ULTIME NOTIZIE Opinioni
IL COMMENTO
14 ore

Basso Mendrisiotto, il coraggio di osare

Mentre le istituzioni comunali tentennano, a rompere gli indugi sull’aggregazione è un gruppo di cittadini di Balerna
IL COMMENTO
1 gior

La scintilla e la prateria

Le proteste in Cina rivelano il malcontento per le opprimenti politiche ‘zero Covid’ imposte dal governo, e investono la figura di Xi Jinping
il commento
2 gior

Quel generale senza volto

Arriva l’inverno, con tutti i sottintesi e il peso storico che ha per la Russia, soprattutto durante una guerra
IL COMMENTO
4 gior

Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce

Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
IL COMMENTO
5 gior

L’amore non è un colpo di pistola

Non lo deve essere nemmeno l’informazione quando affronta il fenomeno della violenza sulle donne (contro cui ricorre oggi la Giornata internazionale)
IL COMMENTO
6 gior

Il centro(sinistra) di Mirante e il pragmatismo che serve al Ps

L’addio dell’economista non stupisce nessuno, ma mette i socialisti davanti al rischio di perdere consensi ed eletti in Gran Consiglio. E la destra ride
IL COMMENTO
1 sett

La realtà artefatta del Qatar

Tracciamo un bilancio dell’inizio del Mondiale dopo i primi tre giorni di partite
IL COMMENTO
1 sett

I guai di Letta (e del Pd)

La spaccatura sulla candidatura di Letizia Moratti alla Regione Lombardia ha fatto partire un nuovo giro di contestazioni contro il segretario del Pd
IL COMMENTO
1 sett

Non perdere una guerra senza vincere la pace

In Ucraina si parla di piccolissimi spiragli per un tavolo negoziale magari favorito dal ‘generale inverno’. In realtà, nulla sembra meno probabile
IL COMMENTO
1 sett

Il partito delle donne e quello degli uomini

Successione di Maurer e Sommaruga: il Ps ha affrontato la questione femminile di petto, l’Udc ha perso un’altra occasione.
IL COMMENTO
1 sett

Cantonali 2023, per Il Centro è un battesimo con nomi forti

La strategia del fu Ppd è stata quella di affidarsi a persone di esperienza capaci di raccogliere schede tra le varie anime del partito: scelta opportuna
IL COMMENTO
1 sett

Finanze cantonali, verso il pareggio e oltre

A questo punto varrebbe la pena interrogarsi sul perché dell’insistenza da parte delle forze borghesi sulla necessità di risanare dei conti già sani
IL COMMENTO
2 sett

Salvini, Meloni e il governo degli sburoni

Fenomenologia semiseria della destra italiana, tra promesse irrealistiche e minacce da bar
IL COMMENTO
2 sett

Giustizia trasparente, nell’interesse di tutti

L’accoglimento, da parte del Tf, del ricorso per l‘accesso al decreto di abbandono ‘Chiappini’ è una vittoria – piena – non solo de ‘laRegione’
il commento
2 sett

Biden-Xi Jinping: finalmente...

Il primo faccia a faccia, lungamente preparato in vista del G20, scongiura il peggio e allontana un’escalation militare globale
IL COMMENTO
2 sett

Ps, adesso la vera prova sarà la corsa per il Gran Consiglio

Ufficializzate le candidature di Carobbio e Demaria, il focus si sposta sul parlamento dove per i socialisti sarà fondamentale fare bene
IL COMMENTO
2 sett

Tra armi, pace e giustizia

Cosa ci dice la ritirata russa a Kherson delle sorti della guerra? Alcuni spunti di riflessione
21.09.2020 - 21:50

In Italia ha vinto il sì. A che cosa?

Vittoria scontata per il taglio dei parlamentari. Destra avanti nelle elezioni regionali

di Erminio Ferrari
in-italia-ha-vinto-il-si-a-che-cosa

Italiani! Abbiamo ottenuto ciò “che aspettavamo da trent’anni”, come ha detto un gongolante Luigi Di Maio commentando l’esito del referendum costituzionale che ha approvato il taglio del numero di parlamentari. Lui si ricorda bene: trent’anni fa ne aveva quattro.

Comprensibile l’euforia dei Cinque Stelle: segnare a porta vuota (tale era l’impegno che li attendeva, dopo avere fatto un testone così agli italiani sulle malefatte della “casta”) dà una certa soddisfazione a chi non può prendersene altre, si vedano i risultati degli stessi grillini nelle elezioni regionali che si sono tenute contestualmente al referendum. Ed è piuttosto sull’esito di queste ultime che andrà sviluppato un ragionamento politico più approfondito. Perché se il sì al referendum equivale a una scossa sismica dopo la quale bisogna mettere mano a una ricostruzione, gli effetti sullo scenario politico nazionale prodotti dal voto regionale condizioneranno quella ricostruzione, tempi e indirizzi che prenderà.

O non prenderà: non è il caso di farsi illusioni. Sin dalle prime proiezioni (a scrutinio ancora in corso) si è confermata la diffusa preponderanza di una destra sempre più estrema, ma non ancora capace di cacciare la post-post-post-sinistra dalle sue roccaforti storiche. In questo senso è Matteo Salvini a uscire scornato (la scommessa toscana, dopo quella emiliana, l’ha persa lui), mentre la camerata Giorgia Meloni rivendicherà maggiore voce, forte dell’affermazione del suo Francesco il-duce-ha-fatto-anche-cose-buone Acquaroli.

Un quadro a cui danno forza le vittorie del berluscone Giovanni Toti in Liguria contro un degnissimo Ferruccio Sansa (lasciato solo da quel centrosinistra che l’aveva candidato) e di Michele Emiliano in Puglia, davanti all’ex ministro berluscone Raffaele Fitto, trasparente dimostrazione, quest'ultima, della marginalizzazione di Berlusconi e dei suoi giovanotti nell'ambito di una destra egemonizzta dalle componenti più estreme.

Esulano da questo discorso, per ragioni evidenti, Luca Zaia e Vincenzo de Luca, plebiscitati in Veneto e Campania probabilmente più per il profilo che si sono dati che per l’essere uno leghista e l’altro pd (tanto che Salvini, il cui nazionalismo finirà per collidere con i separatismi da cui originò la Lega, si sarebbe “accontentato” di uno Zaia vincente, piuttosto che dominatore).

E bisogna comunque aggiungere che la presenza di un candidato Cinque Stelle “contro” quello del Pd (con tutto che in Parlamento sono parte della stessa maggioranza) ha probabilmente compromesso le chance di Mangialardi nelle Marche contro Acquaroli, mentre in Campania e Puglia ha soltanto impedito che la vittoria dei candidati di centrosinistra fosse ancora più ampia. Mentre la loro generale irrilevanza in contesti locali non è sfuggita ad alcuno.

La riforma da completare

Dunque un tre a tre, come scrivono le agenzie ricorrendo al gergo calcistico, che in effetti sarebbe un quattro a tre, per la destra, contando anche la Val d'Aosta. E una vittoria scontata per i grillini fautori del "taglio", che in realtà giocavano da soli.

Capire ora che cosa ne deriverà potrebbe richiedere tempo. Quanto al referendum, al di là delle tronfie dichiarazioni di Di Maio il lavoro dovrà compiersi su una legge elettorale che non solo assicuri una giusta rappresentanza a tutte le forze politiche del Paese (con una prima discriminante tra sistema maggioritario e proporzionale), ma riequilibri anche la rappresentanza territoriale ridisegnando i collegi elettorali. E fin qui ce la possono fare.

Ben diverso sarà agire sulla formazione e sulla selezione di una classe politica che, proprio perché ridotta nel numero dei suoi elementi in parlamento, dovrebbe almeno essere riportata alla decenza. Un processo che potrebbe risultare ben più ostico per formazioni politiche del tutto sprovviste, anzi nemiche di qualsiasi spessore culturale o coscienza politica o civica. Sprovvisti del vocabolario necessario a dare forma a un pensiero politico, e perciò agenti e oggetto al tempo stesso di disegni altrui. C'è da tremare a pensarle all'opera di un'altra riforma costituzionale, che pure, a questo punto, necessiterebbe.

Velleità e convenienze

È più probabile che a prevalere, nell'immediato, siano alcuni ben noti riflessi condizionati. Secondo tradizione, già ieri in serata, dalla Lega e da Giorgia Meloni stessa ("diventa necessario ridare al più presto la voce agli italiani affinché ogni forza politica possa presentare le proprie proposte di riforma") è partita la richiesta di convocare nuove elezioni legislative sostenendo che l'attuale parlamento è stato delegittimato dal sì al taglio dei suoi membri. Ma dimenticando forse che nella stessa formulazione della riforma la sua applicazione è prevista contestualmente alle prime elezioni successive al referendum. Edoardo Rixi, Lega, si è spinto più in là, sostenendo che non potrà essere l'attuale parlamento a eleggere il prossimo presidente della repubblica.

Non bisogna farsi impressionare. Una cosa sono le dichiarazioni rilasciate a una selva di microfoni in attesa agli ingressi delle sedi di partito, un'altra la chiarezza e l'onestà della riflessione. E tutti avranno da esercitarsi. Ai grillini, passata la sbornia da "taglio" toccherà considerare il crollo inarrestabile che va avanti da più elezioni; al garrulo Renzi converrà chiedersi se una media di voti da Partito liberale alla fine della prima repubblica lo autorizza ancora a pretendersi king maker; al pettine dei berluscones arriverà il nodo di una impossibile successione a un ottuagenario stracotto; alla Lega risulterà inevitabile interrogarsi sulla presunta imbattibilità di Salvini; Meloni dovrà uscire dalla recita; e al Pd toccherà risolversi tra identità e quella "responsabilità" che lo ha inchiodato alle sorti di Giuseppe Conte quasi fossero le proprie. Le riforme, che riempiono tante bocche, ptranno attendere.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved