ULTIME NOTIZIE Opinioni
IL COMMENTO
1 gior

I due estremi del cerchio

Le criticità del settore sociosanitario e quelle del socioeducativo sono intrinsecamente legate: la situazione è preoccupante
IL COMMENTO
2 gior

L’Udc, la destra italiana e la politica del dispetto

Su entrambe le sponde della Tresa si moltiplicano l’ostruzionismo ai soccorsi dei migranti e le ‘idee balzane’ circa le pratiche d’asilo
Il commento
3 gior

Minchia signor Zelensky

Perché Sanremo è Sanremo, ma non è e non potrà mai essere soltanto musica. Per fortuna
IL COMMENTO
4 gior

L’altra battaglia nel cuore di Mosca

Gli equilibri di potere decideranno le sorti della guerra quanto il campo. Cani sciolti, militari e Fsb: Putin sa come mettere gli uni contro gli altri
IL COMMENTO
5 gior

Da Guzmán a Messina Denaro

Affinità e (soprattutto) divergenze tra gli arresti dei due supercriminali
il commento
6 gior

Tornato Netanyahu, tornate le stragi

Dietro l’escalation di violenza tra israeliani e palestinesi non si può non vedere l’ombra di ‘Bibi’, appena tornato al potere
La formica rossa
1 sett

‘Guerra bbbrutto’

"Esigere la pace" è la presunta soluzione al conflitto in Ucraina di chi si oppone alla consegna dei carri armati a Kiev
IL COMMENTO
1 sett

Soldi finti, pirati veri

Riflessioni sulle dinamiche che, negli ultimi anni, hanno portato al fallimento della squadra rossoblù
IL COMMENTO
1 sett

Lugano sorride alla cultura alternativa. L’ora della svolta?

Diversi segnali positivi, a partire dalla Straordinaria ma non solo, fanno ben sperare nel 2023. La strada è in salita, ci vogliono pazienza e volontà
il commento
1 sett

Carri armati a mezzanotte

La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
laR
 
14.11.2022 - 05:15
Aggiornamento: 15:28

Ps, adesso la vera prova sarà la corsa per il Gran Consiglio

Ufficializzate le candidature di Carobbio e Demaria, il focus si sposta sul parlamento dove per i socialisti sarà fondamentale fare bene

ps-adesso-la-vera-prova-sara-la-corsa-per-il-gran-consiglio
In questo articolo si parla di:
  • Il gruppo in Gran Consiglio sarà importantissimo, le premesse per aumentarlo non sono le migliori
  • Le polemiche che hanno accompagnato il percorso verso il congresso non aiuteranno, anche se si è fatta chiarezza
  • Meglio posizionato è il Plr, anche per le alleanze strette sui temi nel fronte borghese

In casa socialista il via libera del congresso, mai realmente in dubbio, a Marina Carobbio e Yannick Demaria per la corsa al Consiglio di Stato chiude una discussione durata troppo e che non ha sicuramente fatto bene al partito. La strategia della direzione e dei copresidenti Laura Riget e Fabrizio Sirica è stata premiata, il loro azzardo – perché sebbene suffragato dai numeri, azzardo era e rimane – di andare ‘all in’ con una soluzione come quella di abbinare una candidatura d’esperienza e una di rinnovamento è riuscito. Il dibattito, con tutte le polemiche e le scie che lascia dietro di sé – dalle dimissioni del vicepresidente Evaristo Roncelli a un ascolto reciproco non sempre formidabile – è servito quantomeno a fare chiarezza: la stragrande maggioranza del Ps è con Marina Carobbio e sarà verosimilmente lei a prendere il posto dell’uscente Manuele Bertoli in Consiglio di Stato.

Il problema in casa socialista, adesso, è che risolta la questione del governo si apre quella del Gran Consiglio. Che per il Ps rischia di essere dirimente. Posto infatti che il seggio in Consiglio di Stato non pare essere minimamente in discussione, per il parlamento le divisioni, gli attriti e il clima alle volte un po’ di sospetto tra aree e persone potrebbero riverberarsi in maniera negativa sul risultato. Per questo un navigatore esperto del mare magnum della politica come Bertoli ha caldamente invitato a concentrarsi anche sull’elezione del Gran Consiglio, e pure Carobbio ha spinto su questo tasto. Un’esponente socialista in governo già sarà in minoranza, un gruppo parlamentare a ranghi ridotti rispetto a questa legislatura rischierebbe di non essere né incisivo, né influente quanto vorrebbe. Con la questione concreta, ad esempio, della rappresentanza nelle commissioni. Dove già i rapporti di forza sono quelli che sono.

Il lavoro che sono chiamati a fare Riget e Sirica, assieme a Carobbio e Demaria, è tradurre in pratica le molte teorie che sono uscite dai discorsi del congresso. La volontà di combattere le disuguaglianze, porre degli argini alle conseguenze dell’inflazione, agire per le persone in difficoltà e per un ceto medio sempre più in crisi è sicuramente lodevole. Il tutto, però, dovrà tradursi in soluzioni che possano andare oltre il semplice campo progressista perché le persone, specie se fragili, non hanno bisogno solo di belle parole. Ma, soprattutto, di soluzioni che spesso si raggiungono tramite quei compromessi che nella prossima legislatura saranno ancora più dettati dalle difficoltà delle casse cantonali.

La battaglia per il Gran Consiglio vede, invece, partire con una spinta sicuramente più ottimista il Plr. L’obiettivo dichiarato dal presidente Alessandro Speziali al comitato cantonale liberale radicale che sabato ha ratificato la lista per il Consiglio di Stato, vale a dire migliorare le posizioni, non è così peregrino. E nemmeno irraggiungibile. Con un ‘plus’ non indifferente: il Plr è stato capace, negli ultimi periodi, di tessere tele e alleanze che alla prova del Gran Consiglio hanno mostrato un’intesa borghese che parla una lingua simile su fiscalità, formazione e altri temi di attualità. Un’intesa che, soprattutto per il futuro in merito alle finanze, discute già apertamente di una manovra di rientro cui il Ps ha già opposto un chiaro no. Ma che prima di passare, eventualmente, dal popolo, in Gran Consiglio potrà contare su una destra con posizioni chiare e, oggi, maggioritarie.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved