un-giovane-cronista-alla-messa-cantata
Eugenio Scalfari
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

È il carovita, bellezza!

La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
2 gior

Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’

‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
3 gior

Taiwan, sdraiata su una mina

La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
Locarno75
4 gior

Un Film Festival à la carte: comincia l’avventura

Oggi, in una rassegna, non contano solo i film, ma anche le comparse su più o meno rossi tappeti. Eppure, la selezione di quest’anno è degna di curiosità
Commento
5 gior

Neutralità non è star sopra un albero

Questo primo d’agosto, dopo stranieri e cittadini radical chic, la destra si è trovata un nuovo nemico: quelli che ‘tradiscono’ la neutralità svizzera
il commento
1 sett

Il Covid muta, la Cina no

Su Science i dati che mostrano come la pandemia sia nata nei mercati di Wuhan, ma a Pechino – dove tutto tace – nessuno vuole cambiare regole e abitudini
Commento
1 sett

Basta un complimento alla ragazza sbagliata e parte la rissa

Settecento procedimenti penali contro minorenni nei primi sei mesi dell’anno è un record. I nuovi volti della violenza giovanile
Commento
1 sett

Quando ‘le mie cose’ ci imponevano i calzoncini

Il ciclo mestruale pare sdoganato dalla recente presa di posizione di alcune sportive preoccupate dal bianco delle loro divise
Il ricordo
14.07.2022 - 22:02
di Franco Zantonelli

Un giovane cronista alla ‘messa cantata’

Chi ha collaborato con La Repubblica, da oggi orfana di Eugenio Scalfari, ricorderà come chiamavano la riunione di redazione della mattina...

Eugenio Scalfari, che ultimamente aveva proclamato il suo disinteresse per la politica, soppiantato da quella per la figura di Papa Francesco, si ritrova in occasione della sua scomparsa, un po’ messo da parte da quella ‘politique politicienne’ di cui, certamente, non era stato un estimatore. La notizia della sua morte coincide, infatti, con le dimissioni del Governo Draghi, uno degli episodi più sconcertanti della sia pur travagliata storia parlamentare dell’Italia del secondo dopoguerra.

Scalfari, così come Indro Montanelli, è stata una delle figure fondamentali del giornalismo italiano, anche se il secondo riteneva che il fondatore di Repubblica fosse più un imprenditore che un giornalista. La Repubblica che, come ha ricordato Natalia Aspesi, firma storica del quotidiano, quasi coetanea di Scalfari, nacque con un’autonomia finanziaria di 3 anni. "Se ce la faremo si andrà avanti, se no no", accolse il primo nucleo di redattori del nuovo quotidiano, molti dei quali provenienti dal Giorno, quel direttore poco più che 50enne, fama di bon vivant oltre che uomo di cultura e di buone letture, con amici del calibro di Italo Calvino. Era il 1976, Eugenio Scalfari, un liberal che si era fatto le ossa al settimanale Il Mondo, che aveva fondato L’Espresso, riteneva ci fosse spazio, in Italia, per un quotidiano che fosse in grado di approfondire le notizie. Un pò sul modello di Le Monde.

Inizialmente, non a caso, La Repubblica non usciva il lunedì e non aveva una pagina sportiva. Più avanti, per non farsi mancare niente, quando passati i fatidici 3 anni il quotidiano iniziò a macinare utili, entrando addirittura in borsa, Scalfari ingaggiò Gianni Brera, il principe dei giornalisti sportivi italiani. Il quale si ritrovò in quel parterre de roi che era diventata la redazione di Repubblica. Un’orchestra fatta spesso di prime donne, che il direttore sapeva dirigere con armonia. Anche se per i neofiti come il sottoscritto quell’uomo alto ed elegante, con quella barba che sprizzava autorevolezza, incuteva non poca soggezione. E per chi ha collaborato con La Repubblica, se dalla ‘messa cantata’ con cui veniva denominata la riunione di redazione della mattina, arrivava un apprezzamento di ‘Barbapapà’, ebbene soprattutto se si era un giovane cronista, ciò suscitava una grande emozione. Come pure ci si amareggiava quando il vocione di Nando Ceccarini, il responsabile della Cronaca, ti trasmetteva il rimprovero del direttore per un buco. Mi capitò, e me lo ricorderò per sempre, con la strage compiuta da Emilio Criscione, il 4 marzo del ‘92.

Scalfari, oltre che un grande successo editoriale, grazie al quotidiano da lui fondato, ottenne pure una montagna di soldi, quando nell’87 lo vendette a Carlo de Benedetti. Nove anni dopo lasciò la direzione a Ezio Mauro, che non poteva essere migliore erede di ‘Barbapapà’, visto che con lui La Repubblica ha continuato a prosperare, restando un giornale autorevole.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
eugenio scalfari repubblica
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved