piccole-guerre-grande-bellinzona
Il settebello eletto a Palazzo civico (Ti-Press/F. Agosta)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
15 ore

Il disagio psichico e il circo Barnum dei social

Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
19 ore

Schröder, poltrone come matrioske

I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
1 gior

L’eterno declino degli Usa

La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
2 gior

Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata

Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
2 gior

TiSin, la Lega e l’arte della fuga

I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
3 gior

Matignon: trent’anni dopo, una donna

Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
4 gior

Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia

La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
6 gior

A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione

Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
Commento
6 gior

Stampa, di mordacchia in mordacchia

Giornalismo svizzero, da Berna ulteriori restrizioni. Di questo passo l’articolo costituzionale sulla libertà dei media diventerà lettera morta
Commento
1 sett

Lugano, la sinistra riparta da Schönenberger

Positivo che le critiche dell’ex leader abbiano smosso così le acque: giusta la reazione dei vertici cantonali, a Lugano resta molto da fare
Commento
1 sett

Hansjörg Wyss, l’anti-Blocher che si prese il Chelsea

Il magnate bernese ha deciso d’investire 5 miliardi di franchi per mettere le mani sul gioiello calcistico dell’oligarca russo Roman Abramovich
Commento
1 sett

Decreto Morisoli: dicono ‘contenere’, intendono ‘tagliare’

Nelle attuali circostanze costringere lo Stato a raggiungere l’equilibrio fiscale a breve termine è, a rigor di logica, un’assurdità
laR
 
20.04.2021 - 05:15

Piccole guerre, grande Bellinzona

Ballottaggio o no, il primo importante dossier da affrontare, con testa, sarà quello delle finanze in rosso

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Giù del 3-5% i partiti di centro, ma pur sempre saldamente al comando, su del 3% gli schieramenti d’opposizione, o sedicenti tali a dipendenza dell’occasione e del periodo, con talvolta una buona dose di opportunismo. A Bellinzona la nuova legislatura – indipendentemente che Simone Gianini e il Plr optino o meno per il voto di ballottaggio – comincerà com’è finita quella vecchia: con gli estremi in costante assetto di guerra e buoni a lanciare bombe di carta – per di più ora incoraggiati da un elettorato in crescente polarizzazione – contro un nemico che si vuole all’origine di ogni male, disservizio, sorpasso di spesa, decesso Covid, buca nella strada, quartiere dimenticato.

Ovviamente leggendo le dichiarazioni raccolte a caldo tutti ritengono di avere vinto: chi perché non ha perso seggi nonostante la chiara erosione di preferenze subita nelle urne, chi perché ambiva a entrare nella stanza dei bottoni ma non essendoci riuscito ripiega sul sempre onesto “rafforzamento in Consiglio comunale”. Che è poi la meta più logica per chi interpreta la politica all’attacco e reclama, ricorre, interpella, reinterpella, re-reinterpella e nel caso non fosse chiaro re-re-reinterpella. Giusto che sia così, da ambo i lati. Giusto che il ruolo di sindaco sia giocato fino in fondo assumendosi la responsabilità (infine, come s’è visto, avallata dagli elettori) di convincere il proprio partito sulla necessità di smantellare le storiche Officine e di trasferirle a Castione per dare agli operai e al quartiere un futuro 2.0; e giusto che chi la pensi diversamente faccia il pelo e il contropelo a decisioni che hanno logiche non sempre lineari e condivisibili (le Officine, appunto, insegnano: basterebbe rileggersi talune dichiarazioni socialiste e liberali-radicali di due legislature fa, quando ancora i binari servivano a sdraiarvici sopra).

Il problema a Bellinzona è che la sedicente opposizione, che sia di destra o di sinistra, pensa che per ottenere qualcosa basti alzare i toni, e che se non ottenuta occorra alzarli ancora di più. Toni che raramente trasudano il convinto desiderio di costruire una risposta a impellenti esigenze; sovente a colare è solo odio personale (questo è, null'altro), alla faccia di chi va in giro a dire che in fin dei conti è amico di tutti ma poi ti annienta su Facebook. Quanto succederà a Bellinzona è che grazie alla logica dei numeri l’opposizione avrà la vita un po’ più facile di prima, forse anche con l’appoggio strategico del Ppd che potrà ora smarcarsi più facilmente facendo da ago della bilancia laddove la maggioranza Plr-Sinistra mostrerà qualche scricchiolio. Ma se vera opposizione vuol essere, allora dovrà anche combaciare con una crescita qualitativa della stessa, che andrà ricercata nell'attento lavoro in seno alle commissioni del Legislativo e sul piano della propositività vera. Non quella ostentata al solo fine di farsi bocciare improbabili mozioni o emendamenti, ma organizzata per uscire dalle sabbie mobili e trovare soluzioni praticabili.

Il primo importante dossier che la politica cittadina di Branda o Gianini dovrà affrontare è quello delle finanze comunali che a partire dal preventivo 2021 e dall’imminente consuntivo 2020 si prospettano da profondo rosso, anche a causa delle crescenti spese imposte dall’alto e per l'avanzare di servizi locali apprezzati dalla popolazione ma che hanno un prezzo. Un quadro della situazione è atteso dopo l'estate, soluzioni nel corso dell'autunno. Il capitale proprio nel frattempo lievitato oltre i 50 milioni, che dovrebbe servire a finanziare i tanto attesi progetti strategici, non potrà che rappresentare una parte della soluzione. L’altra dovrà arrivare dai cervelli che i bellinzonesi hanno votato questa domenica. Dalle sette teste che alloggeranno nella stanza dei bottoni e soprattutto dalle 60 che siederanno presto nella rinnovata sala del Consiglio comunale dotata della migliore tecnologia. Detto molto prosaicamente: stop alla guerriglia e puntare al concreto, evitando di fare la figura della cittadella che non sa guardare oltre la propria murata sebbene si dichiari grande.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bellinzona opposizione
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved