BUF Sabres
4
DAL Stars
3
2. tempo
(2-1 : 2-2)
BOS Bruins
2
WAS Capitals
2
3. tempo
(1-1 : 1-1 : 0-0)
PHI Flyers
0
COB Jackets
2
3. tempo
(0-0 : 0-1 : 0-1)
PIT Penguins
5
OTT Senators
3
3. tempo
(3-1 : 2-0 : 0-2)
NAS Predators
3
WIN Jets
0
1. tempo
(3-0)
EDM Oilers
FLO Panthers
03:00
 
LA Kings
COL Avalanche
03:30
 
Seattle Kraken
SJ Sharks
04:00
 
VEGAS Knights
MON Canadiens
04:00
 
conti-che-rientro-ci-sara-con-una-sfida-elettorale-gia-lanciata
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
21 ore

Scuola, che si aprano le porte della sperimentazione

Un precoce restringimento delle possibilità, che sia legata al rendimento oppure ai presunti interessi, implica un condizionamento e pertanto va evitato
Commento
1 gior

E vuoi negargli il Quirinale?

Berlusconi le sta provando tutte per diventare presidente della Repubblica italiana, fra trattative poco trasparenti e una rivisitazione della sua vita
Commento
2 gior

Covid-19, lettera a una cugina No Vax

Cara cugina, alle feste sei venuta in volata. C’è chi non ti ha abbracciata e tu ci sei rimasta male, anche se capivi...
Commento
3 gior

Il gennaio maledetto dei maschi alfa

Il 2022 è iniziato male per la sottospecie più proterva, quella incline a violare le regole, per poi pensare di cavarsela con quattro scuse in croce
Commento
3 gior

Tutt’altro che tennis: Djokovic e il sottosuolo dello sport

In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero
Commento
5 gior

Una Regione lunga 30 anni

Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione
Il commento
5 gior

Per causa di forza maggiore

Annullato il visto di Novak Djokovic. Con un verdetto politico che riduce le chance di spuntarla in appello, domani alla Corte federale
il commento
6 gior

È morto Sassoli. Abbasso Sassoli! Viva Sassoli! Viva me!

La reazione alla morte del presidente dell’Europarlamento mette in evidenza la schizofrenia social, tra (auto)santificazioni e orrendi complottismi
Commento
1 sett

I Blues Brothers e il capitalismo accidentale

I licenziamenti presso Dpd dimostrano ancora una volta l’avanzata di un sistema irresponsabile, fomentato dalle voci bianche della deregulation
Commento
1 sett

L’onore perduto di Darius Rochebin

È toccato a Macron il compito di ‘riabilitare’ II giornalista svizzero, detonatore di un’inchiesta su molestie sessuali e mobbing alla Ssr
Commento
1 sett

Una bomba a orologeria chiamata Kazakistan

L’ex repubblica sovietica è uno snodo cruciale a livello economico-energetico e ora anche un termometro della situazione sociale in Asia Centrale
 
01.10.2021 - 05:300
Aggiornamento : 09:24

Conti, che rientro ci sarà con una sfida elettorale già lanciata?

La campagna per le cantonali del 2023 per la politica è già iniziata. Il risanamento delle finanze in un periodo dove ogni voto conta sarà una chimera

Le prossime elezioni cantonali avranno luogo nel 2023 e per quanto riguarda la politica significa dopodomani. È questa la preoccupazione maggiore che si avverte quando, a margine della presentazione del Preventivo per il 2022, si ascoltano i vari gruppi in Gran Consiglio portare ricette, visioni e idee per quello che dovrebbe essere l’auspicato risanamento delle finanze da portare a compimento entro il 2024/2025. Quale partito affronterà una campagna elettorale issando la bandiera di tagli, contenimento della spesa e misure di risparmio? Quale capogruppo, quale presidente – in un periodo dove sarà importante andare a guadagnarsi e ottenere ogni singolo voto – porterà in parlamento proposte all’insegna della moderazione invece che della generosità? Sarà una campagna elettorale complicata per tutti i partiti di governo. La Lega, con il direttore del Dipartimento del territorio Claudio Zali che ha annunciato la propria ricandidatura – anche se dall’interno di via Monte Boglia filtra più di qualche dubbio – deve guardarsi le spalle da un’Udc che scalpita ed è – forte anche del traino nazionale – in rampa di lancio. Il Plr, la cui nuova presidenza ha impresso un cambio di passo, nell’ambire alla difficile sfida del raddoppio in Consiglio di Stato deve passare forzatamente da un’immagine maggiormente interclassista e valutare con attenzione se, sui temi fiscali, lo ‘spostamento a destra’ porti davvero il sostegno auspicato, considerando la fase difficile che sta vivendo soprattutto chi ha pagato di più il prezzo della crisi pandemica. Il Ppd, come ricordato dal suo presidente in più comitati cantonali di recente, si confronta da anni con un costante calo di voti. Il Ps, che esattamente come la Lega con l’Udc deve valutare che percorso intraprendere con i Verdi, avrà da gestire la non sempre facile sostituzione di un consigliere di Stato uscente che non si ricandida.

In un contesto che negli ultimi tempi vede premiato il voto di protesta e di opposizione a sinistra come a destra, e con un Gran Consiglio che potrebbe uscire ancora più frazionato di quello attuale, ben si capisce la portata della sfida del risanamento delle finanze e la sua difficoltà se rapportata ai leciti interessi dei partiti.

Con onestà, però, la cosa andrebbe riconosciuta. Le osservazioni di oggi difficilmente vedranno un’applicazione coerente a breve. Primo, perché sono figlie di visioni agli antipodi, e sebbene sia condivisibile l’auspicio a una maggior coesione, unire l’acqua con l’olio risulta complicato anche con tutta la buona volontà possibile. Secondo, perché il clima elettorale che già ora si respira non farà altro che diventare sempre più protagonista di ogni sospiro che uscirà da una commissione parlamentare, dall’aula del Gran Consiglio, forse (forse) anche dal Consiglio di Stato.

Non c’è di che essere ottimisti. Ma i problemi restano anche se finora le parole sono state solo parole e anche se tra un anno e mezzo verranno rinnovati esecutivo e legislativo, con tutti i partiti che avranno l’ambizione a migliorare le proprie posizioni. Dice bene chi osserva come l’assenza a breve di un’azione non pesantissima, ma probabilmente sufficiente, potrebbe portare a soluzioni ben più drastiche nel futuro prossimo che, a parole, tutti vogliono evitare. Con le incognite presenti a livello di deficit e di congiuntura come sempre si tratta di una questione di volontà. Anche, e soprattutto, politica.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved