ha-vinto-solo-marine-le-pen
Keystone
Marine Le Pen ha ottimi motivi per sorridere
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
10 ore

A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)

Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
10 ore

M5S, la diversità di essere uguali

Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
1 gior

Le conseguenze della guerra

Commento
1 gior

Magistratura, se la politica non fa i compiti

Riorganizzazione della Procura: a un anno e mezzo dal mandato conferitole dal Gran Consiglio, dalla commissione ‘Giustizia’ finora nulla di concreto
Commento
2 gior

Calcio femminile a maturazione lenta

I premi provenienti da Fifa e Uefa saranno equiparati per uomini e donne, ma la parità salariale è ancora lontana
Commento
2 gior

Targhe e arte della politica: la vittoria Ppd, la sconfitta Plr

Sulle imposte di circolazione il compromesso i popolari democratici l’hanno raggiunto con la sinistra, non coi liberali radicali. Appunti per il futuro
Commento
3 gior

Giochi di potere a Wimbledon

La politica ha avuto un ruolo nell’esclusione di tennisti russi e bielorussi, Atp e Wta hanno risposto togliendo i punti e inguaiando molti giocatori
Commento
4 gior

Lite Di Maio-Conte, i grillini si sfarinano

Ormai il Movimento 5 Stelle pare condannato alla scissione e a un destino di battibecchi da partitino minore
Sguardo a Nord
1 sett

Casa dolce casa

Commento
1 sett

Il Tour, i Tir e quello striscione-verità

Il Mendrisiotto è attraversato da un moto di ribellione: dalle istituzioni al popolo. Colpa delle troppe corsie A2 e delle scarse attenzioni cantonali
Commento
1 sett

La canzone del Fibra

È pericoloso come dicono le femministe? O siamo bacchettoni? Comunque sia, prima di portare un artista in piazza, meglio ascoltarsi un paio di suoi dischi
20.06.2022 - 05:30
Aggiornamento : 17:30

Ha vinto solo Marine Le Pen

La Francia entra da oggi nell’era della politica liquida, del pericoloso disorientamento e del disincanto: 3 giovani su 4 non si sono recati ai seggi

di Roberto Antonini, giornalista Rsi

Tanti sconfitti e una vincitrice. A poter pasteggiare a Champagne, troviamo solo Marine Le Pen. Le legislative francesi, che segnano una disfatta per il presidente Macron, le hanno tributato un successo imprevisto che ha disorientato analisti, politici e politologi. Nella 11esima circoscrizione del Pas-de-Calais la leader dell’estrema destra ha sbancato con un clamoroso 61% e il suo Rassemblement National raccoglie un numero di seggi del tutto insperato e all’ora in cui scriviamo verosimilmente superiore a quello della France Insoumise di Jean-Luc Mélenchon. In cinque anni l’ex Fronte Nazionale passa da 8 a 85-90 seggi. Mélenchon con ‘Nupes’, la sua coalizione di sinistra (oltre alla France Insoumise, socialisti, ecologisti, comunisti), manca chiaramente l’obiettivo prefisso, la conquista della poltrona di primo ministro. La sinistra radicale raccoglie circa 150 seggi, molto lontano dai 289 necessari per conquistare la maggioranza parlamentare. In termini percentuali meno di un francese su tre ha votato per la sinistra.


Un poster elettorale di Macron nel suo quartier generale (Keystone)

La sconfitta del partito del presidente (‘Renaissance’) e della sua coalizione centrista (‘Ensemble’) crea uno scenario di grande instabilità in un panorama politico sfilacciato. ‘Ensemble’ è prima sul podio con 234 seggi, ma perde oltre 100 seggi e soprattutto non raggiunge la soglia della maggioranza all’Assemblea nazionale. Come dire che la governabilità vacilla, che entriamo in una legislatura complessa, dove la politica dovrà declinarsi sempre in termini di accordi e compromessi.

La disfatta della maggioranza uscente è il termometro di un diffuso malcontento, tradottosi con l’eliminazione di alcuni tenori del partito macronista (tra cui diversi ministri e il presidente dell’Assemblea nazionale), ascrivibile alle incertezze che la congiuntura ha creato tra la classe media e nei settori più deboli della società. Elisabeth Borne, la neoeletta premier, è eletta per il rotto della cuffia. Una pandemia senza precedenti e una guerra che scuote il continente hanno certamente contribuito a favorire le correnti sovraniste: non è un caso che Mélenchon e Le Pen condividano oltre a un malcelato putinismo, una visione euroscettica, protezionistica, nonché alcune proposte dal forte sapore demagogico sulle riforme del lavoro e sul regime pensionistico (abbassamento sostanziale dell’età della pensione in un paese dove da anni è già in vigore la settimana lavorativa di 35 ore).


Mélenchon ha ridato fiato alla sinistra (Keystone)

Quando la scelta del secondo turno era limitata al partito presidenziale e alla sinistra radicale, l’elettore dell’estrema destra ha optato maggioritariamente per quest’ultima. La globalizzazione, in cui la Francia come altre vecchie potenze occidentali deve far fronte alle sfide dei Paesi emergenti, ha penalizzato le aree rurali e periurbane, creando l’humus sul quale è fiorita la ribellione dei Gilets Jaunes. L’economia e le sue trasformazioni procedono a ritmo spedito mentre la politica in Francia, come altrove, deve rincorrere: Emmanuel Macron ha cercato di ovviare a questo scarto bypassando il parlamento con un decisionismo di stampo autoritario che non è stato gradito dall’elettorato. Le legislative lo obbligheranno a sfoderare l’arma delle alleanze e dei compromessi, che ha finora più o meno ignorato non senza una certa supponente spavalderia. La Francia entra da oggi nell’era della politica liquida, del pericoloso disorientamento e del disincanto: tre giovani su quattro non si sono recati ai seggi. Tra gli sconfitti delle legislative vi è senz’altro anche la democrazia.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
elezioni emmanuel macron francia jean-luc mélenchon marine le pen politica
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved