BENCIC B. (SUI)
1
WANG Q. (CHN)
1
3 set
(4-6 : 7-5 : 1-3)
correre-meno-per-correrle-tutte
Solo 18 giorni per arrivare a Parigi? E perché no?
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Tennis
24 min

Gloubic non stecca l’entrata in materia. Laaksonen invece sì

La zurighese supera il primo turno di Wimbledon battendo in due set (chiusi con il punteggio di 6-4 6-3) la tedesca Perkovic
Tennis
1 ora

Wimbledon finisce ancora prima di iniziare per Berrettini

Finalista lo scorso anno, l’italiano deve alzare bandiera bianca a poco dal suo esordio. Fermato dalla positività al coronavirus
Atletica
1 ora

Doping, quattro anni di stop per Alex Wilson

Lunga squalifica per lo sprinter elvetico, positivo al trenbolone. A 31 anni, la sua carriera rischia di chiudersi qui
Storie mondiali
9 ore

Buff Donelli, una star del football prestata al soccer

La seconda edizione della Coppa del Mondo di calcio, nel 1934, fu voluta e accomodata da Mussolini in persona
nuoto sincronizzato
14 ore

Il nuoto sincronizzato in Svizzera fa i conti con gli abusi

Bufera sul dipartimento gestito da Swiss Aquatics, respingono le accuse ma si dimettono i co-direttori sportivi Markus Thöni e Patricia Fahrni
Tennis
16 ore

Wawrinka cede alla distanza a Jannik Sinner

Il vodese deve salutare Wimbledon al primo turno, sconfitto dal talentuoso italiano 7-5 4-6 6-3 6-2
ciclismo
18 ore

Tour de France, non ci saranno Alaphilippe e Cavendish

I due non sono stati convocati dalla Quick-Step
footbalino
19 ore

Anche tre atleti disabili ai Mondiali di Footbalino

La partecipazione è il frutto della collaborazione tra la federazione svizzera e quella ticinese
Calcio
19 ore

Mercato, Cragno al Monza

Il portiere arriverà in prestito dal Cagliari
ginnastica artistica
19 ore

Ginnastica, oro e argento ai Campionati svizzeri per Lena Bickel

La ticinese è prima alle parallele asimmetriche e seconda nel concorso multiplo. Argento e bronzo (ad anelli e sbarra) anche per Mattia Piffaretti
Calcio
20 ore

Simone Rapp a Karlsruhe

Il ticinese lascia Vaduz per la Germania
Calcio
20 ore

Lucas Leiva torna in Brasile

Il 35enne centrocampista giocherà nel Gremio
Triathlon
21 ore

Sasha Caterina si mette in evidenza ai Mondiali di Montreal

Con il contributo del triatleta ticinese la giovane squadra svizzera conclude sesta e si guadagna il pass per le Olimpiadi di Parigi
Calcio
22 ore

Il Bellinzona sfida in amichevole il Lugano II

A Giubiasco mercoledì sera prima uscita stagionale per entrambe le squadre
hockey inline
22 ore

Il Malcantone finisce in bellezza, il Sayaluca avanza

I primi battono il Bienne Seelanders di misura, i luganesi puniscono Givisiez I e II
TENNIS
22 ore

Wimbledon, eliminata in entrata Ylena In-Albon

La rossocrociata, al debutto in un torneo dello Slam, è stata sconfitta al primo turno da Alison Riske
Calcio
23 ore

Lucien Favre ritorna sulla panchina del Nizza

Il 64enne vodese trova una nuova panchina dopo quella del Borussia Dortmund. Sostituisce Galtier, nuovo tecnico del Psg
CICLISMO
17.04.2020 - 06:20
Aggiornamento: 08:42

Correre meno per correrle tutte

Mauro Gianetti, Ceo della Uae Emirates: 'In via del tutto eccezionale Tour, Giro e Vuelta dovrebbero cedere alcuni dei loro giorni a favore di altre gare'

La primavera del ciclismo non è nemmeno sbocciata. Dopo le prime gare in Australia e Sudamerica e un'edizione della Parigi - Nizza accorciata di un giorno e con il pubblico tenuto a debita distanza dai corridori, tutto si è bloccato. L'arrivo della pandemia ha costretto l'Unione ciclistica internazionale a decretare il lockdown per tutte le competizioni. Sono saltati quattro "monumenti" su cinque, oltre a Tour de Romandie, Giro d'Italia, Delfinato e Tour de Suisse. Mercoledì la federazione internazionale ha prolungato lo stop fino al 1. luglio (1. agosto per le gare World Tour) e ha cercato di ridisegnare il calendario, con lo spostamento del Tour de France a settembre (29 agosto - 20 settembre), al quale faranno seguito i Mondiali il 27 settembre, il Giro (verosimilmente dal 3 al 25 ottobre) e la Vuelta. Con l'assicurazione di voler inserire nel programma il maggior numero di corse possibili, a partire dai "monumenti" (Sanremo, Fiandre, Liegi, Roubaix e Lombardia). Ne abbiamo parlato con Mauro Gianetti, Ceo della Uae Emirates... «Per quanto attiene al calendario, noi come squadre e corridori abbiamo subito dato la nostra disponibilità a gareggiare anche nel mese di novembre. D'altra parte, la stagione inizia a febbraio-marzo e non è che in quel periodo il clima sia tanto diverso rispetto a novembre».

'Occorre un gesto di solidarietà'

C'è però chi teme che il dover concentrare tre grandi giri in tre mesi possa inevitabilmente portare al taglio di qualche giorno di corsa, in particolare per Giro e Vuelta e si è già issato sulle barricate... «Personalmente, in un anno tribolato come quello che stiamo vivendo e nell'ottica di poter recuperare il maggior numero possibile di competizioni, non troverei deleteria la decisione di accorciare di qualche giorno i tre grandi giri, Tour de France compreso. È vero, occorre preservare il patrimonio storico di queste competizioni, ma anche il Covid-19 è entrato a far parte della storia dell'umanità e vi rimarrà per anni. A mio modo di vedere gli organizzatori hanno il timore che una riduzione dei giorni di gara rappresenti un precedente pericoloso, nel senso che l'Uci potrebbe prendere la palla al balzo per riproporre anche in futuro versioni accorciate. Sta alla federazione internazionale sapersi imporre, mettendo nero su bianco che la riduzione è limitata a questa stagione devastata dalla pandemia. Togliere tre o quattro giorni a Grande Boucle, Giro e Vuelta permetterebbe di raggranellare due settimane di tempo per disputare, ad esempio, le grandi classiche, per altro tutte organizzate da Aso e Rcs, eccezion fatta per il Fiandre. È vero, si potrebbe pensare a delle sovrapposizioni di corse, ma nemmeno questa sarebbe una soluzione ideale, soprattutto pensando alla copertura televisiva, tanto ricercata dagli sponsor. La situazione è quella che è e penso che tutti debbano rendersi protagonisti di un gesto di solidarietà per il bene del ciclismo».

Concentrare tutto in pochi mesi comporterebbe una crescita esponenziale dell'interesse, in quanto le grandi competizioni si susseguirebbero senza soluzione di continuità... «Ovviamente concentrare tutto in così pochi mesi non rappresenta la soluzione ideale, è senza dubbio meglio diluire sull'arco di una stagione che nel ciclismo è ormai pianificata su undici mesi. Ma questo è un anno particolare e siamo tutti chiamati a sacrifici per trovare soluzioni che permettano agli organizzatori di organizzare, ai corridori di correre e alle squadre di superare il momento difficile e sopravvivere. E il primo requisito per ottenere tutto ciò è di poter gareggiare».

Un Mondiale che si annuncia grandioso

Le conseguenze della pandemia avranno ripercussioni sulle finanze delle squadre... «Da quel che si legge alcune sono già alle prese con non poche difficoltà. E non per malavoglia da parte degli sponsor, perché è logico che un'azienda confrontata con ingenti perdite economiche dovute al lockdown non sia più in grado di ottemperare agli accordi persi. Per alcune aziende è più difficile che per altre, ma la situazione dell'economia mondiale è lì da vedere».

Il 2020 è l'anno dei Mondiali in Svizzera che l'Uci ha mantenuto in calendario dal 21 al 27 settembre, una settimana dopo la fine del Tour... «Il percorso di Martigny è adatto agli scalatori, per cui penso che chi uscirà dal Tour de France con la gamba giusta possa essere protagonista anche al Mondiale. Gli altri dovranno prepararsi bene, ma la Grande Boucle non sarà l'unica competizione nelle prime settimane di settembre, per cui penso che vi sarà per tutti la possibilità di trovare il colpo di pedale migliore. Anche per coloro che dopo il Mondiale andranno al Giro. La corsa rosa più di ogni altra prova non consente di giungere alla partenza in scarse condizioni fisiche, in quanto è molto esigente fin dai primi giorni. Tutto sommato, dunque, il Mondiale potrebbe essere davvero di altissimo livello».

Sedici aprile 1995, il giorno della Liegi

Dal presente al passato. Domenica 16 aprile 1995, giorno di Pasqua, Mauro Gianetti vinceva la Liegi - Bastogne - Liegi. Sono già trascorsi 25 anni... «La quarantena mi ha dato l'occasione di rivedere quella corsa, così come l'Amstel di una settimana dopo, che non avevo mai rivisto. Mi sono tornati alla mente i dettagli di quel giorno, cosa pensavo in un determinato momento, quali erano i miei ragionamenti in corsa. Nel finale della Liegi ho provato ad attaccare, ma i miei tre compagni di fuga (Bugno, Jalabert e Bartoli) hanno chiuso il buco. Sono però giunti a tre metri da me e hanno ritenuto compiuto il loro compito. Sapevo di non avere nulla da perdere e non ho smesso di pedalare, mentre loro hanno iniziato a guardarsi l'un l'altro. Quando ho visto che i metri sono di ventati cinque ho pensato che valeva la pena provarci un'altra volta. Ma sapevo che alzandomi sui pedali avrei destato la loro attenzione, per cui ho forzato da seduto e prima che loro se ne rendessero conto i metri sono diventati 20. Quando il vantaggio è diventato di 60 metri hanno capito che chi fosse venuto a prendermi avrebbe perso la gara, uno scaricabarile che ha fatto il mio gioco».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved