ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
9 ore

Un’onda nera sull’Italia

L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
15 ore

Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica

No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
2 gior

Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen

Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
La formica rossa
3 gior

Bum! Bal(l)istica elettorale

L’ennesima trovata di Nussbaumer e No Vax assortiti preferisce non prendere le armi, ‘per intanto’
Commento
3 gior

La metamorfosi del franco: da kriptonite ad acquasanta

Di fronte al rialzo dei tassi deciso dalla Bns potremmo ripetere: ‘Jusqu’ici tout va bien’. Ma il problema non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio
il commento
4 gior

Il grande ricatto di Putin

Con la mobilitazione parziale la guerra entra in casa di milioni di russi. Washington è convinta che il tempo giocherà contro il leader del Cremlino
Commento
5 gior

Valera è la cosa giusta

Tagliare il traguardo del Puc ha richiesto tempo e coraggio. Anche quello di resistere alle lusinghe delle lobby
Commento
6 gior

Rito dunque sono

Siamo in molti a lasciarci suggestionare dal rituale del saluto alla Regina per la sua capacità di stimolare un senso di riconoscimento trasversale
Commento
1 sett

Putin: troppo piccolo per il Grande Gioco

Il summit di Samarcanda ha rivelato tutte le crepe nelle relazioni tra la Russia, la Cina e gli altri aspiranti a un ‘nuovo ordine mondiale’
Commento
1 sett

Erdogan e il gioco delle tre carte

Erdogan si schiera ambiguamente un po’ con tutti, a seconda di quel che gli conviene. Un equilibrismo che nasconde nuove mosse, anche in Europa
laR
 
12.11.2021 - 05:30
Aggiornamento: 14:14

Malsana ansia da primo posto

Le sfide tra Svizzera e Italia non sono e non saranno mai banali e la trepidazione è a livelli di guardia

malsana-ansia-da-primo-posto

Sul piano del fascino, basta scrivere Italia-Svizzera per fare schizzare l’interesse e creare quell’ansia da grande evento che in fondo è il sale dello sport. L’attesa della partita, del resto, sa essere più febbrile che le emozioni sgorganti dal suo stesso svolgimento, spesso al di sotto delle attese, e non solo per il risultato.

Sul piano tecnico la contesa di Roma si presenta aperta. Difficile sbilanciarsi, se non indicando gli Azzurri quali favoriti, vuoi per il fattore Olimpico, vuoi perché sono i campioni d’Europa in carica, pur in leggera difficoltà sul piano del rendimento. Prova ne sia che hanno vinto soltanto due delle ultime cinque partite disputate dopo l’Europeo della consacrazione continentale.

La trepidazione è ai livelli di guardia, giacché Azzurri contro rossocrociati non è né sarà mai banale. Il pronostico non è scontato perché la Svizzera sa pungere di tanto in tanto, così come l’Italia non brilla sempre come nelle notti londinesi.

Ecco quindi aprirsi un piano interessante, sul quale muovere le pedine nel tentativo di farlo proprio, questo duello così sentito: la psicologia. È pur sempre calcio, ignorante e popolare, ragion per cui non si tratta di spulciare negli insegnamenti di Freud per ricavarne chissà quale alchimia applicabile allo sport di squadra. Tuttavia, a casa Italia un trauma c’è stato, recente e soprattutto doloroso. La Svizzera, da questo punto di vista, parrebbe aver meno da perdere, di solito è un vantaggio.

È di pochi anni fa la disavventura della Nazionale targata Ventura, il ct della disfatta dello spareggio contro la Svezia che privò gli Azzurri, abbonati ai grandi tornei nei quali non disdegnano occupare i primi posti (quattro titoli mondiali non si vincono per caso) della Coppa del mondo 2018. Una sorta di gogna sportiva, una ferita profonda al cuore. Un insulto alla storia di una squadra che ha ricucito lo squarcio (anche quello all’orgoglio, che era profondo e particolarmente doloroso) con il titolo europeo figlio di un ct diverso (mossa doverosa), di un calcio diverso, di un approccio alla disciplina culturalmente diverso.

Ora, che gli Azzurri si siano rifatti con gli interessi salendo sul tetto d’Europa tre anni dopo essere stati respinti come una squadretta dalla Coppa del mondo la cui storia hanno contribuito a scrivere, è un dato di fatto. Dici Svezia, però, e inevitabilmente qualche fantasma riemerge dal baule dei ricordi nel quale era stato rinchiuso. Non che l’Italia affronti la Svizzera con l’ansia da prestazione di chi non ha prove d’appello alle quali affidarsi, tuttavia un po’ di pressione il ruolo di favorita, le tante defezioni illustri in casa elvetica nonché l’obbligo di vincere il girone per centrare la qualificazione diretta, devono pur causarla.

Già, perché l’ipotesi di un secondo posto significherebbe spareggio, anzi due spareggi, da vincere: due gare secche contro avversarie da definire. Secche, appunto, senza appello. Formula inedita per gli spareggi, solitamente andata e ritorno. Uno scenario che spaventa la Svizzera che ambisce a chiudere in testa per non doversi misurare in un’appendice con troppe incognite e non poche difficoltà di ordine tecnico. Un’opzione che inquieta l’Italia. Forte del titolo europeo e di una consapevolezza ritrovata, ma non per questo disposta a misurare il proprio valore oltre la scadenza di lunedì a Belfast.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved