DJOKOVIC N. (SRB)
1
CARRENO BUSTA P. (ESP)
2
fine
(4-6 : 7-6 : 3-6)
BENCIC B. (SUI)
VONDROUSOVA M. (CZE)
12:45
 
STOJANOVIC N./DJOKOVIC N.
BARTY A./PEERS J.
12:00
 
vitalini-e-la-diocesi-la-storia-che-non-fu
Don Sandro Vitalini
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
6 ore

L’utilità delle catastrofi

È il colmo che le autorità e anche il popolo votante abbiano bisogno delle calamità per correggere politiche sbagliate
Commento
1 gior

Peso della storia e frattura europea

Si pensava che l'allargamento dell'Ue portasse con sé una contaminazione democratica, i fatti e gli interessi nazionali ci stanno dimostrando il contrario
Commento
2 gior

Il certificato Covid non sia un incentivo a vaccinarsi

Il cosiddetto Green pass ha senso se l’alternativa al chiudere per i non vaccinati è chiudere per tutti
Commento
3 gior

Altri sgravi? L'offensiva liberale va controcorrente

La concorrenza fiscale intercantonale è un dato di fatto. Ciò che pare sfuggire al Plrt è che nel mondo post Covid il vento sta girando da un'altra parte
Gallery
L'analisi
3 gior

Vladimir Petkovic, addio sulla cresta dell’onda

Il 57enne tecnico della Nazionale rossocrociata, il più vincente di sempre, lascia la Svizzera e abbraccia la causa del Bordeaux. Lascerà un vuoto non facile da colmare
Il commento
4 gior

Polizia, il Tribunale federale consolida la legge ticinese

Il loro ricorso è stato respinto, ma i due giuristi hanno fatto bene a sottoporre al vaglio dei giudici di Mon Repos l'importante e delicata revisione normativa
il commento
5 gior

Medici, Corona e... tutti allenatori

Dallo scetticismo che aleggia fra medici e infermieri all'obbligatorietà vaccinale imposta già in diverse nazioni per eventi o frequentazioni
Commento
1 sett

Eh già... Angelone è ancora qua

Dopo la cessione sfumata qualche settimana fa, Renzetti è pronto per la sua dodicesima stagione da numero uno del Lugano, la decima da proprietario del club
Commento
1 sett

Olimpia e il prezzo della felicità

Dopo decenni in cui ci si doveva fare largo a gomitate per aggiudicarsi i Giochi, il ricordo dei deficit finanziari pare raffreddare gli entusiasmi
L'analisi
1 sett

Nord Stream 2, l'equilibrio gassoso

Joe Biden e Angela Merkel si sono accordati: il gasdotto sotto al mar Baltico tra Russia e Germania verrà presto completato. Tutti contenti?
Il ricordo
06.05.2020 - 16:170
Aggiornamento : 16:53

Vitalini e la diocesi, la storia che non fu

Chissà quale storia avremmo scritto oggi, se don Vitalini fosse stato consacrato vescovo

La figura di don Vitalini, scomparso in questi giorni a causa del coronavirus, permette di fare tante riflessioni, non solo di carattere teologico. Certo, la teologia era la sua passione in quanto sacerdote, studioso e docente alla facoltà di teologia di Friborgo, alla quale ha dedicato tanti anni della sua vita. Anni nei quali è stato anche rettore del seminario teologico, sempre a Friborgo, il Salesianum, dove hanno soggiornato e studiato tanti preti che la nostra diocesi inviava per una formazione superiore oltre Gottardo.

Dio è amore

Senza entrare troppo nei dettagli, visto che non ne abbiamo le competenze, incontrandolo o seguendolo nelle sue tante apparizioni all'allora Tsi, nella rubrica del sabato ‘il Vangelo di domani’, ci colpiva la sua voglia di comunicare che Dio è amore. Egli - per citare un bel titolo scelto dal collega Carlo Silini che lo ha conosciuto molto bene – è effettivamente stato ‘il teologo della gioia’. Un innamorato del Concilio Vaticano Secondo, che non ha trovato la sua completa concretizzazione, perché - lo si sa - dopo l'entusiasmo per alcuni coraggiosi cambiamenti e aperture, a Roma le forze conservatrici hanno ripreso in mano il freno. Così il teologo Vitalini per un paio di volte arrivò vicinissimo all’episcopato, senza però divenire vescovo. In una di quelle occasioni a lui venne preferito un altro docente, molto intelligente e capace, suo collega alla facoltà di Friborgo, don Eugenio Corecco, incarnazione in quegli anni - gli anni in cui ai vertici della chiesa cattolica c'era il papa polacco Karol Wojtyla che aveva conosciuto per le sue profonde conoscenze in diritto canonico - di una visione teologica diversa da quella di Vitalini. E il corso, o se preferite la vita di don Vitalini, subì una svolta.

La svolta con mons. Corecco

Monsignor Corecco, ancora prima della creazione da parte dei comuni di Lugano e Mendrisio dell’Università sul Ceresio e dell'Accademia di Botta, fondò la sua facoltà di teologia a Lugano. Segno evidente che quell’ex docente di diritto canonico, divenuto vescovo, non considerava la facoltà di Friborgo abbastanza in linea con la chiesa ufficiale e che ne andava fondata una nuova? Stessa sorte toccò al Seminario di Friborgo, la cui responsabilità passò da don Vitalini ad altri. Un confino, quello di Vitalini, che durò parecchi anni fino a quando, dopo la prematura scomparsa di mons. Corecco, venne consacrato don Grampa. Mons. Grampa lo volle allora accanto come pro-vicario generale.

Ppd, CL e Lega

Ma, parallelamente a questa storia recente della nostra chiesa locale, se ne intrecciò un’altra di natura più terrena e politica: la spaccatura in seno al Ppd si esacerbò proprio in quegli anni, a tal punto che alcuni importanti esponenti cattolici passarono armi a bagagli dal partito democristiano alla nuova e scoppiettante Lega dei ticinesi. Uno per tutti il municipale e deputato in Gran Consiglio, Giorgio Salvadè, inaugurando una nuova (santa) alleanza fra una parte conservatrice del mondo cattolico - che aveva spesso nei membri di Comunione e Liberazione più vicini a Corecco cinghie di trasmissione anche politiche – e esponenti della Lega, il Nano il primis. Furono tanti i cambiamenti in diocesi e fra questi fece parecchio discutere l'uscita di scena, in malo modo, dell’allora direttore dell’allora Giornale del Popolo Silvano Toppi (al quale successe Filippo Lombardi).

Chissà quale storia avremmo scritto oggi, se don Vitalini fosse stato consacrato vescovo.

© Regiopress, All rights reserved