perche-vienna-dopo-la-francia
Keystone
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
3 ore

Il lato B di Silvio

Una mostra a Milano celebra l’anziano tycoon nel periodo che va dal ’56 al ’93. Ma il ventennio politico di Berlusconi dove lo mettiamo?
Commento
1 gior

Precisione in velocità, rispetto nell’intensità

Dopo il fattaccio Semine-Locarno sono in arrivo sanzioni esemplari. Ma l’augurio resta che il calcio regionale ritrovi i veri valori dello sport amatoriale
Commento
1 gior

Procuratori, se il candidato non è di area (partitica)

Il Gran Consiglio sarà chiamato presto a eleggere tre pp. Lottizzazione o competenze? Intanto gli esperti indicano quella che considerano la candidatura migliore
La formica rossa
1 gior

Il ‘tiro al piccione’ e l’ornitologia leghista

Per Boris Bignasca è solo un pretestuoso ciangottare quello che investe il finto sindacato leghista TiSin
Commento
2 gior

L’Arsenal e i milioni del dittatore del Ruanda

Il club inglese si fa sponsorizzare da Kagame, il padre-padrone che condanna sommariamente gli avversari politici, compreso l’eroe di Hotel Rwanda
LA TRAVE NELL’OCCHIO
2 gior

Ricchezza: pochi su e tanti giù

L’aumento delle diseguaglianze impone di ripensare un modello di sviluppo dominato dalla ‘teoria dello sgocciolamento’. Anche in Ticino
Commento
3 gior

La ‘strigliata’ di Vitta e una politica che deve guardare al futuro

Rilancio del Cantone e riequilibrio delle finanze, finora il menu uscito dai partiti è vario ma confuso. Serviranno sintesi e convergenze: ‘Non si scappa’
L'ANALISI
4 gior

Scelta intrigante, ma in gioco c’è una fetta di credibilità

A Croci-Torti manca l’esperienza e non l’entusiasmo o la competenza. Quella della nuova dirigenza bianconera è una scommessa che sarebbe disastroso perdere
Commento
4 gior

Putin ha vinto, ma un po’ meno

Il suo partito ha perso forza, ma si impone comunque alle legislative tra abitudine, paura, pressioni e accuse di brogli
Commento
4 gior

Metti la Svizzera nell’‘anglosfera’

Lo strano gioco delle alleanze ha messo la Francia in un angolo. Berna guarda decisa verso Londra e, soprattutto, Washington
L'analisi
 
04.11.2020 - 06:000
Aggiornamento : 12:36

Perché Vienna dopo la Francia

Il filo rosso è l’Europa, teatro in perenne costruzione della democrazia, della tutela delle minoranze, del rispetto di diritti e libertà

La Francia, si capisce; se è possibile usare questo verbo, ‘capire’, per cercare di spiegare gli atroci attentati nella cattedrale di Nizza, e ancor prima quello alla periferia di Parigi contro Samuel Paty, decapitato per aver mostrato ai suoi allievi le caricature di Maometto ripubblicate da ‘Charlie Hebdo’. La Francia bersaglio, anche in passato, perché simbolo (invero non sempre cristallino) della laicità, perché ex potenza coloniale in Paesi musulmani, perché approdo di milioni di immigrati dal mondo arabo, perché oggi ancor più convinta di dover combattere quel “separatismo islamico” che pretende di organizzare – come sostiene Gilles Kepel, il grande esperto di jihadismo radicale – una sorta di “Stato nello Stato” anche approfittando della “gestione di scuole, ospedali, associazioni caritatevoli all’ombra delle moschee”. È il gomitolo di situazioni con cui si tenta di capire come si alimentano le reti del terrorismo islamista cosiddetto della ‘quarta generazione’.

Ma Vienna, perché Vienna? Perché l’Austria? Niente colonie, nessuna immigrazione di massa dai Paesi della ‘mezza luna’, anche se la sua capitale (con l’assedio ottomano del settembre 1683) venne a lungo celebrata come baluardo della cristianità contro l’avanzata dell’Islam. Inimmaginabile che ne avessero coscienza e ‘memoria’ vendicativa questi altri carnefici che hanno seminato violenza e panico nelle piazze e nelle stradine del centro viennese. Eppure tutti capiamo che il filo rosso del terrorismo lega queste offensive del terrore in Paesi diversi del vecchio continente.

Questo filo rosso, questo denominatore comune, si chiama Europa, l’Europa che tanto fa discutere noi europei, che ci divide, ci contrappone, ci delude. Ma che gli occhi del fanatismo vedono per quello che è, e che proprio noi non dovremmo dimenticare, e semmai continuare a consolidare: il teatro in perenne, faticosa e contraddittoria costruzione di una democrazia certo imperfetta, la tutela di tutte le minoranze, il rispetto di diritti e libertà, la difesa di chi è fisicamente attaccato anche per qualcosa che non sempre ci piace né ci convince (lo avevamo scritto anche per le vignette di ‘Charlie’).

Può sembrare retorico. Tuttavia è il patrimonio comune della civiltà europea, pur con tutti i suoi errori (‘guerre sbagliate’, neo-colonialismo, fobie indotte e mancate integrazioni). Lo dimentichiamo spesso, magari ammirati da chi con disprezzo ritiene che la nostra civiltà imperfetta sia ormai ‘obsoleta’. Non lo dimentica, invece, chi, in nome di una interpretazione assolutista, barbara, fanatica, fideistica, questo modello vorrebbe terrorizzare e sconfiggere. E che ispira un odio che ormai nemmeno necessita un ordine per agire contro la ragione, contro la laicità, contro la libertà di pensiero. E che continuerà a farlo.

È sempre difficile ribadirlo proprio quando la violenza terroristica si impossessa delle nostre città, quando un’intima rivolta sospinge verso la voglia di repliche basate sulla forza impossibile e sulla chiusura velleitaria, quando le condanne e la solidarietà delle comunità musulmane non ci appaiono sufficientemente nette e partecipi. Ma ricordiamoci, anche nell’ora dell’indignazione, che l’obiettivo di questo terrorismo è nitido. Trascinarci nelle loro tragiche negazioni. Un passo fuori la nostra civiltà. Sarebbe la loro vittoria.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved