il-certificato-covid-non-sia-un-incentivo-a-vaccinarsi
Se l’alternativa al chiudere per i non vaccinati è chiudere per tutti… (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
4 ore

Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni

I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
1 gior

L’Ucraina e le ambiguità del Papa

Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
3 gior

È il carovita, bellezza!

La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
4 gior

Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’

‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
5 gior

Taiwan, sdraiata su una mina

La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
Locarno75
6 gior

Un Film Festival à la carte: comincia l’avventura

Oggi, in una rassegna, non contano solo i film, ma anche le comparse su più o meno rossi tappeti. Eppure, la selezione di quest’anno è degna di curiosità
Commento
1 sett

Neutralità non è star sopra un albero

Questo primo d’agosto, dopo stranieri e cittadini radical chic, la destra si è trovata un nuovo nemico: quelli che ‘tradiscono’ la neutralità svizzera
il commento
1 sett

Il Covid muta, la Cina no

Su Science i dati che mostrano come la pandemia sia nata nei mercati di Wuhan, ma a Pechino – dove tutto tace – nessuno vuole cambiare regole e abitudini
Commento
1 sett

Basta un complimento alla ragazza sbagliata e parte la rissa

Settecento procedimenti penali contro minorenni nei primi sei mesi dell’anno è un record. I nuovi volti della violenza giovanile
laR
 
29.07.2021 - 05:30
Aggiornamento: 14:18

Il certificato Covid non sia un incentivo a vaccinarsi

Il cosiddetto Green pass ha senso se l’alternativa al chiudere per i non vaccinati è chiudere per tutti

L’idea di un incentivo per vaccinarsi non piace alle autorità svizzere: difficilmente avremo ricompense in denaro, bevande offerte, lotterie varie, come invece accade in altri Paesi per convincere gli esitanti. Perché certo non sarà una birra gratis a far cambiare idea a chi crede che il Covid sia un’invenzione di industrie farmaceutiche e governi o che il vaccino sia più pericoloso del coronavirus, ma si tratta di una minoranza sia della popolazione generale, come dimostrano i livelli di copertura vaccinale raggiunti in pochi mesi, sia di quelli che (ancora?) non si sono vaccinati, gruppo composto in buona parte da indecisi. Il loro, più che un “assolutamente no”, è l’universale “poi vediamo”, sempre valida risposta che ognuno di noi ha usato almeno una volta nella vita.

Niente incentivi per convincere le persone a vaccinarsi, quindi – a parte, e non è poco, il non dover passare per la cassa malati con franchigie e aliquote. Il che dovrebbe significare anche niente punizioni per chi invece decide di non vaccinarsi (o come detto non decide di vaccinarsi), scelta perfettamente legittima dal momento che non vi è alcun obbligo. Se per raggiungere l’obiettivo di aumentare la copertura vaccinale non si vogliono offrire birre a chi si vaccina, non ha senso pensare per lo stesso motivo di impedire a chi non si è vaccinato di andare in un bar a bersela, quella birra. In altre parole: le limitazioni che riguardano solo chi non ha un Certificato Covid – comunque disponibile anche ai non vaccinati, basta un test negativo recente – devono essere una misura sanitaria per contenere i contagi, non un modo per convincere le persone a vaccinarsi. Lo stesso vale per eventuali disposizioni particolari sui luoghi di lavoro, come test periodici o l’obbligo di mascherine. I dati di cui disponiamo confermano che i vaccinati non solo si ammalano meno e meno gravemente, ma contagiano anche meno, con una riduzione del rischio non solo per se stessi, ma anche per gli altri: prevedere restrizioni meno stringenti ha quindi senso e ogni confronto con persecuzioni presenti e passate è semplicemente una corbelleria. Ma appunto se l’alternativa al chiudere per i non vaccinati è chiudere per tutti: se invece si potrebbe tenere tutto aperto non c’è ragione di richiedere certificati e prevedere limitazioni specifiche.

Su questo le autorità elvetiche sono state molto chiare, ma una certa confusione rimane, soprattutto nelle discussioni sul Green pass introdotto in Francia e Italia, percepito da molti – sia favorevoli sia contrari – come una punizione per i “no-vax”, citando l’aumento delle prenotazioni non come un positivo effetto secondario ma proprio come obiettivo delle norme. Dimenticandosi dei possibili effetti indesiderati: aumentare le tensioni sociali scaricando tutte le colpe sui non vaccinati. C’è chi li ha già paragonati a dei traditori, e in parte stiamo parlando di persone che sono ancora in lista d’attesa o che hanno ricevuto dalle stesse autorità informazioni contrastanti.

Questa pandemia non è una guerra contro il virus; piuttosto è una lunga marcia da fare, come un consigliere di Stato ha ribadito più volte, con il passo del montanaro: chi non si vaccina non è un agente passato al nemico ma un compagno di viaggio che per vari motivi sta facendo scelte diverse, additarlo come colpevole di chissà cosa rischia soltanto di rallentare tutti quanti.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
certificato covid svizzero covid pass vaccino anti covid
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved