Roma
1
Cagliari
0
fine
(1-0)
Atalanta
Inter
20:45
 
WAS Capitals
VAN Canucks
20:00
 
la-pezza-l-ha-messa-ma-il-danno-resta
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Una Regione lunga 30 anni

Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione
Il commento
1 gior

Per causa di forza maggiore

Annullato il visto di Novak Djokovic. Con un verdetto politico che riduce le chance di spuntarla in appello, domani alla Corte federale
il commento
2 gior

È morto Sassoli. Abbasso Sassoli! Viva Sassoli! Viva me!

La reazione alla morte del presidente dell’Europarlamento mette in evidenza la schizofrenia social, tra (auto)santificazioni e orrendi complottismi
Commento
3 gior

I Blues Brothers e il capitalismo accidentale

I licenziamenti presso Dpd dimostrano ancora una volta l’avanzata di un sistema irresponsabile, fomentato dalle voci bianche della deregulation
Commento
4 gior

L’onore perduto di Darius Rochebin

È toccato a Macron il compito di ‘riabilitare’ II giornalista svizzero, detonatore di un’inchiesta su molestie sessuali e mobbing alla Ssr
Commento
5 gior

Una bomba a orologeria chiamata Kazakistan

L’ex repubblica sovietica è uno snodo cruciale a livello economico-energetico e ora anche un termometro della situazione sociale in Asia Centrale
Commento
6 gior

Il Covid, un incubo ricorrente

Già l’anno scorso speravamo di buttarci alle spalle la pandemia. Invece siamo ancora alle prese con varianti e restrizioni, eppure un terzo non si vaccina
Commento
1 sett

Parmalat, succo di un crac

La scomparsa di Calisto Tanzi e quella volta che ci accolse il commissario straordinario Enrico Bondi
Commento
1 sett

L’orgoglio della cavia

Le varianti del virus e quelle del cretino
Commento
1 sett

Djokovic, il tennista più uguale degli altri

Gli Australian Open concedono l’esenzione al campione no-vax, facendo saltare le regole e ogni principio di equità, inchinandosi al dio denaro
Commento
1 sett

È tutt’altro che simbolico il decreto taglia spese

La posta in gioco nel voto popolare dopo la riuscita del referendum è alta. Mettere a rischio servizi e prestazioni per i più fragili è insostenibile
 
23.06.2021 - 05:300
Aggiornamento : 16:13

La pezza l'ha messa ma il danno resta

Colpo di spugna del presidente Renzetti: presunti investitori liquidati. Il Lugano torna a essere suo, ma non è certo una notizia che coglie di sorpresa

Perché non siamo sorpresi dall’epilogo della triste vicenda legata al mancato passaggio di proprietà dell’Fc Lugano che resta nelle mani di Angelo Renzetti? Non è veggenza, no. Solo un po’ di sano buon senso e di capacità di analisi di una situazione segnata da tante zone d’ombra, sin dai primi segnali dell’entrata in scena di Thyago Rodrigo de Souza e Giammarco Valbusa, amministratori freschi di defenestrazione brusca quanto opportuna. Troppe, e sinistre, le analogie con casi già successi in passato, tanto da indurre per forza a pensare male, per effetto di pregiudizi che hanno un fondamento proprio nelle storiacce che hanno segnato il mondo del calcio svizzero, quello ticinese in particolare. Dalle promesse fatte e non mantenute, alle manie di grandezza; dal profilo tutto fuorché basso, a investimenti non in linea con una realtà come quella della Super League; dai propositi di creare “posti di lavoro stabilendosi in Ticino”, a una garanzia bancaria che, nonostante fosse la condizione per dare avvio all’intero progetto, mai è stata onorata, giacché di soldi non se ne sono visti, ma se ne sono già spesi tanti. A quale titolo, tra l’altro? In veste di sedicenti proprietari che incautamente avevano già iniziato a muoversi come tali, perché “la società adesso siamo noi”.

No, la società era e resta di Angelo Renzetti, e dell’azionista di minoranza Leonid Novoselskiy, il quale il progetto aveva sposato e ha difeso, perché in linea con la sua visione di una società che deve trarre linfa dal proprio settore giovanile. Convinto di avere degli interlocutori seri, di fronte, con le sue stesse idee. Abbagliato, anche lui. Come Angelo Renzetti, del resto. Al quale si può imputare l’ingenuità con la quale è cascato nella trappola, pur essendoci ben più di un motivo per non volergliene. Il suo è un errore di valutazione grave che ha però una giustificazione molto seria nelle difficoltà che attraversa da anni, legate al peso di una gestione che è interamente sulle sue spalle, ancora oggi, nonostante svariati gridi d’allarme e appelli accorati a una collaborazione che non ha mai trovato.

C’era cascato, Angelo, in totale buona fede. La sua commozione, del resto, la dice lunga sul suo attaccamento alla causa e sulla sua serietà. Aveva scorto in questi potenziali e sedicenti acquirenti una soluzione a beneficio del Lugano che ha fatto diventare grande ma che ora fa sempre più fatica a mantenere in alto. C’era cascato, ma di fronte a promesse disattese, a “pagherò” di dubbia credibilità, è tornato sui suoi passi, ha spazzato via malintesi e intese a metà, liquidando chi già aveva piantato le tende a Cornaredo senza averne l’autorizzazione.

Un colpo di spugna rinfrescante come un temporale estivo che ha posto termine a una vicenda fumosa e dai contorni torbidi fin dalle prime schermaglie tra due parti che un terreno d’intesa l’avevano trovato solo a parole. Per colpa di chi ha venduto fumo, non certo di chi aveva pensato di avere finalmente trovato il modo di uscire di scena lasciando il club in buone mani. Parole, tante. Al momento di passare ai fatti, però, il bluff è stato svelato. In tempo per evitare un tracollo annunciato, per iniziare a scalare la montagna, per dirla alla Renzetti. Fine (prevedibile) di una vicenda che avrà però delle conseguenze sulla stagione che è alle porte e sulla gestione della società, nonché delle ripercussioni in chiave politica, con riferimento al dibattito circa il polo sportivo. L’esito è felice, ma non indolore.

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved