Zurigo
4
Lucerna
0
fine
(3-0)
Young Boys
Servette
20:30
 
Thun
2
Wil
4
fine
(1-3)
SC Kriens
1
Vaduz
3
fine
(1-1)
Roma
0
Inter
3
fine
(0-3)
Napoli
Atalanta
20:45
 
Ajoie
1
Losanna
0
1. tempo
(1-0)
Ambrì
1
Zurigo
2
1. tempo
(1-2)
Langnau
0
Zugo
1
1. tempo
(0-1)
Lakers
1
Friborgo
1
1. tempo
(1-1)
Bienne
1
Ginevra
1
1. tempo
(1-1)
Berna
0
Lugano
0
1. tempo
(0-0)
FLO Panthers
1
STL Blues
2
2. tempo
(1-1 : 0-1)
vitalini-e-la-diocesi-la-storia-che-non-fu
Don Sandro Vitalini
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
14 ore

Qatar 2022, lo spettacolo deve continuare

La Giso ha detto qualcosa di sinistra: ha invitato la federazione di calcio a disertare i Mondiali, in protesta contro le condizioni di lavoro inumane
Commento
14 ore

Angela Merkel, il punk e i fantasmi del Terzo Reich

La cancelliera uscente sceglie Nina Hagen per l’addio, ma si ritrova dentro una parata militare dal sapore troppo retrò. Forse sarebbe meglio smetterla
Commento
1 gior

Annusare invece di sprecare

Mentre 675mila persone sono povere in Svizzera si gettano via quasi 3 milioni di tonnellate di cibo commestibile. Una follia tutta elvetica
Commento
2 gior

Non c’è bisogno di dichiarare guerra al Natale

No, l’Unione europea non ha messo fuori legge il Natale. Ha solo ricordato a tutti che viviamo in una società sempre più complessa e sempre meno religiosa
Commento
3 gior

Il brusco risveglio nella storia infinita

Déjà vu: dopo aver temporeggiato ora Berna si dice pronta ad adottare nuove misure per contenere la diffusione del virus
Commento
3 gior

Il discorso di candidatura di Zemmour, con de Gaulle e Brassens

Il candidato dell’ultradestra lancia la corsa all’Eliseo con un pippone nel quale infila tutte le vecchie glorie francesi, tra nostalgia e razzismo
Commento
4 gior

La variante Omicron e il nostro egoismo autolesionista

Le nuove mutazioni dipendono anche dal fatto che il virus continua a circolare liberamente nei Paesi dove non si ha accesso al vaccino
La formica rossa
5 gior

Non gioco più, vado a casa: l’ultradestra piangina e la tivù

Invece di affrontare a viso aperto i risultati delle votazioni dopo mesi di scempiaggini sul Covid, l’Udc si nega alla Rsi
Commento
5 gior

Legge Covid, un assist che il governo ora deve saper cogliere

Il Consiglio federale esce rafforzato dal secondo, chiaro ‘sì’ alle urne. Ma adesso deve agire con maggior risolutezza per contrastare la pandemia
Commento
5 gior

Polo sportivo a Lugano, arriva anche l’assist dei cittadini

Il progetto supera, con un certo agio, lo scoglio del referendum. Iniezione di fiducia per il Municipio che ha segnato la rete decisiva
Il ricordo
06.05.2020 - 16:170
Aggiornamento : 16:53

Vitalini e la diocesi, la storia che non fu

Chissà quale storia avremmo scritto oggi, se don Vitalini fosse stato consacrato vescovo

La figura di don Vitalini, scomparso in questi giorni a causa del coronavirus, permette di fare tante riflessioni, non solo di carattere teologico. Certo, la teologia era la sua passione in quanto sacerdote, studioso e docente alla facoltà di teologia di Friborgo, alla quale ha dedicato tanti anni della sua vita. Anni nei quali è stato anche rettore del seminario teologico, sempre a Friborgo, il Salesianum, dove hanno soggiornato e studiato tanti preti che la nostra diocesi inviava per una formazione superiore oltre Gottardo.

Dio è amore

Senza entrare troppo nei dettagli, visto che non ne abbiamo le competenze, incontrandolo o seguendolo nelle sue tante apparizioni all'allora Tsi, nella rubrica del sabato ‘il Vangelo di domani’, ci colpiva la sua voglia di comunicare che Dio è amore. Egli - per citare un bel titolo scelto dal collega Carlo Silini che lo ha conosciuto molto bene – è effettivamente stato ‘il teologo della gioia’. Un innamorato del Concilio Vaticano Secondo, che non ha trovato la sua completa concretizzazione, perché - lo si sa - dopo l'entusiasmo per alcuni coraggiosi cambiamenti e aperture, a Roma le forze conservatrici hanno ripreso in mano il freno. Così il teologo Vitalini per un paio di volte arrivò vicinissimo all’episcopato, senza però divenire vescovo. In una di quelle occasioni a lui venne preferito un altro docente, molto intelligente e capace, suo collega alla facoltà di Friborgo, don Eugenio Corecco, incarnazione in quegli anni - gli anni in cui ai vertici della chiesa cattolica c'era il papa polacco Karol Wojtyla che aveva conosciuto per le sue profonde conoscenze in diritto canonico - di una visione teologica diversa da quella di Vitalini. E il corso, o se preferite la vita di don Vitalini, subì una svolta.

La svolta con mons. Corecco

Monsignor Corecco, ancora prima della creazione da parte dei comuni di Lugano e Mendrisio dell’Università sul Ceresio e dell'Accademia di Botta, fondò la sua facoltà di teologia a Lugano. Segno evidente che quell’ex docente di diritto canonico, divenuto vescovo, non considerava la facoltà di Friborgo abbastanza in linea con la chiesa ufficiale e che ne andava fondata una nuova? Stessa sorte toccò al Seminario di Friborgo, la cui responsabilità passò da don Vitalini ad altri. Un confino, quello di Vitalini, che durò parecchi anni fino a quando, dopo la prematura scomparsa di mons. Corecco, venne consacrato don Grampa. Mons. Grampa lo volle allora accanto come pro-vicario generale.

Ppd, CL e Lega

Ma, parallelamente a questa storia recente della nostra chiesa locale, se ne intrecciò un’altra di natura più terrena e politica: la spaccatura in seno al Ppd si esacerbò proprio in quegli anni, a tal punto che alcuni importanti esponenti cattolici passarono armi a bagagli dal partito democristiano alla nuova e scoppiettante Lega dei ticinesi. Uno per tutti il municipale e deputato in Gran Consiglio, Giorgio Salvadè, inaugurando una nuova (santa) alleanza fra una parte conservatrice del mondo cattolico - che aveva spesso nei membri di Comunione e Liberazione più vicini a Corecco cinghie di trasmissione anche politiche – e esponenti della Lega, il Nano il primis. Furono tanti i cambiamenti in diocesi e fra questi fece parecchio discutere l'uscita di scena, in malo modo, dell’allora direttore dell’allora Giornale del Popolo Silvano Toppi (al quale successe Filippo Lombardi).

Chissà quale storia avremmo scritto oggi, se don Vitalini fosse stato consacrato vescovo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved