modo sorprendente e quasi senza faticare, mi sono ritrovato nelle prime posizioni che ho tenuto fino alla fine. Mi è mancata un po' di energia per lo sprint per la vittoria. Peccato, perché normalmente sono abbastanza veloce. Un risultato che mi dà molto morale. Giovedì partirò dalla prima fila, con il vantaggio di non dover recuperare posizioni. Chiaramente non sarà la stessa cosa, un quarto posto nel cross-country, quello sì sarebbe un'enorme sorpresa. Sapevo che oggi potevo andare bene grazie alla mia esplosività. Adesso il programma di Nove Mesto prevede la gara di giovedì, seguito da un'altra short-race venerdì e dall'ultimo cross-country domenica. Quattro gare e la nostra stagione di Coppa del mondo sarà bell’e chiusa».

’La selezione è un obiettivo raggiunto’

Filippo Colombo si trova di fronte a una stagione che, di fatto, si consumerà nel giro di tre settimane. Considerando le poche gare sin qui disputate e, di conseguenza, la scarsità di punti di riferimento a disposizione, diventa molto difficile porsi obiettivi concreti… «È vero, ma comunque una piccola-grande soddisfazione me la sono già tolta. A inizio stagione puntavo a staccare una selezione per i Mondiali e per gli Europei. Il biglietto è arrivato, per cui possono già ritenermi molto soddisfatto (non dimentichiamo che per il ticinese questo è il primo anno nella categoria degli élite, ndr)».

Quando nei mesi precedenti allo scoppio della pandemia Colombo disegnava il percorso della sua stagione, non poteva certo immaginare che gli Europei, in un primo tempo previsti a Graz (Austria), sarebbero stati trasferiti nei boschi di casa, al Monte Ceneri… «Quando sono venuto a conoscenza del cambiamento, mi sono detto che non potevo assolutamente lasciar passare l’occasione. Sapevo che Swiss Cycling avrebbe avuto a disposizione otto posti, ma ero altresì conscio che in Svizzera il livello è molto alto e numerosi sarebbero stati i biker desiderosi di disputare un Europeo in patria. Grazie al cielo, sono riuscito a staccare la convocazione, sarei rimasto molto deluso se non ce l’avessi fatta».

’Tamaro tracciato difficile’

Poter gareggiare su un tracciato mandato a memoria in ore e ore di allenamento può rappresentare un vantaggio. Come potrebbe esserlo il fatto che gli Europei arrivano una settimana dopo i Mondiali, per molti l’obiettivo principale della stagione… «Se sei in forma per la rassegna iridata, lo sei anche per quella continentale, ragion per cui sei pronto a cogliere l’occasione di due prove tanto ravvicinate per cercare il colpo doppio. Nessuno vorrà snobbare l’Europeo solo perché reduce dai Mondiali, nemmeno il neo-campione. D’altra parte, la stagione è talmente corta che tutti vogliono raccogliere il maggior numero di risultati possibili. Per quanto riguarda il tracciato del Monte Ceneri, non tutti lo conoscono, nonostante accolga da anni il Tamaro Trophy. E si tratta di un tracciato tutt’altro che facile, a maggior ragione nel caso in cui dovesse esserci brutto tempo. Prima di venire in Repubblica ceca, ho avuto l’occasione di provarlo per diverse ore, anche in giornate di pioggia. È davvero esigente, presenta numerosi tratti di roccia che se bagnati diventano molto scivolosi. Spero che la mia conoscenza di tutti i passaggi mi garantisca un piccolo vantaggio, anche se poi alla fine la bicicletta non va da sola, bisogna pur sempre pedalare...».

Mondiali tutti da scoprire

Se quello di Nove Mesto è un tracciato ben noto ai frequentatori della Coppa del mondo, altrettanto non si può dire del percorso che tra una decina di giorni ospiterà i Mondiali… «È completamente nuovo, nessuno vi ha mai corso. Anzi, nessuno ha mai nemmeno visto la planimetria, anche perché fino a settimana scorsa era ancora in fase di costruzione. I punti interrogativi sono dunque molti, ma penso che vi sarà tempo a sufficienza per dar loro una risposta. Dopo la Coppa del mondo ci sottoporremo ai test di depistaggio del coronavirus, poi partiremo in carovana alla volta di Saalfelden Leogang. Avremo a disposizione diversi giorni per imparare a conoscere il tracciato, sono sicuro che saranno sufficienti. Il mio obiettivo? Con un posto nei quindici sarei strafelice».

In questi mesi di gare ridotte all’osso, Filippo Colombo ha avuto l’occasione di abbandonare i boschi e testarsi sulle strade in asfalto… «Ho perso parte al Gp di Toscana, una prova con diverse squadre del World Tour. Mi stuzzicava l’idea di provare e a conti fatti si è rivelato essere un ottimo allenamento di qualità. Certo, sono rimasto in fuga 170 km, decisamente più di quanto mi sarei aspettato, ma nel complesso è stata un’esperienza che mi piacerebbe rifare. Nonostante abbia potuto allenarmi bene, l’assenza quasi totale di competizioni rende difficile stabilire il livello di forma: un problema che tocca non solo me, ma anche i miei colleghi. I campionati svizzeri di Gränichen, programmati a fine luglio, sono arrivati un po’ troppo presto: ero in ritardo di preparazione e mi sono dovuto accontentare del quinto posto a 1’22” da Nino Schurter».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
filippo colombo mountain bike

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved