ANA Ducks
1
MIN Wild
2
fine
(0-0 : 1-1 : 0-1)
gli-usa-la-cina-e-il-nuovo-grande-gioco
(Depositphotos)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 ora

Il giovane Holden, il Ticino Club e ‘allora le foibe?’

Molino, lavoro, TiSin: a ogni casino che scoppia in questo cantone, i responsabili rispondono parlando d’altro
Commento
1 gior

Il ‘Back in the U.S.S.R.’ di Morisoli e Pamini

Il piano quinquennale dell’Udc: ridurre le tasse ai più abbienti e raggiungere l’equilibrio fiscale a suon di tagli. Ipocrisia? No, lotta distributiva
La formica rossa
2 gior

La volpe, il principe e la truffa del falso nipote

Una storia triste che dimostra come in Ticino, quando si affaccia un emulo di Tewanna Ray, c’è sempre qualcuno che ci casca
Commento
3 gior

I luoghi comuni certificati Unesco

La lista dei patrimoni immateriali era nata per salvare culture morenti, ma da qualche tempo entrano pizze, tango, baguette e chiacchiere all’aperto
La formica rossa
3 gior

Calo demografico, parlare di salari è così brutto?

Di soluzioni dalla politica se ne sentono di ogni: fantasiose o più concrete. Basterebbe pagare stipendi dignitosi, al netto di tante chiacchiere
IL RICORDO
4 gior

Il ‘monello’, uno degli ultimi tenori

Alex Pedrazzini ha dato il meglio di sé come consigliere di Stato, alla testa del Dipartimento delle Istituzioni
Commento
4 gior

‘Sciur padrun’ di ieri e di oggi

Dalle mondine in poi i tempi non sono cambiati. Non quando si parla di lavoro e salari degni come capita nel Mendrisiotto
Commento
5 gior

La sfida polacca

Varsavia rilancia il ‘Polexit’ con una sentenza del suo Tribunale costituzionale. Ma la stragrande maggioranza dei cittadini vuole restare nell’Ue
Commento
1 sett

La doppia morale di San Saviano da Facebook

Il recente blackout dei social ha portato tanti a criticare le piattaforme sulle piattaforme stesse, generando paradossali cortocircuiti
Commento
1 sett

Lugano, tandem Foletti-Badaracco: sia davvero una svolta

Pur legittima la candidatura di Quadri, appare sensata la decisione della maggioranza del Municipio sul vicesindacato. Si rifletta ora in azioni concrete.
Commento
 
04.10.2021 - 05:300

Gli Usa, la Cina e il nuovo grande gioco

L’impero americano – ferito, ma non finito a Kabul – sposta nel Pacifico il confronto con l’emergente nemico cinese

Tutti gli imperi sono destinati alla decadenza e alla scomparsa, ci ripetono gli storici. Non sono in pochi oggi a vedere nella caduta di Kabul in mano talebana l’inizio della fine di quello americano. Ovviamente Washington non vuol sentirne di consegnare il testimone per il prossimo secolo all’antagonista cinese. E sposta strategicamente con alcune spettacolari mosse il confronto dall’Asia centrale a quella orientale.

In ‘Il Grande Gioco’, appassionante testo di riferimento già segnalato in queste colonne, Peter Hopkirk ci ricorda gli antefatti che indussero poi un agente della Cia a coniare per l’Afghanistan l’epiteto di “tomba degli imperi”. Lì si consumarono nelle micidiali guerre contro gli emiri della regione l’agonia della potenza britannica e quella dell’impero russo alla ricerca di riscatto, già dal ’500, dopo esser stato annientato e sottomesso per due secoli dalla Grande Orda di Gengis Khan e suoi discendenti. Così anche le mire di San Pietroburgo sull’India britannica si infransero tra le maledette montagne dell’Hindu Kush. Quando nel 1979 Leonid Brezhnev decise di muovere le truppe verso Kabul, ‘Il Grande Gioco’ non era ancora stato pubblicato. Lo fu dieci anni dopo, troppo tardi per far rinsavire i leader comunisti, quando la devastante disfatta piantò quattro chiodi sulla tomba dell’Urss.

Con la rovinosa partenza da Kabul, gli Americani non hanno evitato smacco e sconfitta, ma si sono indubbiamente sottratti al destino degli imperi che li hanno preceduti. Stabilita con largo anticipo, la decisione di abbandonare il Paese risponde alle nuove priorità strategico-commerciali. Che tutte riconducono alla centralità della Cina. La battaglia tra giganti è così emigrata a oriente, nel mare cinese meridionale: da una parte l’impero che non vuol saperne di decadere, dall’altra l’impero emergente, destinato a succedergli. Il teatro in cui va in scena la nuova guerra fredda è un’area in cui Pechino ambisce a riprendersi Taiwan, e in cui non esita a calpestare i piedi ai “piccoli” antagonisti, Filippine, Malaysia o Vietnam. Rinnegando gli impegni assunti con Obama, la Cina ha già conquistato e militarizzato una manciata di isolotti, da tempo immemore “terrae nullius”.

È tuttavia poco probabile che Pechino e Washington cadano nella “trappola di Tucidide” avviandosi verso lo scontro armato. D’altronde i cinesi, memori dell’insegnamento del loro grande generale dell’antichità Sun Tzu, sanno che è molto meglio vincere le battaglie… senza combattere. Lo scontro tra il vecchio capitalismo occidentale liberale e il più recente capitalismo orientale autocratico utilizzerà le armi della finanza, del commercio, della concorrenza sleale, dell’hackeraggio, del controllo delle terre rare indispensabili per smartphone, fibre ottiche, semiconduttori.

È in questo nuovo orizzonte imperiale che si iscrive dunque gran parte della politica estera americana: non a caso a poche settimane dal rovescio afghano, Washington ha creato, suscitando anche la rabbiosa reazione francese, un’alleanza con Regno Unito e Australia e fatto risorgere il quadrilatero (“Quad”) che vede aggiungersi all’alleato australiano il Giappone e l’India, l’altro gigante asiatico che dopo la caduta di Kabul in mani talebane si sente accerchiato da Paesi musulmani ostili e dall’altrettanto ostile vicino cinese.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved