laRegione
perche-vienna-dopo-la-francia
Keystone
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
13 ore

Conti del Cantone e Covid, meglio attendere

La tregua politica sul Preventivo 2021 non reggerà alla prova dei fatti. Il mondo post pandemia non sarà quello che abbiamo conosciuto
Commento
1 gior

La lezione di Elliot Page, persona transgender non binaria

Qualche riflessione dopo l'annuncio dell'attore canadese, al di là dei commenti d'odio sui social media
Il commento
1 gior

Quella carezza è arte senza tempo

Trasposizione del calcio in arte: mentre gli avvoltoi svolazzano sulla salma del mito, noi celebriamo Maradona per una punizione: quella punizione, la punizione
Commento
2 gior

Lugano, l'aeroporto e quel retrogusto amaro

All'indomani del voto, restano i mal di pancia per le modalità di liquidazione di Lasa, per il 'magro' piano sociale e il doppio referendum annullato
Commento
3 gior

Così parlò il Comandante (Cocchi)

Stupefacente incapacità nel rappresentare in modo convincente e dignitoso le istituzioni cantonali in un momento di crisi
L'analisi
3 gior

Ma come parlano? Le parole sono importanti

In Ticino abbiamo un problema con la comunicazione istituzionale. E non è un problema irrilevante, perché favorisce circospezione, incomprensioni e tensioni.
Commento
3 gior

Primo passo: il Consiglio della magistratura si dimetta

Nomina procuratori, la claudicante procedura di rinnovo delle cariche nel mirino della commissione parlamentare. La cui risoluzione non risparmia neppure il pg
il commento
4 gior

KKS ferma la ‘società civile’

Imprese responsabili, la consigliera federale è la grande vincitrice. Ma le Ong confermano la loro forza d’urto.
Commento
1 sett

Pompe funebri fra lutti, direttive e limiti

Il rischio di una falsa immagine delle aziende dopo le incomprensioni con il medico cantonale sul trattamento delle salme Covid-19
il commento
1 sett

Non idonea è anche la Commissione

Il concorso verrà rifatto. Una scelta opportuna, ma che solleva interrogativi anche sulla Commissione giudiziaria.
L'analisi
04.11.2020 - 06:000
Aggiornamento : 12:36

Perché Vienna dopo la Francia

Il filo rosso è l’Europa, teatro in perenne costruzione della democrazia, della tutela delle minoranze, del rispetto di diritti e libertà

La Francia, si capisce; se è possibile usare questo verbo, ‘capire’, per cercare di spiegare gli atroci attentati nella cattedrale di Nizza, e ancor prima quello alla periferia di Parigi contro Samuel Paty, decapitato per aver mostrato ai suoi allievi le caricature di Maometto ripubblicate da ‘Charlie Hebdo’. La Francia bersaglio, anche in passato, perché simbolo (invero non sempre cristallino) della laicità, perché ex potenza coloniale in Paesi musulmani, perché approdo di milioni di immigrati dal mondo arabo, perché oggi ancor più convinta di dover combattere quel “separatismo islamico” che pretende di organizzare – come sostiene Gilles Kepel, il grande esperto di jihadismo radicale – una sorta di “Stato nello Stato” anche approfittando della “gestione di scuole, ospedali, associazioni caritatevoli all’ombra delle moschee”. È il gomitolo di situazioni con cui si tenta di capire come si alimentano le reti del terrorismo islamista cosiddetto della ‘quarta generazione’.

Ma Vienna, perché Vienna? Perché l’Austria? Niente colonie, nessuna immigrazione di massa dai Paesi della ‘mezza luna’, anche se la sua capitale (con l’assedio ottomano del settembre 1683) venne a lungo celebrata come baluardo della cristianità contro l’avanzata dell’Islam. Inimmaginabile che ne avessero coscienza e ‘memoria’ vendicativa questi altri carnefici che hanno seminato violenza e panico nelle piazze e nelle stradine del centro viennese. Eppure tutti capiamo che il filo rosso del terrorismo lega queste offensive del terrore in Paesi diversi del vecchio continente.

Questo filo rosso, questo denominatore comune, si chiama Europa, l’Europa che tanto fa discutere noi europei, che ci divide, ci contrappone, ci delude. Ma che gli occhi del fanatismo vedono per quello che è, e che proprio noi non dovremmo dimenticare, e semmai continuare a consolidare: il teatro in perenne, faticosa e contraddittoria costruzione di una democrazia certo imperfetta, la tutela di tutte le minoranze, il rispetto di diritti e libertà, la difesa di chi è fisicamente attaccato anche per qualcosa che non sempre ci piace né ci convince (lo avevamo scritto anche per le vignette di ‘Charlie’).

Può sembrare retorico. Tuttavia è il patrimonio comune della civiltà europea, pur con tutti i suoi errori (‘guerre sbagliate’, neo-colonialismo, fobie indotte e mancate integrazioni). Lo dimentichiamo spesso, magari ammirati da chi con disprezzo ritiene che la nostra civiltà imperfetta sia ormai ‘obsoleta’. Non lo dimentica, invece, chi, in nome di una interpretazione assolutista, barbara, fanatica, fideistica, questo modello vorrebbe terrorizzare e sconfiggere. E che ispira un odio che ormai nemmeno necessita un ordine per agire contro la ragione, contro la laicità, contro la libertà di pensiero. E che continuerà a farlo.

È sempre difficile ribadirlo proprio quando la violenza terroristica si impossessa delle nostre città, quando un’intima rivolta sospinge verso la voglia di repliche basate sulla forza impossibile e sulla chiusura velleitaria, quando le condanne e la solidarietà delle comunità musulmane non ci appaiono sufficientemente nette e partecipi. Ma ricordiamoci, anche nell’ora dell’indignazione, che l’obiettivo di questo terrorismo è nitido. Trascinarci nelle loro tragiche negazioni. Un passo fuori la nostra civiltà. Sarebbe la loro vittoria.

© Regiopress, All rights reserved