ULTIME NOTIZIE Opinioni
La formica rossa
21 ore

‘Guerra bbbrutto’

"Esigere la pace" è la presunta soluzione al conflitto in Ucraina di chi si oppone alla consegna dei carri armati a Kiev
IL COMMENTO
21 ore

Soldi finti, pirati veri

Riflessioni sulle dinamiche che, negli ultimi anni, hanno portato al fallimento della squadra rossoblù
IL COMMENTO
1 gior

Lugano sorride alla cultura alternativa. L’ora della svolta?

Diversi segnali positivi, a partire dalla Straordinaria ma non solo, fanno ben sperare nel 2023. La strada è in salita, ci vogliono pazienza e volontà
il commento
2 gior

Carri armati a mezzanotte

La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
2 gior

Le parole della politica (sono importanti)

La sfiducia del Consiglio comunale di Mendrisio nei confronti dei vertici del dicastero Aziende ha portato all’esonero del municipale responsabile
IL COMMENTO
3 gior

La mondina, il carbonaio e la pomata miracolosa

L’ultimo rapporto Ustat conferma il divario del 20% tra salari ticinesi e d’Oltralpe
il commento
4 gior

Jacinda & Jacinta contro il leader testosteronico

Le dimissioni gentili di Jacinda Ardern, un anno dopo l’addio precoce al tennis di Ashleigh Jacinta Barty, sono la risposta al mito dell’infaticabilità
IL COMMENTO
4 gior

Psicoterapia e LaMal, il cerchiobottismo e l’occasione mancata

Le nuove norme sull’assunzione dei costi della psicoterapia sono un passo avanti, ma troppi paletti ne smorzano la portata a detrimento dei pazienti
IL COMMENTO
5 gior

Neutralità tra coerenza e opportunismo

Tra neutralità e indifferenza, così come tra equidistanza e codardia, tra coerenza e camaleontismo il confine è labile
IL COMMENTO
1 sett

Interpellanze in zucche: l’immorale ‘magia’ di Unitas

La richiesta di risposte chiare in merito all’audit sull’associazione ciechi e ipovedenti della Svizzera italiana potrebbe trasformarsi in interrogazione
IL COMMENTO
laR
 
03.12.2022 - 05:30
Aggiornamento: 09:43

Il Covid a Sementina. E nelle altre case anziani del Ticino

Solo i vertici della struttura bellinzonese sono stati rivoltati come un calzino: manca un’analisi generale di quanto accaduto altrove

il-covid-a-sementina-e-nelle-altre-case-anziani-del-ticino
In questo articolo si parla di:
  • Non s’intravede oggi una volontà a livello cantonale di ricostruire i fatti e rendere pubblico il risultato
  • Una Commissione d'inchiesta parlamentare vedrebbe impegnata la politica con risultati dubbi
  • Bellinzona riattivi la propria inchiesta amministrativa verificando il funzionamento della ‘catena di comando’

Nel processo ai vertici della casa anziani di Sementina un fatto appare indiscutibile: mentre i tre imputati – ora in attesa della sentenza che la Pretura penale pronuncerà fra pochi giorni – e la struttura sono stati penalmente e politicamente rivoltati come un calzino, altrettanto non si può dire della sessantina di altri analoghi istituti ticinesi dove fino ad oggi sono morti 428 ospiti con Covid. Né durante la prima ondata, né in quelle successive è stato mai diffuso un quadro esaustivo indicante strutture colpite, in che modo, quando e perché. Mentre di Sementina si sa tutto o quasi, sulle altre è planata una coltre di silenzio, a parte qualche rarissima eccezione laddove il direttore di turno, facendo un doveroso esercizio di trasparenza, si è esposto ammettendo che "sì, il virus è purtroppo entrato anche qui".

I media che a inizio 2020 e nelle ondate successive hanno chiesto dettagli, cifre, situazioni, spiegazioni allo Stato maggiore cantonale di condotta, all’Ufficio del medico cantonale e all’Associazione dei direttori delle case per anziani della Svizzera italiana (Adicasi), si sono sempre sentiti rispondere che non si può entrare nel merito dei singoli casi per non ingenerare pressioni, alimentare polemiche, colpevolizzare innocenti e assolvere colpevoli. Dettagli rimasti ben custoditi nelle segrete stanze degli istituti, delle autorità sanitarie cantonali, dei municipi autorità di nomina e dell’Adicasi nel cui sito – unica eccezione ammessa – la statistica dei decessi è aggiornata in tempo reale.

Né s’intravede oggi, elaborato il senso d’impotenza che ha investito i curanti, una volontà a livello cantonale di ricostruire i fatti e rendere pubblico il risultato. La richiesta Mps per una Commissione parlamentare d’inchiesta è stata congelata due anni fa dalla Sottocommissione finanze del Gran Consiglio in attesa dell’esito penale su Sementina. Che non vedrà molto presto la fine considerati i molto probabili ricorsi alle istanze giudiziarie superiori dopo la sentenza di primo grado. Peraltro ogni volta che una Cpi è stata istituita, la politica vi si è ingarbugliata sopra già solo per scegliere i deputati e tamponare fughe di notizie. Se invece basato su un mandato preciso affidato a un organo esterno alla politica, il lavoro di approfondimento potrebbe mostrare un quadro generale utile a tutti, specie ai dirigenti politici e a quelli operativi di quel grande ramo che è la parte anziana della nostra società. Radiografia che potrebbe anche verificare quanto sia sana o meno la presenza di legami extra istituzionali – personali, familiari e politici – fra i dirigenti delle strutture e le autorità di nomina proprietarie.

L’esecutivo di Bellinzona, messo sotto pressione dall’opposizione, ha preso sottogamba il problema? A Palazzo Civico la reazione verso chi ha chiesto trasparenza e assunzione di responsabilità è stata il più delle volte un muro di gomma. D’altronde chi parla di "intimidazione mafiosa" non può ricevere in cambio empatia, semmai una querela. Tuttavia, cosa il ‘caso Sementina’ con i suoi 22 decessi abbia insegnato e debba ancora insegnare, non può semplicemente subire il peso di una sentenza di colpevolezza o di assoluzione. Il Municipio, al netto delle conseguenze giudiziarie e delle fatture che i tre avvocati difensori gli invieranno, dovrà riattivare la propria inchiesta amministrativa sospesa a suo tempo e verificare, anche, il funzionamento della ‘catena di comando’ verso il Settore anziani comunale. Un esercizio dal quale non potrà chiamarsi fuori.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved