sembra-un-utopia-e-il-reddito-di-base
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
3 ore

Il giovane Holden, il Ticino Club e ‘allora le foibe?’

Molino, lavoro, TiSin: a ogni casino che scoppia in questo cantone, i responsabili rispondono parlando d’altro
Commento
1 gior

Il ‘Back in the U.S.S.R.’ di Morisoli e Pamini

Il piano quinquennale dell’Udc: ridurre le tasse ai più abbienti e raggiungere l’equilibrio fiscale a suon di tagli. Ipocrisia? No, lotta distributiva
La formica rossa
2 gior

La volpe, il principe e la truffa del falso nipote

Una storia triste che dimostra come in Ticino, quando si affaccia un emulo di Tewanna Ray, c’è sempre qualcuno che ci casca
Commento
3 gior

I luoghi comuni certificati Unesco

La lista dei patrimoni immateriali era nata per salvare culture morenti, ma da qualche tempo entrano pizze, tango, baguette e chiacchiere all’aperto
La formica rossa
3 gior

Calo demografico, parlare di salari è così brutto?

Di soluzioni dalla politica se ne sentono di ogni: fantasiose o più concrete. Basterebbe pagare stipendi dignitosi, al netto di tante chiacchiere
IL RICORDO
4 gior

Il ‘monello’, uno degli ultimi tenori

Alex Pedrazzini ha dato il meglio di sé come consigliere di Stato, alla testa del Dipartimento delle Istituzioni
Commento
4 gior

‘Sciur padrun’ di ieri e di oggi

Dalle mondine in poi i tempi non sono cambiati. Non quando si parla di lavoro e salari degni come capita nel Mendrisiotto
Commento
5 gior

La sfida polacca

Varsavia rilancia il ‘Polexit’ con una sentenza del suo Tribunale costituzionale. Ma la stragrande maggioranza dei cittadini vuole restare nell’Ue
Commento
1 sett

La doppia morale di San Saviano da Facebook

Il recente blackout dei social ha portato tanti a criticare le piattaforme sulle piattaforme stesse, generando paradossali cortocircuiti
Commento
1 sett

Lugano, tandem Foletti-Badaracco: sia davvero una svolta

Pur legittima la candidatura di Quadri, appare sensata la decisione della maggioranza del Municipio sul vicesindacato. Si rifletta ora in azioni concrete.
Commento
 
04.10.2021 - 05:300
Aggiornamento : 07:47

Sembra un’utopia, è il reddito di base

Ci sono temi che all’inizio appaiono addirittura follie, ma che con il passare del tempo si dimostrano ineluttabili e imprescindibili

L’imperatore Costantino, Anno Domini 321, decretò la domenica giornata festiva e di riposo. Dopodiché trascorse qualche secolo prima che venisse introdotta, in Occidente, la settimana di cinque giorni, con il sabato libero. La storia di certe riforme è infinita. Da noi, quanto abbiamo impiegato per approvare il voto alle donne, oppure l’assicurazione vecchiaia e superstiti? Quanto c’è voluto per ridurre l’orario lavorativo o conquistare un congedo paternità? Ci sono temi che all’inizio sembrano utopie o, peggio, follie, ma che con il passare del tempo si dimostrano ineluttabili e imprescindibili.

Potrebbe essere il caso del reddito di base incondizionato (Rbi). La popolazione svizzera si era già espressa cinque anni fa in materia, ma la proposta fu sonoramente bocciata dal 77% dei votanti. I promotori non mollano e tornano alla carica con una nuova iniziativa: “Vivere dignitosamente - Per un reddito di base finanziariamente sostenibile”, che chiede di inserire nella Costituzione un articolo che recita: “La Confederazione garantisce alle persone domiciliate in Svizzera un reddito di base incondizionato. Esso deve consentire di condurre un’esistenza dignitosa in seno alla famiglia e alla società, di partecipare alla vita pubblica e di impegnarsi per il bene comune”. Si specifica che saranno tassati “adeguatamente” il settore finanziario e le imprese del settore tecnologico. Sarà sgravata l’attività lucrativa, mentre si prevede di tassare i redditi da capitale. Il finanziamento, che fa leva su nuove imposizioni fiscali, rischia di essere il punto dolente. Già si odono i coretti degli oppositori: i ricchi fuggono e i nullafacenti si trasferiscono in Svizzera.

Il concetto di reddito di base affonda nel passato, alla fine del Settecento. Ha ripreso slancio perché siamo di fronte a una massiccia riduzione dei posti di lavoro. L’Ocse prevede che nei prossimi 20 anni l’automazione nei Paesi occidentali possa causare la perdita del 14% dei posti di lavoro e richiedere trasformazioni radicali per il 32%. Le assicurazioni disoccupazione non bastano più di fronte al preannunciato stravolgimento del mercato del lavoro.

Ma il reddito di base sarà anche un sostegno per chi svolge volontariato o attività non retribuite, come il lavoro domestico femminile. Permetterà di sostenere tutti coloro – sempre di più – che sono e saranno impegnati nei lavori di cura. Attualmente, oltre il 50% delle ore di lavoro dedicate alle cure in Svizzera non viene pagato. L’Rbi può essere anche un utile alleato nella protezione del clima: “La sostenibilità necessita di un rallentamento – sostengono i promotori – e il rallentamento necessita di un reddito di base”.

A dire il vero, non si tratta di un vero e proprio reddito “incondizionato”. Infatti, i fautori dell’iniziativa precisano che tutti avranno diritto al reddito, ma verrà elargito solo a coloro che ne avranno bisogno, si stima circa il 25% della popolazione. Di fatto, sarà un’integrazione e uno sviluppo delle assicurazioni sociali. Il comitato d’iniziativa indica in 2’500 franchi mensili il contributo, ma sarà il Parlamento, in caso di approvazione dell’iniziativa, a decidere importo e modalità di finanziamento.

L’articolo costituzionale fissa il principio, ma dal Parlamento che legge uscirà? Discutere è utile, ma cinque anni dall’ultima consultazione sul tema bastano per far cambiare idea al popolo?

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved