le-emozioni-dello-sport-vanno-condivise
Keystone
+2
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
9 ore

L’eterno declino degli Usa

La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
21 ore

Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata

Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
1 gior

TiSin, la Lega e l’arte della fuga

I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
2 gior

Matignon: trent’anni dopo, una donna

Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
3 gior

Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia

La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
5 gior

A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione

Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
Commento
5 gior

Stampa, di mordacchia in mordacchia

Giornalismo svizzero, da Berna ulteriori restrizioni. Di questo passo l’articolo costituzionale sulla libertà dei media diventerà lettera morta
Commento
6 gior

Lugano, la sinistra riparta da Schönenberger

Positivo che le critiche dell’ex leader abbiano smosso così le acque: giusta la reazione dei vertici cantonali, a Lugano resta molto da fare
Commento
1 sett

Hansjörg Wyss, l’anti-Blocher che si prese il Chelsea

Il magnate bernese ha deciso d’investire 5 miliardi di franchi per mettere le mani sul gioiello calcistico dell’oligarca russo Roman Abramovich
Commento
1 sett

Decreto Morisoli: dicono ‘contenere’, intendono ‘tagliare’

Nelle attuali circostanze costringere lo Stato a raggiungere l’equilibrio fiscale a breve termine è, a rigor di logica, un’assurdità
laR
 
23.02.2021 - 06:00

Le emozioni dello sport vanno condivise

Gioia e orgoglio per una medaglia o una vittoria vanno liberate e date in pasto alla gente, parte integrante dello strano mondo denominato sport

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

I Mondiali di sci l’hanno incoronata regina delle nevi, il mondo ne ha celebrato la grandezza, esaltandone a giusto titolo le incredibili prestazioni. Lara Gut-Behrami, ticinese e rossocrociata, è l’espressione straordinaria dell'eccellenza di un Cantone che assurge a scadenze regolari agli onori della cronaca sportiva ai massimi livelli. Forte di una tradizione di trionfi internazionali che la 29enne sciatrice ha saputo onorare, dall’alto di un talento minato dagli infortuni, da qualche legittimo dubbio lungo un percorso a volte un po’ tortuoso, ma forgiato e poi temprato dalla scorza dura della campionessa, dal lavoro serio, dall'applicazione e dallo spirito di sacrificio. Doti non scontate, riservate a pochi privilegiati. Tutte qualità che sono richieste agli sportivi affinché riescano a primeggiare, a passare al livello superiore; da campioni a veri e propri fuoriclasse.

Lara questo salto l’ha fatto, ma l’impressione che ha lasciato dopo il trionfo in superG e il bronzo in discesa è stato di soddisfazione solo relativa, presto rientrata. Solo un'impressione? Per forza, no? Orgoglio, soddisfazione, pazza gioia, non sono emozioni facili da contenere. Deve pur averle provate, Lara, è normale che sia così. In cuor suo ha sicuramente pianto di gioia, esultato e fatto piroette sulla neve, ma è riuscita a non darlo a vedere. Zampilli di un’emotività più genuina si sono visti dopo la medaglia in gigante, quella più attesa, più anelata. Più chimera che obiettivo, non molto tempo fa. Quell’oro l’ha un po’ sbloccata.

Ora, la stessa ticinese ha più volte ribadito come la sua crescita l'abbia portata a dare il giusto peso a una vittoria, di fronte alla consapevolezza della donna che è diventata e al significato di valori quali la famiglia che giustamente antepone a una medaglia. Tuttavia, è un peccato che tale processo l’abbia portata a privare gli appassionati di una gioia che invece andrebbe condivisa. Le emozioni sono l'essenza stessa dello sport, unitamente ai risultati che le scatenano. Condividerle appieno, sfogandole anche pubblicamente, pur senza esagerare, è quanto di più bello ci dovrebbe essere. O no? Anche a mezzo stampa, perché no, con una diffusione più su larga scala del Lara-pensiero, con un occhio di riguardo al territorio di riferimento di cui si ha il privilegio di essere un’eroina, grazie allo sport. Certe emozioni non ripagano forse per tutti i sacrifici fatti, dando un senso al lavoro che si è svolto tutti i giorni, a costo anche di non pochi sacrifici? Passi per la scala dei valori che al primo posto non prevede un titolo sportivo, bensì cose meno effimere, tuttavia il campione lavora per primeggiare, per vincere, per superare se stesso. Sorretto, in questo sforzo, dalla passione della gente. In uno sforzo quasi condiviso che al termine, in caso di esito positivo, dovrebbe essere un privilegio celebrare tutti assieme. Uscendo, per un attimo, perché no, dal proprio schema comportamentale. Lasciarsi andare un po’ nulla toglie alla levatura morale. Giusto il tempo di godersi appieno la gloria alla quale si è lavorato tanto. Parliamo pur sempre di sport, di ricerca della vittoria, di carriere impostate sull’ottenimento di risultati importanti. Sarà anche effimera, la gloria, ma merita di essere condivisa, quando arriva. Lo prevede lo sport. Il giusto, senza esasperazioni. Ma nemmeno trattenendola tutta in cuor proprio.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lara gut-behrami mondiali di sci
Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved