BOS Bruins
1
Detroit Red Wings
2
fine
(0-0 : 0-1 : 1-1)
FLO Panthers
5
WAS Capitals
4
fine
(1-2 : 0-2 : 4-0)
NJ Devils
2
SJ Sharks
5
fine
(0-1 : 0-3 : 2-1)
MIN Wild
5
ARI Coyotes
2
3. tempo
(1-1 : 3-0 : 1-1)
NAS Predators
5
COB Jackets
0
2. tempo
(3-0 : 2-0)
STL Blues
3
TB Lightning
3
3. tempo
(0-3 : 2-0 : 1-0)
DAL Stars
2
CAR Hurricanes
0
2. tempo
(1-0 : 1-0)
LA Kings
ANA Ducks
04:30
 
per-un-salario-certificato
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
22 ore

La variante Omicron e il nostro egoismo autolesionista

Le nuove mutazioni dipendono anche dal fatto che il virus continua a circolare liberamente nei Paesi dove non si ha accesso al vaccino
La formica rossa
1 gior

Non gioco più, vado a casa: l’ultradestra piangina e la tivù

Invece di affrontare a viso aperto i risultati delle votazioni dopo mesi di scempiaggini sul Covid, l’Udc si nega alla Rsi
Commento
1 gior

Legge Covid, un assist che il governo ora deve saper cogliere

Il Consiglio federale esce rafforzato dal secondo, chiaro ‘sì’ alle urne. Ma adesso deve agire con maggior risolutezza per contrastare la pandemia
Commento
1 gior

Polo sportivo a Lugano, arriva anche l’assist dei cittadini

Il progetto supera, con un certo agio, lo scoglio del referendum. Iniezione di fiducia per il Municipio che ha segnato la rete decisiva
Commento
3 gior

Lezione di democrazia made in Usa

Kyle Rittenhouse è stato prosciolto dalla giuria del Wisconsin, che considera l’autodifesa più legittima del diritto di non morire crivellato
Commento
3 gior

Una certa simpatia per rettori e referendum

È arduo identificare una gerarchia: come salvaguardare la salute della democrazia senza proteggere quella dei cittadini?
LA TRAVE NELL’OCCHIO
4 gior

La normalizzazione dell’indecenza

Nei dizionari aggiornati trovate un termine ritornato di moda: cachistocrazia, ossia “governo dei peggiori e dei mediocri”
Commento
4 gior

Rete Uno: trattateci come esseri intelligenti, vi prego

Raramente mi deprimo e raramente inizio di malumore una giornata. Ma da una decina di giorni, ascoltando Rete Uno, mi capita ogni giorno
Commento
4 gior

Prepariamoci al ‘Long Covid’ delle fantasie di complotto

Quella dei complottisti è una minoranza, tuttavia il seguito è ampio: quali le conseguenze di una diffusa sfiducia nella scienza e nella politica?
Commento
5 gior

La diplomazia del ping Peng

Cina vs Usa: l’affare Peng Shuai, le Olimpiadi di Pechino, i 50 anni dal disgelo creato attorno al tennistavolo. Le vecchie strategie di due vecchi nemici
Commento
6 gior

Poveri infermieri, eroi usa e getta

Investire nella formazione senza migliorare le condizioni di lavoro è come versare acqua in una brocca bucata
Commento
1 sett

Polo sportivo a Lugano, siamo in zona Cesarini

È grande l’attesa per l’esito del referendum, una sorta di esame per il Municipio, mentre volge al termine l’agguerrita campagna verso il voto
Commento
1 sett

Molestie e violenze: primo, non tacere.

Dalla ragazza inseguita agli stupri, occorre finirla di normalizzare comportamenti inammissibili. Perché ‘lui è fatto così’ non è una giustificazione.
Commento
1 sett

Un colpo in canna per l’accesso al mercato italiano

Differire l’approvazione dell’Accordo sui frontalieri quale condizione per l’accesso al mercato finanziario italiano da parte delle banche svizzere
Commento
1 sett

Una legge Covid adatta alla realtà

Consiglio federale in bambola, sostenitori latitanti: campo libero per i fautori del ‘no’. Ma le loro tesi non reggono. E di alternative non se ne vedono
L’OSPITE
 
20.10.2021 - 23:550
Aggiornamento : 21.10.2021 - 14:33

Per un salario certificato

Accettato in votazione popolare nel 2015, il salario minimo continua a tormentare l’opinione pubblica, i partiti, gli attori economici

Accettato in votazione popolare nel 2015, il salario minimo continua a tormentare l’opinione pubblica, i partiti, gli attori economici. Entrerà in vigore il prossimo primo dicembre (prima fase), con una soglia fissata a 19 franchi orari. Il presidente degli industriali Oliviero Pesenti ha dichiarato alla Rsi (‘60 minuti’, 11 ottobre) che il settore si conformerà alla normativa; ma ha anche aggiunto che molte aziende faticheranno a rispettarla e quindi potrebbero chiudere i battenti. Ripetiamo: diciannove franchi. Domanda: accettereste voi, cari lettori che qui risiedete e consumate, di lavorare per questa cifra? Voi adulti, oppure i vostri figli, i vostri nipoti e cugini? No, nessuno evidentemente. Tutti sappiamo che queste mercedi hanno corso soprattutto nella fascia di confine, in base ad una tradizione che risale agli anni del boom economico. Una zona, come dicono gli economisti, «labour intensive», ossia ad alta intensità di manodopera viva, reclutata nelle contigue province lombarde e piemontesi.

Ma se il dibattito sul salario minimo non si è mai acquietato, è perché la questione non interessa più solo i frontalieri. Vuol dire che, con l’allentamento delle restrizioni alla libera circolazione, la pressione sui salari si è pian piano allontanata dalla frontiera per risalire il territorio e insinuarsi in altre branche, destrutturandole. La tensione sul mercato del lavoro è aumentata, investendo settori precedentemente mai toccati dalla concorrenza: professioni altamente qualificate come quelle dell’architetto, dell’ingegnere, dell’informatico.

C’è poi la galassia dei servizi, dall’infermieristica alle attività servili, dalla cura alle persone alla ristorazione: una sfera produttiva alquanto opaca non solo sul versante della retribuzione. Qui un dato spicca su tutti gli altri: l’elevata presenza di lavoratrici, che solo in parte sono frontaliere. Moltissime abitano stabilmente nel cantone, impegnate in lavori umili in condizioni precarie o intermittenti; sono badanti, stiratrici, addette alle pulizie, lavavetri, cameriere, un esercito di formiche che svolge le sue mansioni nella penombra fuori da ogni inquadramento sindacale. È la componente lavorativa più indifesa, spesso ignara dei propri diritti e delle tutele previste dalla legge.

I contrari al salario minimo sostengono che sarebbe stato meglio affidare il tutto alla contrattazione tra le parti. Già, sarebbe stato meglio. Purtroppo questa via non ha dato i frutti sperati per le categorie suddette, oppure è stata scientemente aggirata, come dimostra la rinascita, sempre all’ombra della “ramina”, del sindacalismo giallo. A volte sembra proprio che nemmeno i contratti collettivi – storica garanzia della pace del lavoro elvetica – incontrino i favori del padronato. Meglio avere le mani libere, come ai tempi del capitalismo manchesteriano.

Da ultimo si è preso a bersaglio lo stesso principio della rappresentanza sindacale. Ci ha molto colpiti, ad esempio, l’espressione “squallore sindacale” utilizzata da Fulvio Pelli in un articolo pubblicato sul ‘Corriere del Ticino’ (25 settembre). Pelli – già presidente del Partito liberale svizzero – ha accusato i sindacalisti di preferire alle assemblee di fabbrica la carriera nei legislativi comunali, cantonali e federali: una strada più comoda e meno esposta ai mal di pancia connessi alla defatigante pratica delle trattative. Pelli dovrebbe però sapere, dal nostro passato, che senza l’intervento del legislatore molte rivendicazioni non sarebbero giunte in porto in tempi ragionevoli. Pensiamo alla Legge federale sulle fabbriche del 1877, che riduceva la giornata lavorativa a 11 ore e che vietava l’impiego di fanciulli con meno di 14 anni. In Ticino la legge venne sistematicamente disattesa, soprattutto negli stabilimenti che occupavano in prevalenza maestranze femminili, come le filande e i tabacchifici. Solo dopo anni di rimostranze, di inchieste e di scioperi fu possibile obbligare il recalcitrante mondo imprenditoriale locale a osservare le disposizioni legali.

Vogliamo consessi privi dei rappresentanti del lavoro? Legislativi occupati solo da eletti provenienti dai ceti superiori e dall’universo delle libere professioni? Se c’è un inghippo che distorce i meccanismi della rappresentanza, questo è da ricercarsi nelle procedure di selezione dei candidati alle cariche pubbliche. Sappiamo quanto sia arduo per un/una esponente delle classi subalterne superare lo scoglio di un’elezione; si faccia almeno in modo che un sindacalista possa farsi portavoce dei loro bisogni.

Ma torniamo al salario minimo, alla fibrillazione che provoca. Sarebbe interessante conoscere le aziende che non sono in grado di corrispondere un salario di 19 franchi all’ora. Quanti sono, in quali campi operano, qual è la cultura d’impresa dei dirigenti, l’“etica” che sorregge e guida i loro comportamenti. Un inventario sarebbe più che utile, e ciò che l’Aiti potrebbe approntare per portare alla luce debolezze, ritardi e magari furbizie del tessuto industriale ticinese.

La viticoltura certifica la qualità dei suoi prodotti attraverso l’etichetta Doc, ‘Denominazione di origine controllata’. Nel mondo del lavoro dovrebbe valere la stessa regola: introdurre un marchio Smg, Salario minimo garantito, a testimonianza di un paese che si vuole civile e nemico di ogni forma di sfruttamento; di un cantone fermamente deciso a chiudere la porta agli speculatori e ai capitani di ventura.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved