hans-k-ng-la-dedizione-alla-verita
Vito Mancuso (sx) e Hans Küng (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Il commento
14 ore

La normalità di un Festival che doveva fare festa

Se già il Concorso ufficiale non ha luce, altri film sono destinati al buio. E non basta la Piazza, forse servirebbe una spiaggia, come fa Cannes
Commento
20 ore

Presidente, che ne dice di ‘Solarissimo’?

Marco Solari ha regnato più di Raimondo Rezzonico, ma ‘il presidentissimo è solo lui’ (e ‘Solarissimo’ fa troppo Megadirettore: si accettano proposte)
Commento
3 gior

L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate

Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
4 gior

Bruce Springsteen ha perso la voce

Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
5 gior

Lugano senza Borradori, un anno dopo

La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
6 gior

Carlo Calenda, il guastatore

L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
6 gior

Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali

Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
1 sett

Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni

I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
1 sett

L’Ucraina e le ambiguità del Papa

Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
1 sett

È il carovita, bellezza!

La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
1 sett

Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’

‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
1 sett

Taiwan, sdraiata su una mina

La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
Locarno75
1 sett

Un Film Festival à la carte: comincia l’avventura

Oggi, in una rassegna, non contano solo i film, ma anche le comparse su più o meno rossi tappeti. Eppure, la selezione di quest’anno è degna di curiosità
Commento
2 sett

Neutralità non è star sopra un albero

Questo primo d’agosto, dopo stranieri e cittadini radical chic, la destra si è trovata un nuovo nemico: quelli che ‘tradiscono’ la neutralità svizzera
il commento
2 sett

Il Covid muta, la Cina no

Su Science i dati che mostrano come la pandemia sia nata nei mercati di Wuhan, ma a Pechino – dove tutto tace – nessuno vuole cambiare regole e abitudini
Commento
2 sett

Basta un complimento alla ragazza sbagliata e parte la rissa

Settecento procedimenti penali contro minorenni nei primi sei mesi dell’anno è un record. I nuovi volti della violenza giovanile
Commento
2 sett

Quando ‘le mie cose’ ci imponevano i calzoncini

Il ciclo mestruale pare sdoganato dalla recente presa di posizione di alcune sportive preoccupate dal bianco delle loro divise
Il ricordo
laR
 
10.04.2021 - 10:16
di Vito Mancuso

Hans Küng, la dedizione alla verità

Più di libertà e indipendenza, care a ogni svizzero, è ciò che ha fatto di lui non solo l’eminente teologo, ma anche uno degli intellettuali più ascoltati.

La Chiesa si accorse presto delle doti straordinarie di Hans Küng: dopo gli studi a Roma e a Parigi lo nominò a soli 32 anni professore ordinario presso la Facoltà di teologia cattolica di Tubinga, il centro più importante della teologia tedesca. Era il 1960 e due anni dopo si apriva il Vaticano II dove Küng venne chiamato come consulente teologico, il più giovane partecipante all’assise conciliare. Che cosa portò allora questo teologo e sacerdote che aveva davanti a sé possibilità di carriera non minori di quelle di Joseph Ratzinger (di un anno maggiore, ma chiamato a Tubinga per la docenza proprio da Küng), a criticare sempre più spesso la Chiesa tanto da indurre nel 1979 Giovanni Paolo II a revocargli la qualifica di teologo cattolico? La risposta suona paradossale: la volontà di essere veramente cattolico. L’aggettivo greco katholikós significa infatti “universale” e a questo Küng mirò da sempre: a unire il più possibile gli esseri umani. Egli non volle essere cattolico-romano, ma più genuinamente cattolico-universale, cioè uomo tra gli uomini, a servizio del bene del mondo.

Operante in paesi a forte presenza protestante come la nativa Svizzera e la Germania, Küng volle anzitutto contribuire all’unità tra cattolici e protestanti e in questa prospettiva elaborò la tesi di dottorato sulla dottrina della giustificazione in Karl Barth, dando poi vita a una speciale disciplina teologica, la teologia ecumenica.

La volontà di dialogo lo spinse ad affrontare con rigore il pensiero laico in quanto negazione di Dio: è del 1978 uno dei suoi libri più belli, “Dio esiste? Risposta al problema di Dio nell’età moderna”, dove in mille pagine discute le obiezioni dei diversi ateismi. Affrontò il nodo fede-scienza con “L’inizio di tutte le cose” del 2005. Fu sempre il richiamo dell’universalità a condurlo allo studio delle grandi religioni: pubblicò “Cristianesimo e religioni universali”, “Cristianesimo e religiosità cinese”, “Ebraismo”, “Islam”, saggi ponderosi e leggibilissimi tradotti in tutto il mondo. Al 1990 risale il “Progetto per un’etica mondiale”, da cui pochi anni dopo sorse la Stiftung Weltethos, “Fondazione per l’etica mondiale”. Küng si occupò anche di etica ed economia dando un contributo alla prefigurazione di quella terza via tra liberismo e comunismo che cerca di coniugare redditività e giustizia.

Ma cosa vide di problematico in tutto questo immenso lavoro il Magistero cattolico? La risposta è semplice: la libertà. La libertà con cui Küng procedeva era sentita come una pericolosa minaccia alla stabilità dell’istituzione. La questione si fece rovente nel 1970 con la pubblicazione di “Infallibile?” con cui Küng sfidava il dogma dell’infallibilità pontificia. Si aggiunsero altri motivi di dissenso: la funzione della gerarchia, i criteri delle nomine episcopali, il ruolo della donna, la sessualità, l’eutanasia, il celibato sacerdotale, la libertà della ricerca teologica. E fu così che Giovanni Paolo II lo mise fuori squadra.

Küng non cessò mai di sentirsi pienamente cattolico ma non fece mai coincidere la sua fede con l’appartenenza ecclesiale, e nel 2011 giunse radicalmente a chiedersi: “Ist die Kirche noch zu retten?, “La Chiesa può ancora essere salvata?”, purtroppo tradotto in italiano con il blando esortativo “Salviamo la Chiesa”.

Grazie all’intelligenza, al lavoro e alla preparazione linguistica che lo faceva parlare con disinvoltura varie lingue tra cui un italiano pressoché perfetto, Küng è stato il più influente teologo cattolico del nostro tempo. La sua opera si può descrivere come dotata di queste caratteristiche: 1) grande capacità teoretica: oltre che teologo, egli è stato anche filosofo, come già Agostino, Tommaso d’Aquino, Cusano, von Balthasar, Panikkar; il saggio più alto della sua maestria filosofica è il monumentale studio sul pensiero teologico di Hegel; 2) grande capacità sistematica: nelle sue opere principali rivive il genere delle Summae medievali con quella organizzazione della materia in modo didatticamente chiaro e gerarchicamente configurato, particolarmente preziosa oggi quando abbondano le analisi ma scarseggiano le visioni d’insieme; 3) grande capacità espositiva: Küng è stato un saggista di successo a livello mondiale, il suo stile, mai ermetico ma sempre attento al lettore, corrispondeva perfettamente alla sua innata gentilezza e amabilità; 4) grande onestà intellettuale: Barth un giorno gli scrisse “mi piace considerarla in tutto il suo modo di agire un israelita in quo dolus non est”, chiaro riferimento alle parole di Gesù che definiva Natanaele “un israelita in cui non c’è falsità”.

Questo è ciò che ha fatto di Küng non solo l’eminente teologo di cui si è detto, ma anche uno degli intellettuali più ascoltati a livello mondiale, con 16 lauree onorifiche e riconoscimenti in tutti i continenti.

Quanto a me, è stato l’incontro con un suo libro che mi spinse a studiare teologia. Ricordo ancora l’entusiasmo con cui (persino a scuola nelle ore che non mi interessavano) procedevo nella lettura di “Dio esiste?”. Leggevo, e come un adolescente sempre necessariamente alla ricerca di sé, sentivo che stavo trovando la mia strada e che avrei voluto anch’io dedicare la mia vita a quelle ricerche. Küng ha rappresentato per me la bellezza della teologia, l’onestà intellettuale, la lotta per la libertà. Ma persino di più della libertà e dell’indipendenza a lui tanto cara come a ogni svizzero, Küng ha rappresentato per me la dedizione alla verità. Solo così, infatti, si può essere teologi: amando la verità più della stessa libertà. Nutrendo la convinzione e il sentimento che la libertà si vuole dedicare alla verità. Ma attenzione: qui non si tratta della verità come dogma, ma della verità come energia che unisce e che spinge all’abbraccio, cioè come amore.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
hans küng vito mancuso
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved