Venezia
0
Fiorentina
0
1. tempo
(0-0)
a-bordocampo-uno-scaricatore-di-porto-arrossirebbe
Spalti (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
il commento
15 ore

Il vistoso fascismo che non esiste

Al posto di abolirli tutti, come chiedono sinistra e sindacati italiani, si potrebbe cominciare con quello che occupa i palchi dei “no vax no pass”
La formica rossa
15 ore

La differenza tra sindacati forti e quelli supini

La polemica sul patrimonio di Unia nasconde in realtà il desiderio recondito di qualcuno di annichilire le ambizioni dei lavoratori
Commento
2 gior

Il giovane Holden, il Ticino Club e ‘allora le foibe?’

Molino, lavoro, TiSin: a ogni casino che scoppia in questo cantone, i responsabili rispondono parlando d’altro
Commento
3 gior

Il ‘Back in the U.S.S.R.’ di Morisoli e Pamini

Il piano quinquennale dell’Udc: ridurre le tasse ai più abbienti e raggiungere l’equilibrio fiscale a suon di tagli. Ipocrisia? No, lotta distributiva
La formica rossa
4 gior

La volpe, il principe e la truffa del falso nipote

Una storia triste che dimostra come in Ticino, quando si affaccia un emulo di Tewanna Ray, c’è sempre qualcuno che ci casca
Commento
5 gior

I luoghi comuni certificati Unesco

La lista dei patrimoni immateriali era nata per salvare culture morenti, ma da qualche tempo entrano pizze, tango, baguette e chiacchiere all’aperto
La formica rossa
5 gior

Calo demografico, parlare di salari è così brutto?

Di soluzioni dalla politica se ne sentono di ogni: fantasiose o più concrete. Basterebbe pagare stipendi dignitosi, al netto di tante chiacchiere
IL RICORDO
6 gior

Il ‘monello’, uno degli ultimi tenori

Alex Pedrazzini ha dato il meglio di sé come consigliere di Stato, alla testa del Dipartimento delle Istituzioni
Commento
20.09.2021 - 05:300
Aggiornamento : 12:34

A bordocampo uno scaricatore di porto arrossirebbe

La deriva nel linguaggio e nel comportamento del tifo: sui campi di calcio crescono l’aggressività e il turpiloquio facile

“Non parlare come uno scaricatore di porto”, ci sentivamo spesso ripetere da adolescenti, magari anche solo per una minima parola fuori posto od oltre contesto... Oggi, se dovessimo visitare un qualunque scalo marittimo, anche il più rude manovale arrossirebbe di fronte a certi linguaggi che si sentono, nostro malgrado, a bordocampo. Nonni dall‘urlo facile, mamme, con birra alla mano e sigaretta nell’altra, dai toni sguaiati non solo verso il giovane e magari ancora inesperto arbitro, ma anche contro l’allenatore del figlio, reo di aver deciso un cambio sgradito alla ‘curva’. Lo si riscontra, purtroppo, sempre più, fin nelle competizioni e nei tornei della scuola calcio e degli allievi. Genitori ebbri di tifo avvelenato, padri che più che tifare per, tifano contro, fischiano, inveiscono contro il direttore di gara per ogni decisione, lanciano parolacce al giovanissimo calciatore intervenuto magari con foga, ma senza cattiveria, sull’avversario. Il loro è un pesante circo di offese, turpiloqui, scurrilità.

Passare così un sereno weekend sui campi da gioco, per chi vuole solo divertirsi, diventa sempre più un’utopia. Da qualche anno a questa parte non c’è sabato o domenica che non si registri un fatto increscioso. È come se quel rettangolo verde di gioco catalizzasse insofferenza, nervosismo, imparzialità. Un catino dove vomitare le proprie insoddisfazioni, delusioni, frustrazioni, senza minimamente pensare alla possibilità di ferire o scandalizzare quei 22 giovani calciatori che a fine partita sono i primi a dare una lezione agli adulti, avvicinando l’altra squadra per una stretta di mano o una pacca sulla spalla. Vinto o perso? Ci siamo divertiti, vorrebbero solo dire. Eppure quel tifo smisurato, glielo impedisce con scadenza ormai quotidiana. Quella nonna che si alza in piedi e grida ‘pezzo di emme’ per un fantomatico fuorigioco, che neppure il Var sarebbe stato in grado di decifrare, basisce. “Lo specchio dei tempi", ha commentato qualcuno, giustificando l’ultima rissa avvenuta sabato a Bellinzona fra l’Us Semine e l’Fc Locarno, in una società sempre più aggressiva e indisposta all’altro che fa brutto spettacolo di sé non solo fra un pallone e una rete, ma anche sui banchi, nella politica, sul posto di lavoro. Dobbiamo allora aspettarci un nuovo cazzotto, un nuovo litigio, nuova maleducazione? Forse è davvero tempo di replay per ricordare così, tornando indietro, il vero valore dello sport, una scuola di vita nel rispetto delle regole. A cominciare da tutti noi, lì a bordocampo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved