le-emozioni-dello-sport-vanno-condivise
Keystone
+2
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Il giovane Holden, il Ticino Club e ‘allora le foibe?’

Molino, lavoro, TiSin: a ogni casino che scoppia in questo cantone, i responsabili rispondono parlando d’altro
Commento
2 gior

Il ‘Back in the U.S.S.R.’ di Morisoli e Pamini

Il piano quinquennale dell’Udc: ridurre le tasse ai più abbienti e raggiungere l’equilibrio fiscale a suon di tagli. Ipocrisia? No, lotta distributiva
La formica rossa
3 gior

La volpe, il principe e la truffa del falso nipote

Una storia triste che dimostra come in Ticino, quando si affaccia un emulo di Tewanna Ray, c’è sempre qualcuno che ci casca
Commento
4 gior

I luoghi comuni certificati Unesco

La lista dei patrimoni immateriali era nata per salvare culture morenti, ma da qualche tempo entrano pizze, tango, baguette e chiacchiere all’aperto
La formica rossa
4 gior

Calo demografico, parlare di salari è così brutto?

Di soluzioni dalla politica se ne sentono di ogni: fantasiose o più concrete. Basterebbe pagare stipendi dignitosi, al netto di tante chiacchiere
IL RICORDO
5 gior

Il ‘monello’, uno degli ultimi tenori

Alex Pedrazzini ha dato il meglio di sé come consigliere di Stato, alla testa del Dipartimento delle Istituzioni
Commento
5 gior

‘Sciur padrun’ di ieri e di oggi

Dalle mondine in poi i tempi non sono cambiati. Non quando si parla di lavoro e salari degni come capita nel Mendrisiotto
Commento
6 gior

La sfida polacca

Varsavia rilancia il ‘Polexit’ con una sentenza del suo Tribunale costituzionale. Ma la stragrande maggioranza dei cittadini vuole restare nell’Ue
Commento
1 sett

La doppia morale di San Saviano da Facebook

Il recente blackout dei social ha portato tanti a criticare le piattaforme sulle piattaforme stesse, generando paradossali cortocircuiti
Commento
1 sett

Lugano, tandem Foletti-Badaracco: sia davvero una svolta

Pur legittima la candidatura di Quadri, appare sensata la decisione della maggioranza del Municipio sul vicesindacato. Si rifletta ora in azioni concrete.
Commento
 
23.02.2021 - 06:000

Le emozioni dello sport vanno condivise

Gioia e orgoglio per una medaglia o una vittoria vanno liberate e date in pasto alla gente, parte integrante dello strano mondo denominato sport

I Mondiali di sci l’hanno incoronata regina delle nevi, il mondo ne ha celebrato la grandezza, esaltandone a giusto titolo le incredibili prestazioni. Lara Gut-Behrami, ticinese e rossocrociata, è l’espressione straordinaria dell'eccellenza di un Cantone che assurge a scadenze regolari agli onori della cronaca sportiva ai massimi livelli. Forte di una tradizione di trionfi internazionali che la 29enne sciatrice ha saputo onorare, dall’alto di un talento minato dagli infortuni, da qualche legittimo dubbio lungo un percorso a volte un po’ tortuoso, ma forgiato e poi temprato dalla scorza dura della campionessa, dal lavoro serio, dall'applicazione e dallo spirito di sacrificio. Doti non scontate, riservate a pochi privilegiati. Tutte qualità che sono richieste agli sportivi affinché riescano a primeggiare, a passare al livello superiore; da campioni a veri e propri fuoriclasse.

Lara questo salto l’ha fatto, ma l’impressione che ha lasciato dopo il trionfo in superG e il bronzo in discesa è stato di soddisfazione solo relativa, presto rientrata. Solo un'impressione? Per forza, no? Orgoglio, soddisfazione, pazza gioia, non sono emozioni facili da contenere. Deve pur averle provate, Lara, è normale che sia così. In cuor suo ha sicuramente pianto di gioia, esultato e fatto piroette sulla neve, ma è riuscita a non darlo a vedere. Zampilli di un’emotività più genuina si sono visti dopo la medaglia in gigante, quella più attesa, più anelata. Più chimera che obiettivo, non molto tempo fa. Quell’oro l’ha un po’ sbloccata.

Ora, la stessa ticinese ha più volte ribadito come la sua crescita l'abbia portata a dare il giusto peso a una vittoria, di fronte alla consapevolezza della donna che è diventata e al significato di valori quali la famiglia che giustamente antepone a una medaglia. Tuttavia, è un peccato che tale processo l’abbia portata a privare gli appassionati di una gioia che invece andrebbe condivisa. Le emozioni sono l'essenza stessa dello sport, unitamente ai risultati che le scatenano. Condividerle appieno, sfogandole anche pubblicamente, pur senza esagerare, è quanto di più bello ci dovrebbe essere. O no? Anche a mezzo stampa, perché no, con una diffusione più su larga scala del Lara-pensiero, con un occhio di riguardo al territorio di riferimento di cui si ha il privilegio di essere un’eroina, grazie allo sport. Certe emozioni non ripagano forse per tutti i sacrifici fatti, dando un senso al lavoro che si è svolto tutti i giorni, a costo anche di non pochi sacrifici? Passi per la scala dei valori che al primo posto non prevede un titolo sportivo, bensì cose meno effimere, tuttavia il campione lavora per primeggiare, per vincere, per superare se stesso. Sorretto, in questo sforzo, dalla passione della gente. In uno sforzo quasi condiviso che al termine, in caso di esito positivo, dovrebbe essere un privilegio celebrare tutti assieme. Uscendo, per un attimo, perché no, dal proprio schema comportamentale. Lasciarsi andare un po’ nulla toglie alla levatura morale. Giusto il tempo di godersi appieno la gloria alla quale si è lavorato tanto. Parliamo pur sempre di sport, di ricerca della vittoria, di carriere impostate sull’ottenimento di risultati importanti. Sarà anche effimera, la gloria, ma merita di essere condivisa, quando arriva. Lo prevede lo sport. Il giusto, senza esasperazioni. Ma nemmeno trattenendola tutta in cuor proprio.

Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved