Venezia
1
Fiorentina
0
2. tempo
(1-0)
note-per-un-riformismo-senza-paternalismo
(Depositphotos)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
il commento
16 ore

Il vistoso fascismo che non esiste

Al posto di abolirli tutti, come chiedono sinistra e sindacati italiani, si potrebbe cominciare con quello che occupa i palchi dei “no vax no pass”
La formica rossa
16 ore

La differenza tra sindacati forti e quelli supini

La polemica sul patrimonio di Unia nasconde in realtà il desiderio recondito di qualcuno di annichilire le ambizioni dei lavoratori
Commento
2 gior

Il giovane Holden, il Ticino Club e ‘allora le foibe?’

Molino, lavoro, TiSin: a ogni casino che scoppia in questo cantone, i responsabili rispondono parlando d’altro
Commento
3 gior

Il ‘Back in the U.S.S.R.’ di Morisoli e Pamini

Il piano quinquennale dell’Udc: ridurre le tasse ai più abbienti e raggiungere l’equilibrio fiscale a suon di tagli. Ipocrisia? No, lotta distributiva
La formica rossa
4 gior

La volpe, il principe e la truffa del falso nipote

Una storia triste che dimostra come in Ticino, quando si affaccia un emulo di Tewanna Ray, c’è sempre qualcuno che ci casca
Commento
5 gior

I luoghi comuni certificati Unesco

La lista dei patrimoni immateriali era nata per salvare culture morenti, ma da qualche tempo entrano pizze, tango, baguette e chiacchiere all’aperto
La formica rossa
5 gior

Calo demografico, parlare di salari è così brutto?

Di soluzioni dalla politica se ne sentono di ogni: fantasiose o più concrete. Basterebbe pagare stipendi dignitosi, al netto di tante chiacchiere
IL RICORDO
6 gior

Il ‘monello’, uno degli ultimi tenori

Alex Pedrazzini ha dato il meglio di sé come consigliere di Stato, alla testa del Dipartimento delle Istituzioni
Commento
6 gior

‘Sciur padrun’ di ieri e di oggi

Dalle mondine in poi i tempi non sono cambiati. Non quando si parla di lavoro e salari degni come capita nel Mendrisiotto
SGUARDO A NORD
27.09.2021 - 05:300
Aggiornamento : 08:02

Note per un riformismo senza paternalismo

Per creare più giustizia sociale e ambientale le autorità devono apparire autorevoli, non autoritarie

All’università di Lucerna d’ora in poi si serviranno solo pasti vegetariani o vegani. Per motivi di sostenibilità la direzione ha infatti recentemente comunicato di aver bandito la carne dal menù, decidendo così al posto degli studenti che, volenti o nolenti, in futuro diventeranno tutti un po’ meno carnivori. Può sembrare una curiosità di poco conto, eppure sono molti gli ambiti in cui un’autorità superiore decide per noi.

Se da un lato ci sono gli obblighi “classici” come la scuola, le tasse o il rispetto delle leggi, dall’altro stanno nascendo nuove regole, non sempre vincolanti, in grado di influenzare i nostri comportamenti. Sono portate avanti con forza da una parte della popolazione che vorrebbe riformare la società riscrivendo i rapporti tra cittadini. Fra di loro figurano gli attivisti per i diritti delle minoranze, gli oppositori del sistema finanziario, i fautori del reddito di cittadinanza, i vegani, il movimento di liberazione omosessuale, gli ambientalisti e molti altri ancora.

Sono loro che stanno proponendo bagni unisex per chi non rientra nel binarismo di genere, che vogliono bandire le auto dai centri urbani, che danno vita a manifestazioni di ciclisti, che bloccano l’entrata delle banche o che vogliono riformare il sistema dell’asilo politico.

A questa ondata di riformismo si oppone un’altra parte della società, che è scettica, ritrosa, spaventata e si chiede per quale motivo siano necessari tanti cambiamenti, visto che in passato “si è sempre fatto così”. Non hanno tutti i torti: in un mondo tanto complesso e interconnesso ogni mattoncino spostato ha un influsso su tutti gli altri mattoncini. Le auto elettriche inquinano meno, sì, però necessitano di batterie che vanno smaltite e si mangiano tonnellate di metalli rari; un’alimentazione puramente vegana può creare carenze nutrizionali; aprire le frontiere ai migranti crea conflitti e attriti. Di queste difficoltà gli oppositori si nutrono e le usano per opporsi al cambiamento.

Perché ciò che era giusto fino all’altro ieri dovrebbe essere sbagliato in futuro? Non è facile spiegarlo. Quando le autorità riconoscono l’urgenza di intraprendere nuove vie, per creare più giustizia sociale e ambientale, devono farlo apparendo autorevoli, non autoritarie. I metodi coercitivi non funzionano perché sono infarciti di paternalismo e di senso di superiorità. Chi è contrario si ritira ancora di più in se stesso e alla fine si ottiene l’effetto opposto: l’estremizzazione di un gruppo nei confronti di un altro. Lo studente che arriva a odiare i vegani, il ricco che si compra due auto da corsa, i ragazzi omofobi che prendono a pugni le coppie gay per strada. Per prepararsi al cambiamento bisogna informare, discutere, ascoltare, su un piano paritario, il tutto spalmato su un lungo periodo. Imporre riforme dall’alto è un metodo spiccio per le situazioni di crisi, che però crea dissapori e spaccature incolmabili, dovute a carenze comunicative. Lo stiamo vivendo in questi giorni con le proteste dei cosiddetti no vax.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved