il-pass-e-quella-infantile-concezione-della-liberta
Un'iconografia nefasta (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
il commento
13 ore

Bruce Springsteen ha perso la voce

Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
1 gior

Lugano senza Borradori, un anno dopo

La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
2 gior

Carlo Calenda, il guastatore

L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
2 gior

Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali

Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
3 gior

Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni

I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
4 gior

L’Ucraina e le ambiguità del Papa

Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
6 gior

È il carovita, bellezza!

La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
1 sett

Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’

‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
1 sett

Taiwan, sdraiata su una mina

La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
Locarno75
1 sett

Un Film Festival à la carte: comincia l’avventura

Oggi, in una rassegna, non contano solo i film, ma anche le comparse su più o meno rossi tappeti. Eppure, la selezione di quest’anno è degna di curiosità
laR
 
06.08.2021 - 05:30
Aggiornamento: 15:04
di Roberto Antonini, giornalista Rsi

Il pass e quella 'infantile concezione della libertà'

Francia, Italia, Germania: la quarta ondata non lascia alcuna scelta, la corsa contro il tempo dei governi incalzati dalla variante Delta è già scattata

In Italia si comincia proprio oggi. In Francia, dopo il disco verde dato ieri dal Consiglio costituzionale, l’obbligo scatterà lunedì prossimo. In Germania il decreto è previsto per settembre. Da noi in Svizzera si tergiversa ancora: a Locarno Alain Berset esterna una calcolata accortezza e parla di “un’opportunità offerta alla popolazione”, posizione ancor più prudente di quella dell’ex presidente della Commissione nazionale di Etica Christoph Rehmann-Sutter per il quale il certificato Covid costituisce un’opzione “assolutamente ragionevole”. È comunque già in vigore per alcune manifestazioni oltre che per i viaggi all’estero. Il “green pass” in versione italiana o “pass sanitaire” in quella francese è ormai una realtà dalla quale nessun Paese sarà prima o poi in grado di prescindere.

La quarta ondata non lascia alcuna scelta, la corsa contro il tempo dei governi incalzati dalla variante Delta è già scattata. La piazza tuttavia non demorde: in Francia in particolare il veleno dei no vax si riversa nelle strade, dove folle sempre più numerose in cui convergono frange dai colori politici che ricordano quelli dei “gilets jaunes” (dalla destra estrema dei “Patriotes” di Florian Philippot alla sinistra radicale dell’arruffapopolo Jean-Luc Mélenchon, tutto fa brodo in chiave anti-Macron) e sindacati moribondi in chiara difficoltà di prevendita inscenano un’escalation che si traduce in inquietanti derive verbali. La banalizzazione della violenza nelle parole (“collabos, assassins”) ha ormai tracimato ogni argine del buon senso. Il “famigerato” documento sanitario assume i contorni dell’imposizione nazista: il pass diventa il paSS, baldanzosi ci si appiccica addosso sulla t-shirt la stella gialla con la dicitura “non vaccinato”.

In aggiunta alle teste calde, anche qualche testa pensante, a riprova di quanto il narcisismo da social prevalga alla fine sempre sul senso del ridicolo, si butta a capofitto nella mischia. Diego Fusaro, filosofo marxista di formazione, passato al sovranismo più urlato e sconclusionato – ma proprio per questo popolare su Facebook – taglia corto: la tessera “è di natura politica e non medica, mira a discriminare chi non giura fedeltà all’infame regime tecnosanitario”. Ci mettono del loro, seppur in forma meno rustica, Massimo Cacciari e Giorgio Agamben che in una controversa presa di posizione denunciano come “gravissimo” il fatto di discriminare, considerandola di serie B, un’intera categoria di cittadini (non vaccinati). Luc Ferry, ex ministro francese, filosofo di pensosa discrezione, e che contrariamente ai sopraccitati non disdegna il buon senso, conclude la sua riflessione stigmatizzando quella “infantile concezione della libertà” che allontana dalla scienza e riporta all’oscurantismo e alla negazione del valore della vita, la propria e quella degli altri che merita protezione.

Il pass assomiglia di fatto a un obbligo di vaccinarsi, è indubbio. E pone certamente questioni etiche importanti. Ma la storia della medicina e della scienza ci insegna che i successi delle campagne vaccinali (poliomielite o vaiolo) sono immensamente superiori agli errori e agli effetti indesiderati. La controversa tesserina ci accompagnerà vieppiù nella nostra vita, nei ristoranti, bar, teatri, manifestazioni sportive, scuole o trasporti. Non una limitazione alle libertà dunque. Ma la condizione necessaria per continuare a beneficiarne.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alain berset emmanuel macron francia germania green pass italia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved