laR+ Tecnologia

Vision Pro, aspettando la rivoluzione

Al momento il nuovo visore di Apple è un paio di grandi occhiali da sci che riescono a catapultarci in una nuova dimensione. Dicono gli esperti...

Visioni
(Keystone)
2 aprile 2024
|

Lo scorso febbraio è uscita una novità Apple che ha immediatamente creato una forte ondata di reazioni. Parliamo di Vision Pro, il visore-computer che consente di calarsi in prima persona nella realtà virtuale (usata nei videogiochi) e/o nella realtà aumentata (usata per ‘togliere’ o ‘aggiungere’ oggetti digitali al mondo che ci circonda). Concretamente, si tratta di un apparecchio che ricorda un paio di grandi occhiali da sci e che, una volta indossato, riesce a catapultare l’utente in una nuova dimensione. Con Vision Pro si possono creare innumerevoli schermi virtuali e ‘ancorarli’ in vari punti della casa, allestendo un cinema in salotto, una console con le ricette in cucina, un calendario da parete in ufficio e tantissimi schermi di lavoro sparsi qua e là tra le varie stanze.

Contraddistinto dal tipico elegante design Apple, Vision Pro è un computer portatile a tutti gli effetti ed è dotato di telecamere che restituiscono la realtà praticamente in tempo reale, il che permette di indossarlo sul viso e di muoversi e camminare in modo normale, magari consultando mappe o scattando foto. I comandi avvengono tramite lo sguardo e appositi gesti con le dita e per scrivere si usa una tastiera virtuale. Queste caratteristiche conferiscono un’aura ‘fantascientifica’ al prodotto, che il popolo della rete ha subito sfruttato per diffondere video sui social media, in cui si vedono utenti con il visore in testa passeggiare per strada oppure ordinare un hamburger da McDonald’s. Sono immagini inquietanti, perché l’apparecchio nasconde il viso di chi lo porta creando un effetto estraniante. Al momento il prezzo elevato di circa 3'500 dollari, il peso non indifferente di mezzo chilo e l’autonomia molto limitata di 2 -3 ore non lo rendono ancora un oggetto davvero attraente per il grande pubblico. Ma cosa succederebbe se diventasse più leggero e performante e se costasse meno? Che impatto potrebbe avere una novità tecnologica simile nelle nostre vite?

Ne abbiamo parlato con cinque esperti: il Dr. Fabian Winiger, collaboratore scientifico nell’ambito delle religioni digitali presso la cattedra di Cura spirituale dell’Università di Zurigo, il Prof. Dr. Ernst-Joachim Hossner dell’Istituto di Scienze sportive dell’Università di Berna, il Prof. Dr. Dr. Claus Beisbart, professore straordinario presso l’Istituto di Filosofia teorica dell’Università di Berna, il Prof. Dr. Fred Mast, dell’Istituto di Psicologia cognitiva, percezione e metodi di ricerca dell’Università di Berna e infine il conosciutissimo e apprezzatissimo giornalista e divulgatore scientifico Paolo Attivissimo.

Il nuovo visore Vision Pro è davvero un prodotto rivoluzionario?

Winiger – Quando Apple crea qualcosa, di solito fa le cose per bene, quindi questo nuovo prodotto ha tutte le potenzialità di porci di fronte a cambiamenti simili a quelli generati quindici anni fa dall’iPhone. È ancora un po’ presto però per dire se sarà un prodotto di successo: perché un’innovazione venga accettata ci vuole tempo.

Attivissimo – È facile lasciarsi entusiasmare dalle novità, ma bisogna ricordare che la realtà virtuale esiste da moltissimo tempo, addirittura dagli anni ’70, e che ci sono già da tempo sul mercato visori di altre marche, molto meno costosi di Vision Pro, che fanno sostanzialmente le stesse cose a prezzi nettamente inferiori, ma quando arriva Apple tutti ne parlano.

Hossner – Non credo che un visore di questo tipo rivoluzionerà il mondo. Se anche il prodotto venisse migliorato, la distinzione tra mondo reale e mondo virtuale rimarrebbe immutata. Posso andare al cinema e commuovermi per una storia, ma quando esco dalla sala so che quella era una storia di fantasia. Allo stesso modo mio figlio può arrampicarsi sui muri quando è immerso in un gioco elettronico, ma quando spegne il computer sa che non lo può più fare. Questo perché il nostro corpo ci permette di vivere solo nel mondo reale: non possiamo vivere in un mondo virtuale. Certamente posso fare esperienze sensoriali virtuali per divertimento, ma manterrò sempre la distinzione tra ciò che è realtà e ciò che non lo è: ci si può cercare un partner virtuale, ma di figli virtuali non ne possiamo fare.

Beisbart – Per parlare di un prodotto di questo genere, bisogna fare la distinzione tra realtà virtuale e realtà aumentata o mista. La realtà virtuale ci cala in un mondo di completa fantasia, mentre quella aumentata o mista aggiunge qualcosa alla nostra realtà, per esempio oscurando o arricchendo ciò che ci circonda. Al momento Vision Pro possiede ancora poche funzionalità. Ma posso immaginare un futuro in cui portando un visore di questo tipo verrei a sapere all’istante nome e informazioni sulle persone incrociate per strada. Proprietà di questo genere potrebbero davvero rivoluzionare la nostra percezione dell’altro e impedirci di incontrare qualcuno di davvero estraneo, nel modo descritto fra gli altri anche dal filosofo Emmanuel Lévinas. La magia dell’incontro sparirebbe.

Il filosofo americano Daniel Dennett mette in guardia contro l'IA. Secondo lui l’intelligenza artificiale (Ia) non distruggerà i nostri posti di lavoro, ma diffonderà falsità (le famose fake news) nel mondo. Anche il Vision Pro potrebbe andare in questa direzione, visto che il prodotto, filtrando il mondo esterno tramite videocamere, ci porterebbe a isolarci?

Beisbart – Credo che per quanto riguarda questa problematica, visori come Vision Pro non dovrebbero riuscire a trarci in inganno come fanno le notizie false che circolano in rete, a volte difficili da smascherare. Se mi muovo per il mondo e ho l’impressione che il visore mi stia mandando un’immagine sbagliata (come un percorso errato), mi basta toglierlo per controllare. Non vedo dunque grandi pericoli in questo senso. I visori potrebbero però rafforzare ancora di più la nostra percezione soggettiva del mondo, facendoci vedere soprattutto quello che più ci piace o in cui più crediamo ed evitando il confronto con la realtà. Una persona potrebbe per esempio camminare in una città circondata da alberi virtuali per ignorare il problema dell’inquinamento.

Winiger – In effetti realtà virtuale e Ia potrebbero creare insieme mondi paralleli molto convincenti. In futuro le persone potrebbero vivere in un mondo ibrido, tra il virtuale e l’analogico, in cui diventerebbe difficile distinguere il vero dal falso. Nei social media esistono già discussioni condotte da intelligenze artificiali, cioè da bot, e spesso esse risultano difficili da riconoscere.

In che modo un visore di questo tipo risponde ai nostri bisogni di esseri umani?

Mast – Forse dovremmo capovolgere la domanda e concentrarci un po' di più sulle nostre esigenze reali. Di cosa abbiamo effettivamente bisogno? Che cosa si adatta davvero alle nostre esigenze? È infatti importante dare priorità alle persone e ai loro bisogni e chiedersi quali siano i possibili utilizzi di una certa tecnologia. Qualche anno fa è stato lanciato sul mercato il televisore 3D, che nel frattempo è scomparso dalla scena. Chi se lo ricorda? Non serviva e la gente non l’ha acquistato La stessa cosa succederà con Vision Pro: troverà un posto nel nostro quotidiano solo se si renderà utile. Fra i possibili utilizzi, oltre ai giochi, vedo la possibilità di migliorare l'assistenza psicoterapeutica alle persone che non possono muoversi da casa o di trattare i pazienti che soffrono di fobie. Chi ha paura dei ragni potrebbe infatti sottoporsi a una terapia tramite visore per entrare gradualmente in contatto con ragni virtuali.

Cosa si può fare concretamente per regolare la digitalizzazione della nostra società, sfruttandone al meglio gli effetti positivi e mitigando quelli negativi?

Winiger – Tutto sta avvenendo a una velocità tale che è diventato difficile restare aggiornati. Dobbiamo invece prenderci una pausa per riflettere e chiederci quali sono le implicazioni, quale la significanza etica di certe scelte. La tecnologia deve risultare utile alla gente, non sopraffarla. Per questo motivo l’Università di Zurigo ha fondato il Meeet Lab, un progetto che offre ai ricercatori, agli studenti e al grande pubblico l'opportunità di conoscere, provare e utilizzare nuove tecnologie che svolgano un ruolo decisivo nel processo di trasformazione digitale della nostra società.

Attivissimo – Per capirla, la tecnologia bisogna imparare a usarla e a controllarla, adattando la legislazione di conseguenza. L’Unione Europea sta per esempio varando una serie di leggi atte a proteggere i cittadini dalla videosorveglianza, contrastando così l’uso negativo che se ne sta facendo in Cina per motivi politici e negli Stati Uniti per motivi commerciali. Alla fine la differenza la faranno anche in questo caso le persone. È il nostro atteggiamento verso la tecnologia che ci porterà a usarla nel modo corretto.


Keystone
Viviamo strani giorni

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE