le-emozioni-dello-sport-vanno-condivise
Keystone
+2
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Il commento
15 ore

Polizia, il Tribunale federale consolida la legge ticinese

Il loro ricorso è stato respinto, ma i due giuristi hanno fatto bene a sottoporre al vaglio dei giudici di Mon Repos l'importante e delicata revisione normativa
il commento
1 gior

Medici, Corona e... tutti allenatori

Dallo scetticismo che aleggia fra medici e infermieri all'obbligatorietà vaccinale imposta già in diverse nazioni per eventi o frequentazioni
Commento
3 gior

Eh già... Angelone è ancora qua

Dopo la cessione sfumata qualche settimana fa, Renzetti è pronto per la sua dodicesima stagione da numero uno del Lugano, la decima da proprietario del club
Commento
3 gior

Olimpia e il prezzo della felicità

Dopo decenni in cui ci si doveva fare largo a gomitate per aggiudicarsi i Giochi, il ricordo dei deficit finanziari pare raffreddare gli entusiasmi
L'analisi
4 gior

Nord Stream 2, l'equilibrio gassoso

Joe Biden e Angela Merkel si sono accordati: il gasdotto sotto al mar Baltico tra Russia e Germania verrà presto completato. Tutti contenti?
Gallery
Commento
5 gior

Tokyo 2020, comunque vada sarà memorabile

Domani la cerimonia d'apertura inaugura la 32esima edizione dei Giochi olimpici estivi: quelli rinviati, senza pubblico e senza leggende. Ma con sei ticinesi
Commento
6 gior

Il tempo sospeso dei reduci del G8

Vent'anni dopo la polizia continua imperterrita a menare le mani giustificata da una parte politica. Dall'altra parte le certezze intoccabili di chi manifestò
Commento
1 sett

La memoria di Vigino non ha prezzo (o forse sì)

La Masseria di Castel San Pietro rischia di scomparire. E stavolta non è colpa delle ruspe dei cementificatori
Commento
1 sett

Cuba e il fantasma della libertà

Il fronte filo cubano preferisce lo stereotipo rassicurante, perché non accetta la constatazione che da decenni in quell’isola la popolazione aspira ad altro
Commento
1 sett

La Guerra Fredda riscaldata

Telefoni rossi, muri e le liti su Cuba a colpi di 'imperialisti' e 'comunisti'. Il mondo diviso in blocchi torna di moda come la musica anni 80
Commento
 
23.02.2021 - 06:000

Le emozioni dello sport vanno condivise

Gioia e orgoglio per una medaglia o una vittoria vanno liberate e date in pasto alla gente, parte integrante dello strano mondo denominato sport

I Mondiali di sci l’hanno incoronata regina delle nevi, il mondo ne ha celebrato la grandezza, esaltandone a giusto titolo le incredibili prestazioni. Lara Gut-Behrami, ticinese e rossocrociata, è l’espressione straordinaria dell'eccellenza di un Cantone che assurge a scadenze regolari agli onori della cronaca sportiva ai massimi livelli. Forte di una tradizione di trionfi internazionali che la 29enne sciatrice ha saputo onorare, dall’alto di un talento minato dagli infortuni, da qualche legittimo dubbio lungo un percorso a volte un po’ tortuoso, ma forgiato e poi temprato dalla scorza dura della campionessa, dal lavoro serio, dall'applicazione e dallo spirito di sacrificio. Doti non scontate, riservate a pochi privilegiati. Tutte qualità che sono richieste agli sportivi affinché riescano a primeggiare, a passare al livello superiore; da campioni a veri e propri fuoriclasse.

Lara questo salto l’ha fatto, ma l’impressione che ha lasciato dopo il trionfo in superG e il bronzo in discesa è stato di soddisfazione solo relativa, presto rientrata. Solo un'impressione? Per forza, no? Orgoglio, soddisfazione, pazza gioia, non sono emozioni facili da contenere. Deve pur averle provate, Lara, è normale che sia così. In cuor suo ha sicuramente pianto di gioia, esultato e fatto piroette sulla neve, ma è riuscita a non darlo a vedere. Zampilli di un’emotività più genuina si sono visti dopo la medaglia in gigante, quella più attesa, più anelata. Più chimera che obiettivo, non molto tempo fa. Quell’oro l’ha un po’ sbloccata.

Ora, la stessa ticinese ha più volte ribadito come la sua crescita l'abbia portata a dare il giusto peso a una vittoria, di fronte alla consapevolezza della donna che è diventata e al significato di valori quali la famiglia che giustamente antepone a una medaglia. Tuttavia, è un peccato che tale processo l’abbia portata a privare gli appassionati di una gioia che invece andrebbe condivisa. Le emozioni sono l'essenza stessa dello sport, unitamente ai risultati che le scatenano. Condividerle appieno, sfogandole anche pubblicamente, pur senza esagerare, è quanto di più bello ci dovrebbe essere. O no? Anche a mezzo stampa, perché no, con una diffusione più su larga scala del Lara-pensiero, con un occhio di riguardo al territorio di riferimento di cui si ha il privilegio di essere un’eroina, grazie allo sport. Certe emozioni non ripagano forse per tutti i sacrifici fatti, dando un senso al lavoro che si è svolto tutti i giorni, a costo anche di non pochi sacrifici? Passi per la scala dei valori che al primo posto non prevede un titolo sportivo, bensì cose meno effimere, tuttavia il campione lavora per primeggiare, per vincere, per superare se stesso. Sorretto, in questo sforzo, dalla passione della gente. In uno sforzo quasi condiviso che al termine, in caso di esito positivo, dovrebbe essere un privilegio celebrare tutti assieme. Uscendo, per un attimo, perché no, dal proprio schema comportamentale. Lasciarsi andare un po’ nulla toglie alla levatura morale. Giusto il tempo di godersi appieno la gloria alla quale si è lavorato tanto. Parliamo pur sempre di sport, di ricerca della vittoria, di carriere impostate sull’ottenimento di risultati importanti. Sarà anche effimera, la gloria, ma merita di essere condivisa, quando arriva. Lo prevede lo sport. Il giusto, senza esasperazioni. Ma nemmeno trattenendola tutta in cuor proprio.

Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved