al-gala-dei-castelli-mancheranno-solo-gli-spettatori
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
BASKET
26 min

Lugano Tigers sconfitti nella Svizzera centrale

Migliore al tiro sotto tutti gli aspetti, la compagine ticinese ha avuto un passaggio a vuoto nel secondo periodo che le è costata la vittoria
Hockey
1 ora

La sfida vista da Ambrì. ‘Saranno i duelli, la chiave’

Cereda lancia la sesta sfida con il Lugano, ultimo sforzo prima della pausa. ‘Sarà benefica: le scorie post contagio non si sono del tutto dissipate”
HOCKEY
2 ore

‘Il derby? Sarà una battaglia, come sempre’

Julian Walker: ‘Tutte le sfide con l’Ambrì sono state tiratissime, non vedo favoriti. Dovremo fare bene il lavoro sporco, proprio come lo sanno fare loro’
CALCIO
4 ore

Arthur Cabral sul punto di approdare alla Fiorentina

L’attaccante brasiliano del Basilea attende solo gli sviluppi del caso Valhovic. Quest’anno ha segnato 14 reti in 18 partite di Super League
Hockey
4 ore

Lugano, Schlegel si deve fermare. Fino a marzo

Niente derby per il portiere bianconero: lesione agli adduttori della coscia. McSorley dovrà scegliere se puntare sul canadese Irving o su Fatton
CICLISMO
4 ore

Joel Suter secondo alla Challenge Mallorca

Il Spagna il 23enne elvetico della Uae Emirates è stato preceduto dal compagno di squadra McNulty, giunto al traguardo in solitaria
CALCIO
5 ore

Il Lugano riapre la campagna abbonamenti

Chi non avesse già provveduto a inizio stagione, da domani ha la possibilità di assicurarsi a prezzi scontati le nove partite casalinghe del ritorno
MOTOCICLISMO
5 ore

Via libera medico per Marc Marquez

Il pilota spagnolo ha superato i problemi di diplopia e sarà presente dal 5 al 7 febbraio nei primi test stagionali sul circuito di Sepang
CALCIO
6 ore

Infortunio al piede, Mirko Salvi out due mesi

Colpo duro per l’Yverdon, neo-promosso in Challenge League, costretto a fare a meno del suo estremo difensore
Hockey
6 ore

Le ragazze svizzere ai Giochi senza la loro stella. Per ora

Valori limite per entrare in Cina: Alina Müller e Sinjia Leemann incrociano le dita e vanno in isolamento. Weibel: ‘Fiduciosi della strategia adottata’
Tennis
6 ore

Medvedev firma l’impresa a Melbourne: è semifinale

Sotto di due set contro Aguer-Aliassine, il russo ribalta la partita e stacca il biglietto per il penultimo atto degli Australian Open
Hockey
7 ore

Hedlund e il suo staff non si muovono da Rapperswil

Confermata in blocco la guida tecnica dei sangallesi. Che resterà (almeno) fino al termine della stagione 2023/24
Sci
9 ore

Michelle Gisin dice no a Garmisch-Partenkirchen

Terza defezione di lusso, nel clan rossocrociato, per le ultime gare di Coppa del mondo prima della partenza per Pechino
Calcio
11 ore

L’Fc Lugano ha di nuovo un presidente, sarà Philippe Regazzoni

Classe ‘69, Regazzoni è attinente di Balerna ma residente a Küssnacht e da 25 anni è attivo nell’ambito assicurativo.
Calcio
16 ore

Da Lima a Yaoundé, quante tragedie legate al calcio

Disordini tra tifosi, strutture fatiscenti, sicurezza e forze dell’ordine inadeguate, fatalità: il dramma in Camerun è solo l’ultimo di una lunga lista
Hockey
23 ore

Ambrì sconfitto a Zurigo con onore e ripreso dal Berna

I Lions fanno la differenza nell’ultimo periodo dopo l’1-1 al termine dei primi due tempi. In classifica i leventinesi cedono agli Orsi il decimo posto.
Hockey
23 ore

A Zugo un martedì pazzo, che al Lugano frutta un punto

Serata incredibile alla BossardArena, in cui succede di tutto, decisa da Hansson al supplementare. Con i bianconeri che, però, perdono Schlegel
Sci
1 gior

A Schladming 7 elvetici a punti, ma lontani da Linus Strasser

Il tedesco si impone nello slalom sulla Planai precedendo il norvegese McGrath e l’austriaco Feller. Tanguy Nef (decimo) miglior rossocrociato.
Calcio
1 gior

Roy Hodgson ci ripensa: dovrà salvare il Watford

A 74 anni e 188 giorni l’ex selezionatore della Svizzera prende il posto dell’esonerato Claudio Raineri e diventa il più anziano allenatore della Premier.
L'ANGOLO DELLE BOCCE
1 gior

Buona la prima per Eichenberger-Gianinazzi

Grande inizio di stagione per la coppia dell’Ideal Coldrerio. A Cavergno ha battuto 12-0 Rossi - Lorenzetti (Torchio)
Atletica
12.09.2020 - 14:400

Al Galà dei Castelli mancheranno solo gli spettatori

Nonostante tutte le difficoltà legate al Covid, martedì al Comunale saranno presenti tutti i più forti atleti svizzeri e molti campioni del panorama internazionale

Martedì è il giorno. Il 15 settembre per gli organizzatori dell'edizione 2020 del Galà dei Castelli non potrà mai essere una data banale. Nel calendario del team che sta dietro un evento messo a dura prova dagli effetti della pandemia e dalle restrizioni ancora in vigore, il 15 settembre manterrà sempre un significato molto profondo e simbolico anche quando il mondo sarà restituito alla propria normalità, oggi ancora solo inseguita. Che il Gal lo si volesse comunque fare, era ormai noto. La volontà degli organizzatori non è mai stata in dubbio. Che si riuscisse a metterlo in piedi, tra protocolli, ostacoli e misure di prevenzione, però, è tutto fuorché scontato. L'operazione è riuscita, martedì ne vedremo il risultato, ma vi è da credere che sarà al solito spettacolare. Peccato che il grande pubblico di appassionati non possa gustarselo dal vivo, ma una diretta televisiva con tutti i crismi sopperirà a questo inconveniente. 

Sulle difficoltà incontrate (e superate) dall'organizzazione torna con la consueta dovizia di particolari Beat Magyar, una delle anime del Galà, impegnato in veste di responsabile della comunicazione, ma non solo. «Partiamo dall'inizio andando a monte della questione - esordisce -. Quando pensi di mettere in piedi un evento che inizialmente devi prevedere senza pubblico, è necessario cambiare completamente la strategia, a livello organizzativo e di comunicazione. Senza pubblico, devi rivedere il tipo di offerta che puoi presentare agli sponsor. Viene meno una grande fetta del valore che la manifestazione ha per chi ti sostiene anche finanziariamente, per chi è solito "accompagnarti". Non si possono vendere biglietti, vengono meno i momenti di incontro, eccetera. Ci siamo visti costretti a rivedere tutto. Di conseguenza, abbiamo investito e spinto parecchio sui media. In particolar modo, è stata determinante la collaborazione che la Rsi ci ha prontamente offerto. Ci hanno spronato a riproporre il meeting, e sono rimasti alla finestra, in attesa di capire chi saremmo stati in grado di invitare. Non appena abbiamo potuto, ci siamo ripresentati presentando loro un Galà che riteniamo di altissimo livello, ottenendo la copertura televisiva in diretta. Non era scontato, perché dipendeva proprio dalla qualità dello spettacolo che saremmo stati in grado di offrire. Ecco perché coltivare e poi mantenere il rapporto stretto con gli sponsor e con i nostri partner, tra i quali il Comune di Bellinzona, è stato fondamentale. Nonostante le incognite che per un po' sono rimaste tali, ci hanno dato fiducia. Di questo non possiamo che ringraziarli. Siamo partiti da qui. Abbiamo "ribaltato" il Comunale, gli spazi sono stati ridefiniti nel pieno rispetto di un protocollo dettagliato che abbiamo sottoposto alle autorità competenti, dalle quali abbiamo ricevuto i complimenti. È stato complicato, ma il risultato è davvero molto soddisfacente».

Cast di valore

«Il riscontro degli sponsor dato ai nostri sforzi è stato davvero notevole. Il cast tecnico è di assoluto valore. Alcune delle nostre gare sono tra le più qualificate al mondo, quest'anno. È su questi presupposti che abbiamo costruito il Galà. Inizialmente, con un budget che non prevedeva il pubblico. Quindi, con un'incognita anche a livello finanziario. Poi c'è stata l'apertura ai 1'000 spettatori, ma abbiamo comunque deciso di offrire qualcosa agli appassionati, senza mettere in vendita tagliandi. Abbiamo optato per una distribuzione gratuita, attraverso i nostri sponsor e una serie di concorsi. Contiamo che 1'000 persone possano contribuire a fare un bell'ambiente all'interno dello stadio».

Diretta tv, come essere allo stadio

«Abbiamo investito tanto, sia noi sia la Rsi, per garantire agli utenti un prodotto di altissimo livello. Per gli appassionati che ci seguiranno alla televisione (Rsi la2 dalle 19.30, ndr) sarà un po' come essere presente allo stadio. Al Comunale saranno operative dodici telecamere, più una mobile per le interviste. La diretta sarà garantita anche dall'emittente romanda. Ci sarà il "livestreaming" anche in lingua tedesca, con un copioso riassunto. Inoltre ci sarà una troupe della televisione di stato olandese che farà un servizio di qualche minuto. Ne siamo orgogliosi, significa che abbiamo lavorato bene, suscitando l'interesse di un movimento, quello olandese, che nell'atletica ha avuto un boom simile a quello della Svizzera che a livello mondiale esporta con successo molti atleti di primissimo livello. Da parte nostra, abbiamo investito nel cronometraggio e nella grafica, per dei risultati in tempo reale. Non sono solo le gare di velocità a essere coperte, bensì anche le gare dei due concorsi. Saranno registrate, se ne potranno trasmettere gli spezzoni a piacimento. Questo garantisce un livello altissimo. Non è come essere allo stadio, ma quasi. Vogliamo offrire ai ticinesi la possibilità di assistere al Galà com se lo vivessero dal vivo. In anno in cui il Ticino può palpitare per Ajla Del Ponte che sta facendo cose strepitose. La ragazza se lo merita. È molto carica, sono convinto che percepirà il calore delle persone che la guardano da casa».

Tutti gli svizzeri più forti. Ma non solo

L'impronta elvetica del Galà è sempre marcata, ma mai come quest'anno la presenza di tutti i migliori atleti rossocrociati è voluta. La loro presenza è alla base stessa del meeting edizione 2020. «Gli sportivi svizzeri sono uno dei motivi principali per il quale abbiamo deciso di organizzarlo comunque, il Galà. Ci sono stati altri meeting in Svizzera in cui l'uno o l'altro atleta ha gareggiato, ma noi li abbiamo tutti a Bellinzona. Abbiamo fatto uno sforzo particolare, quasi superiore a quello degli scorsi anni proprio per la particolarità di questa stagione, perché loro vivono di ingaggi, e tanti sono venuti meno. Per gli atleti è un anno difficilissimo. Dai loro sponsor privati hanno ricevuto quanto pattuito, ma gli ingaggi vengono a mancare. Sono molto felici che sia un Meeting che li raggruppa tutti. A Bellinzona ci sarà il meglio del meglio dell'atletica svizzera. Opposto ad avversari di gran livello».

A proposito delle prime firme del meeting, anche in questo caso non sono mancate le difficoltà, nel reclutare i campioni. «Cambiano continuamente le liste nere dei paesi, i protocolli legati alla quarantena seguiamo a seguire scrupolosamente i protocolli e le norme di prevenzione per essere certi che tutti gli atleti che noi ingaggiamo rispettino a loro volta le direttive e agiscano in sicurezza, una volta a Bellinzona. Abbiamo intensificato i contatti con agenti e manager, ma in realtà non è che ci siano poi tanti meeting, in programma. Sono tutti contenuti in queste due settimane di settembre. Alcuni atleti, a Bellinzona arrivano direttamente da Berlino (gareggiano domani), e poi vanno a Roma (giovedì). Dopo questi appuntamento, per la gran parte degli europei la stagione sarà conclusa. Contemporaneamente al nostro, martedì c'è anche il meeting di Zagabria. Abbiamo concordato le discipline, per non pestarci i piedi. L'organizzatore dell'evento croato è anche un agente di atleti, alcuni dei quali saranno con noi al Comunale. Questo per dire quanto bene abbia funzionato la collaborazione».

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved