ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen

Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
La formica rossa
2 gior

Bum! Bal(l)istica elettorale

L’ennesima trovata di Nussbaumer e No Vax assortiti preferisce non prendere le armi, ‘per intanto’
Commento
2 gior

La metamorfosi del franco: da kriptonite ad acquasanta

Di fronte al rialzo dei tassi deciso dalla Bns potremmo ripetere: ‘Jusqu’ici tout va bien’. Ma il problema non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio
il commento
3 gior

Il grande ricatto di Putin

Con la mobilitazione parziale la guerra entra in casa di milioni di russi. Washington è convinta che il tempo giocherà contro il leader del Cremlino
Commento
4 gior

Valera è la cosa giusta

Tagliare il traguardo del Puc ha richiesto tempo e coraggio. Anche quello di resistere alle lusinghe delle lobby
Commento
5 gior

Rito dunque sono

Siamo in molti a lasciarci suggestionare dal rituale del saluto alla Regina per la sua capacità di stimolare un senso di riconoscimento trasversale
Commento
6 gior

Putin: troppo piccolo per il Grande Gioco

Il summit di Samarcanda ha rivelato tutte le crepe nelle relazioni tra la Russia, la Cina e gli altri aspiranti a un ‘nuovo ordine mondiale’
Commento
1 sett

Erdogan e il gioco delle tre carte

Erdogan si schiera ambiguamente un po’ con tutti, a seconda di quel che gli conviene. Un equilibrismo che nasconde nuove mosse, anche in Europa
Commento
1 sett

L’isola delle rose

Di ‘Candle in the Wind 1997’ è già stato scritto? E di Elisabetta II che chiede a Eric Clapton ‘anche lei suona la chitarra?’...
laR
 
01.04.2021 - 05:25
Aggiornamento: 16:21

Elezioni, l’opaco siero dei candidati indebitati

A chi rincorre una poltrona viene richiesto il casellario giudiziale ma non l’estratto dell'Ufficio esecuzione e fallimenti

elezioni-l-opaco-siero-dei-candidati-indebitati
Ti-Press
E non si è più così liberi

Pensiamo a partiti e movimenti in corsa per le comunali come a un grande, candido bacino di latte ancora caldo di mungitura. Se vogliamo farne un formaggio elettoralmente commestibile, il primo passo è aggiungervi del caglio, che ci piace immaginare come il periodo compreso fra la formazione delle liste e la prima parte della campagna elettorale, con tutti i suoi colpi di scena, gli altarini, le notizie vere e/o simil-vere, quelle indotte, date trasversalmente in pasto alla stampa nella speranza che possano essere funzionali al proprio successo e all'insuccesso dell'altro.

Il risultato non potrà che essere una sostanza gelatinosa – la cagliata – che nel nostro caso sono le liste definitive per Municipi e Consigli comunali così come partiti e movimenti hanno deciso di presentarcele; liste sì più o meno presentabili, ma tuttavia ancora imperfette per il semplice fatto che certi “dettagli”, per miopia o leggerezza, emergono (se va bene) soltanto dopo. Tutti, o quasi, ci siamo scandalizzati per la candidata democentrista capriaschese con dichiarate simpatie nazifasciste e per il suo omologo locarnese cacciato su due piedi dalla Lega dopo un orripilante “post” su tre dittatori in fondo non poi così cattivi. Per fortuna nei loro ingranaggi è finito qualche sassolino e al macchinario si è accesa una spia. “Blink blink: attenzione!”: un segnale rivolto a noi elettori, ma anche agli stessi partiti, dei quali emerge il fallimento nel primo e importantissimo compito di filtro. È vero che la penuria di candidati è problema comune e trasversale, ma lo è altrettanto che questa scarsità dipenda anche dal contesto politico e partitico, determinato in primo luogo da chi, militando, lo caratterizza. Il classico cane che si morde la coda.

Non bastasse, nella grande cagliata delle liste continua a rimanere indisturbato un siero opaco come la popolosa categoria che rappresenta: quella dei candidati fortemente indebitati. Nell'estratto dell'Ufficio esecuzione e fallimenti (Uef) di un aspirante municipale contiamo oltre 30 attestati di carenza beni. Totale degli scoperti: oltre 350mila franchi. Decine e decine di fornitori lasciati lì, con il naso in mezzo agli occhi. Problemi suoi (e loro), si dirà. Vero, ma anche nostri. Perchè essere oberati dai debiti significa non essere liberi. Nella gestione della cosa pubblica, una discriminante fondamentale. La Legge sull'esercizio dei diritti politici richiede già l'estratto del casellario giudiziale. Perché non unirvi quello dell'Uef? A che pro continuare ad accettare che chi non è in grado di gestire se stesso possa esprimere le sue tare nell'ente pubblico, a nostro nome?

Insomma, per ottenere un prodotto finale come si conviene il caglio preventivo necessario è costituito da una parte da una ritrovata presa di coscienza degli schieramenti rispetto al grande tema della credibilità, e dall'altra dall'introduzione di un requisito squisitamente economico che funga da primo setaccio. Quella che ci ritroveremo davanti sarà forse una ricottina che non avrà il gusto di un Camembert, ma apparirà sicuramente più candida, fresca e appetibile. Magari ancora un po' insipida, nell'insieme. Ma il condimento lo sceglieremmo comunque sempre noi. Andando a votare.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved