renzetti-sfl-inadeguata-l-assemblea-puo-rimediare
Bisogna ancora aspettare
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Tennis
2 ore

Niente impresa per Henri Laaksonen, battuto da Medvedev

Il russo, numero 2 al mondo, mette fine ai sogni di gloria dello sciaffusano agli Australian Open. Eliminate anche Vögele e Golubic
Tennis
4 ore

‘Djokovic era sereno, gli australiani un po’ meno’

Tristan Schoolkate, sparring partner di Nole durante il suo breve soggiorno australiano, racconta a laRegione l’incontro con il campione serbo
Gallery
Calcio
12 ore

Petkovic, dall’altare di Bucarest alla polvere della Gironda

Il pesante 6-0 rimediato a Rennes pone l’ex ct della Svizzera a serio rischio esonero. Il suo Bordeaux è penultimo con la peggior differenza reti
CALCIO
12 ore

Per la Fifa, Lewandowski è il giocatore dell’anno

Il polacco del Bayern Monaco premiato con il ‘Best Player’. Ha preceduto Leo Messi e Mohamed Salah. Tra le donne vittoria di Alexia Putellas (Barcellona)
Sci
15 ore

Beat Feuz di nuovo papà: è nata Luisa

Con un tempismo perfetto, la secondogenita dello sciatore rossocrociato è venuta al mondo dopo le gare di Wengen e prima di quelle di Kitzbühel
FREESTYLE
15 ore

Dopo Deer Valley per Marco Tadè ci sono le Olimpiadi

Il ticinese è pronto a volare a Pechino, mentre Nicole Gasparini negli Stati Uniti non è riuscita a staccare il biglietto per i Giochi
CALCIO
15 ore

Inghilterra e Kosovo per le amichevoli di marzo

Reso noto il programma 2022 della Nazionale svizzera. Nel mese di giugno quattro partite di Nations League in dieci giorni. E in novembre i Mondiali
HOCKEY
17 ore

‘Playoff lontani, ma provarci rimane un dovere’

Santeri Alatalo e il difficile momento del Lugano: ‘Le ultime sconfitte ci sono costate molto sul piano emotivo, ma abbiamo i mezzi per riprenderci’
Automobilismo
17 ore

Quarto posto per Marciello nella prima gara del 2022

Nella 24 ore di Dubai il podio sfuma a pochi minuti dal termine per il pilota ticinese, che ha gareggiato con l’Haupt Racing Team
Altri sport
17 ore

Pechino 2022, il comitato annulla la vendita dei biglietti

Alle Olimpiadi invernali solo gli invitati potranno seguire le gare e le prove. La misura come parte della stretta sui controlli contro il Covid e Omicron
Tennis
18 ore

A Melbourne Bencic parte bene e assicura: ‘Sto sempre meglio’

La 24enne sangallese, colpita dal coronavirus prima di Natale, nel primo turno ha superato in due set la francese Mladenovic. Avanti anche Jil Teichmann.
Tennis
19 ore

Djokovic, atto finale: è arrivato a Belgrado

Dopo lo scalo nella notte, il tennista serbo è rientrato nella capitale serba accolto da numerosi sostenitori
Tennis
20 ore

Anche al Roland Garros solo tennisti vaccinati

Si complica la posizione di Novak Djokovic. La Francia richiede il pass a tutti gli atleti che giungono dall’estero per competizioni di vario genere
Tennis
1 gior

Djokovic sull’aereo diretto a Belgrado

Dopo il transito a Dubai, il tennista n.1 al mondo è diretto in Serbia
Calcio
1 gior

Supercoppa al Real Madrid, nel segno di Benzema

Il trofeo spagnolo alla 12esima volta alla squadra di Carlo Ancelotti (2-0 all’Athletic Bilbao). Per il francese è il 20esimo titolo con le ‘merengues’
Hockey
1 gior

Moses: ‘Segnare dà la sensazione di essere tornato al lavoro‘

Bella prova dello statunitense. Cereda: ‘Contenti di lui. Siamo vivi, continuiamo a lottare’ 
Volley
1 gior

Lugano, successo in campionato, sconfitta in Coppa

Le ragazze di Salomoni hanno battuto il Franches Montagnes ma negli ottavi di Coppa sono state eliminate dallo Sciaffusa
Hockey
1 gior

Decide un gol di Rajala, e il Lugano mastica amaro

Weekend a secco per i bianconeri di Chris McSorley, beffati nel finale da un tiro del finlandese del Bienne dopo lo scivolone della sera prima a Zugo
CALCIO
07.05.2020 - 16:020
Aggiornamento : 17:17

Renzetti: 'Sfl inadeguata, l'assemblea può rimediare'

La stagione non riprenderà l'8 giugno, i club si ritroveranno il 29 maggio per decidere. Il presidente del Lugano:' Solidarietà, buonsenso e Super League a 12 '

a cura de laRegione

La stagione 2019-20 del calcio svizzero non trova pace. La Swiss Football League ha annunciato che i campionati di Super e Challenge League non inizieranno nella settimana dell'8 giugno. Per contro, un'assemblea straordinaria è stata fissata per il 29 maggio e in quell'occasione verrà deciso se riprendere l'attività, oppure considerare morta l'attuale stagione.

La data dell'8 giugno, proposta dal Consiglio federale per un'eventuale riapertura delle competizioni, dovrà essere sottoposta all'approvazione del governo il prossimo 27 maggio. Qualunque sia la decisione annunciata in quell'occasione, la Sfl ha ritenuto opportuno riunirsi due giorni dopo per prendere una decisione definitiva. Mediante votazione i 20 club della Lega sceglieranno se riaprire la stagione oppure no. Nel caso in cui la maggioranza delle società dovesse esprimersi in maniera positiva, i campionati riprenderebbero, ma non prima del weekend del 20-21 giugno.

Il Lugano non riprenderà prima del 18 maggio

Per contro, è possibile iniziare gli allenamenti a partire da lunedì 11 maggio, ovviamente seguendo alla lettera le prescrizioni sanitarie imposte dal governo e dalla Sfl. Il posticipo dell'eventuale ripresa del campionato ha però portato il Lugano, che avrebbe dovuto iniziare domani con i test medici (tamponi) sui giocatori, a posticipare la ripresa. In un comunicato la dirigenza bianconera rende noto che l'attività non riprenderà prima del 18 maggio.

E se il posticipo della ripresa può rappresentare un semplice intoppo organizzativo, ben più serie sono le conseguenze della comunicazione della Segreteria di Stato per l'economia (Seco), la quale ha informato i vertici della Sfl in merito alla riscossione delle indennità per lavoro ridotto: una volta ripresi gli allenamenti, i club non potranno più far capo a questo strumento. Una decisione che rischia di mettere in seria difficoltà più di una società. Anche perché i club potranno iniziare a "incassare" (sponsor, diritti tv, ma non gli incassi allo stadio visto che si giocherebbe comunque a porte chiuse) soltanto a partire dal 20-21 giugno, un mese abbondante dopo la ripresa degli allenamenti e la conseguente perdita del beneficio del lavoro ridotto.

Per venire incontro alle esigenze finanziarie delle società, la Sfl aspetta di saperne di più su un eventuale aiuto da parte del Consiglio federale. «Un aiuto che rappresenta una condizione imprescindibile per evitare una situazione capace di minacciare l'esistenza stessa del calcio professionistico in Svizzera», ha fatto sapere la Sfl. Domenica Viola Amherd, responsabile del dipartimento della difesa, della protezione della popolazione e dello sport, aveva lanciato l'idea di finanziare le partite che si dovranno disputare a porte chiuse.

Angelo Renzetti: 'Un biasimo alla Sfl'

La comunicazione della Sf non ha certo strappato un sorriso (eufemismo) al presidente del Lugano Angelo Renzetti... «In primo luogo c'è tutto il nostro biasimo nei confronti della Lega, incapace di gestire con coraggio e convinzione questo difficile momento. Le ultime decisioni – il posticipo di un'eventuale ripresa al 20-21 giugno e la proposta di un calendario inapplicabile – dimostrano l'improvvisazione delle azioni intraprese dalla Sfl, un modo d'agire che non ha certo attirato sul calcio svizzero i favori della Seco. Morale della favola, l'unica certezza che avevamo, vale a dire la possibilità di far capo al lavoro ridotto, andrà a farsi benedire con la ripresa degli allenamenti. Anche per questo motivo abbiamo deciso di posticipare l'inizio della preparazione, almeno fino al 18 maggio, data che andrà poi rivalutata a dipendenza di quanto succederà nei prossimi giorni».

Per il 29 maggio è stata convocata un'assemblea generale. Voleranno i coltelli? «Spero proprio che non ci sia motivo di accoltellaci l'un l'altro, siamo già stati feriti a sufficienza dal virus. Conto invece che possa essere un'occasione per far valere il buonsenso, perché al momento attuale in Svizzera non vi sono le prerogative per fare calcio: il calendario sottopostoci è improponibile e troppo ristretto, così come improponibili sono i requisiti richiesti, dalle partite a porte chiuse ai controlli sanitari. Senza contare che vi sono società, come Losanna, Grasshopper, Yverdon e Rapperswil, espostesi pesantemente sul fronte degli investimenti e che rischiano di ritrovarsi con in mano un pugno di mosche. L'assemblea del 29 maggio potrebbe essere l'occasione per rimettere tutto a posto e in questo senso ritengo molto interessante la proposta del Losanna, con la promozione in Super League di Losanna e Grasshopper e quella di Yverdon e Rapperswil in Challenge League. In questo modo avremmo un massimo campionato a 12 squadre, per la felicità anche delle televisioni, le quali potrebbero così recuperare le partite perse quest'anno».

'Non ne usciremo puliti, sporchiamoci per il bene del sistema'

Non tutte le società sono però convinte dell'opportunità di dare un taglio alla stagione... «C'è chi vorrebbe ricominciare e lo capisco. Ma credo che in occasione dell'assemblea debba valere il buonsenso e soprattutto una certa sensibilità nei confronti di quelle società in mano a un solo azionista, i cui affari sono stati messi a dura prova dal Covid-19. Comprendo che Young Boys, Basilea o San Gallo desiderino chiudere la stagione e giocarsi i possibili lauti introiti dell'Europa, ma non bisogna far prevalere l'egoismo. La pandemia costringe tutti a compiere un passo indietro e a perdere qualcosa. Ci infangheremo tutti, non possiamo uscire immacolati da questo pantano, ma è importante che le decisioni vengano prese con coraggio e per il bene del sistema».

Quale sarà la vostra posizione all'assemblea? «C'è una sola strada che il calcio svizzero può percorrere ed è quella di un'interruzione che permetterebbe di organizzare la prossima stagione con una Super League a 12 squadre. Verranno poste domande precise: volete proseguire il campionato, volete 12 squadre in Super League? In queste settimane si tratterà di lavorare sottotraccia per preparare al meglio l'appuntamento».

Eventuali aiuti finanziari da parte della Confederazione potrebbero cambiare le carte in tavola? «Il Consiglio federale dovrà comunque concederci degli aiuti, ma per il momento non vi sono certezze, per cui dobbiamo imboccare una strada che ci permetta di uscire dal pantano. In caso contrario sarebbe l'intero sistema a rischiare di saltare in aria».

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved