S.Gallo
Lucerna
14:15
 
Vaduz
Xamax
14:15
 
la-confessione-di-roman-e-il-ritorno-dei-processi-farsa
(YouTube)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

L’utilità delle catastrofi

È il colmo che le autorità e anche il popolo votante abbiano bisogno delle calamità per correggere politiche sbagliate
Commento
2 gior

Peso della storia e frattura europea

Si pensava che l'allargamento dell'Ue portasse con sé una contaminazione democratica, i fatti e gli interessi nazionali ci stanno dimostrando il contrario
Commento
3 gior

Il certificato Covid non sia un incentivo a vaccinarsi

Il cosiddetto Green pass ha senso se l’alternativa al chiudere per i non vaccinati è chiudere per tutti
Commento
4 gior

Altri sgravi? L'offensiva liberale va controcorrente

La concorrenza fiscale intercantonale è un dato di fatto. Ciò che pare sfuggire al Plrt è che nel mondo post Covid il vento sta girando da un'altra parte
Gallery
L'analisi
4 gior

Vladimir Petkovic, addio sulla cresta dell’onda

Il 57enne tecnico della Nazionale rossocrociata, il più vincente di sempre, lascia la Svizzera e abbraccia la causa del Bordeaux. Lascerà un vuoto non facile da colmare
Il commento
5 gior

Polizia, il Tribunale federale consolida la legge ticinese

Il loro ricorso è stato respinto, ma i due giuristi hanno fatto bene a sottoporre al vaglio dei giudici di Mon Repos l'importante e delicata revisione normativa
il commento
6 gior

Medici, Corona e... tutti allenatori

Dallo scetticismo che aleggia fra medici e infermieri all'obbligatorietà vaccinale imposta già in diverse nazioni per eventi o frequentazioni
Commento
1 sett

Eh già... Angelone è ancora qua

Dopo la cessione sfumata qualche settimana fa, Renzetti è pronto per la sua dodicesima stagione da numero uno del Lugano, la decima da proprietario del club
Commento
1 sett

Olimpia e il prezzo della felicità

Dopo decenni in cui ci si doveva fare largo a gomitate per aggiudicarsi i Giochi, il ricordo dei deficit finanziari pare raffreddare gli entusiasmi
L'analisi
1 sett

Nord Stream 2, l'equilibrio gassoso

Joe Biden e Angela Merkel si sono accordati: il gasdotto sotto al mar Baltico tra Russia e Germania verrà presto completato. Tutti contenti?
Commento
 
09.06.2021 - 05:300
Aggiornamento : 08:46

La ‘confessione’ di Roman e il ritorno dei processi farsa

Pestato dalla dittatura bielorussa, Roman Protasevich ’ammette’ i suoi crimini in un siparietto tv che ci riporta ai tempi cupi del comunismo sovietico

I forti contrasti nei chiaroscuri dello studio televisivo occultano le ferite ai polsi e i lividi in volto. Ma la tecnica della messinscena è troppo consumata e nota e per trarre in inganno lo spettatore. Un tetro déjà vu. I lividi Roman li porta nelle lacrime che trattiene a stento fino al pianto finale e nelle parole calibrate con cui confessa i propri errori prima di elogiare “l’uomo con le palle d’acciaio” che lo ha fatto rapire e sbattere dietro le sbarre dopo un piratesco dirottamento del velivolo sul quale si trovava. Roman ora “nutre rispetto per Alexander Grigoryevich”.

Dalla gola vorrebbe uscire un gemito, un grido; è come se il giovane dissidente, stremato e indifeso, volesse solo rannicchiarsi in una grotta per proteggersi. Chiudersi, farla finita con un tortura lunga due settimane. Loda il suo persecutore Lukashenko mentre il suo sguardo impaurito penetra la luce cinerea e si imbatte in quello del suo interlocutore. Di fronte a lui, a un paio di metri, in un decoro sobrio, l’inquisitore è una vasta figura rubizza da gagliardo bevitore di vodka: è il “giornalista” star della televisione di Stato che dardeggia con lo sguardo la sua vittima, ormai la controlla totalmente. Roman Protasevich ha ceduto, si è piegato, si è annullato, ha imparato a memoria le risposte, e lui lo osserva con vetriolesca compiacenza e con malcelata soddisfazione. Il suo padrone apprezzerà certamente lo spettacolo. Il “giornalista” sembra contenere a stento da buon aguzzino un’allegra ed empia volontà di annientare la sua vittima.

Lukashenko ha ripreso in mano le redini del paese, lo ha chiuso, blindato, le donne vestite di bianco che manifestavano nelle strade di Minsk sono svanite nel nulla. Roman, nella sua solitudine intrisa di angoscia, gli occhi atterriti, cerca di recitare la parte senza inciampi: è stato trattato bene, nessuna tortura, no certo, nessuna confessione strappata con la forza. È un criminale reo confesso, se lo dice lui stesso come non credergli? Specifica anche “342”, l’articolo del codice penale che ha gravemente calpestato. Sì, vero, ha organizzato disordini di massa, ma ora rinnega tutto, idee, compagni di lotta, i “giochi sporchi”. Non farà mai più politica, promette prima di crollare nel pianto.

L’atroce teatrino in salsa bielorussa sembra riportarci pari pari al cupo periodo staliniano, immortalato da un celebre libro autobiografico di Arthur London, “La confessione”, ripreso poi dal grande regista Costa Gavras. London, cecoslovacco, da sempre comunista, combattente repubblicano in Spagna, resistente in Francia, ministro dal 1948 nel suo paese, fu arrestato per ordine di Stalin nel 1951 assieme a tredici altri dirigenti (quasi tutti ebrei) e condannato all’ergastolo. Undici imputati furono impiccati. Accusato di sionismo e di trotskismo, in assoluto il peggiore dei crimini, cedette alla violenza, alla privazione di sonno, alla tortura ammettendo, nell’illusoria speranza di una riduzione di pena, tutte le sue colpe. Imparò a memoria la sua confessione e la recitò in un processo diffuso in diretta alla radio nazionale. Fu riabilitato dopo la morte di Stalin e quando i carrarmati sovietici soffocarono la primavera praghese si decise finalmente a rendere pubblico il suo dramma.  Oggi un’altra confessione ci ricorda che anche nelle sue forme più farsesche, ma pur sempre tragiche, la storia tende maledettamente a ripetersi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved