tony-judt-openlux-e-la-cassaforte-delle-ingiustizie
(Depositphotos)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Il ricordo
6 ore

Hans Küng, la dedizione alla verità

Più di libertà e indipendenza, care a ogni svizzero, è ciò che ha fatto di lui non solo l’eminente teologo, ma anche uno degli intellettuali più ascoltati.
Commento
11 ore

Infermiere stressate e sottopagate

È passato un anno dagli applausi a favore delle infermiere e degli infermieri. Una solidarietà spontanea e sincera, che il mondo politico non ha raccolto
Commento
11 ore

Ma la finanza non impara dagli errori del passato

Il caso Archegos, costato una decina di miliardi di capitale a Credit Suisse, è l’ultimo di una lunga serie di disastri annunciati
Commento
1 gior

In memoria di Hans Küng, lucernese universale

Era “scomodo”, forse perché osava far presente un’etica basata su due semplici principi: quello della reciprocità e quello dell’umanità
Commento
2 gior

Due poltrone per tre

Erdogan 'dimentica' una sedia per la presidente della Commissione europea von der Leyen ad Ankara, ma l’Ue tarda a reagire, dimostrando le solite debolezze
L'analisi
3 gior

La guerra al virus e il ruolo dello Stato

Ora che si intravede la fine della pandemia riprende il dibattito tra il difficile equilibro tra pubblico e privato
Commento
4 gior

Un pezzo di storia che se ne va. Lunga vita alla Valascia!

Calato il sipario sulla stagione 2020/21 dell'Ambrì Piotta, è calato pure quello, definitivo, sulla storica casa dei biancoblù
Commento
1 sett

Spagna-Kosovo: ceci n’est pas une équipe

Madrid ha provato maldestramente a nascondere la partita con la nazionale di calcio kosovara, con effetti tragicomici. Tenendo il piede in due scarpe
Commento
1 sett

Donne che subiscono e stanno zitte, siamo tutti responsabili

Avere più ‘sentinelle’ sul territorio e coraggio civico in un Paese dove ogni due settimane una donna viene uccisa tra le mura domestiche.
Commento
1 sett

Se la satira sul Ticino deve venire da fuori

Uno sketch della tv romanda sui ticinesi 'poveri ma sexy' ha fatto indignare i soliti reazionari. Non stupisce che certe risate qui siano bandite
Commento
22.02.2021 - 06:000
Aggiornamento : 16:24

Tony Judt, OpenLux e la cassaforte delle ingiustizie

Un’inchiesta giornalistica racconta di come il Lussemburgo sia la capitale dell’elusione fiscale: una scappatoia che mette a rischio lo stato sociale di intere nazioni

“Guasto è il mondo”, intitolava il grande storico britannico Tony Judt una sua serie di riflessioni sulla cancrena delle disuguaglianze. L’inchiesta condotta da un consorzio di testate internazionali capeggiata dai quotidiani Le Monde e Süddeutsche Zeitung rivela, dopo altre analoghe indagini degli ultimi anni, quanto, seppur in regime di legalità, la libera concorrenza fiscale stia minando la solidità dei diversi Stati e, in ultima analisi, la vita dei suoi abitanti. Il Welfare, grande conquista di un mondo che da fronti diversi e pur contrapposti, cristiano, marxista, social-liberale, sindacale, si voleva più giusto, è oggi minato nelle sua fondamenta da quello che eufemismi e neologismi vari hanno battezzato “ottimizzazione” o “elusione” fiscale: attenti!, ci ricordano i neo esegeti della finanza pulita, da non confondere con “frode” o “evasione”.

Sì, vero, non sono la stessa cosa. Però l’effetto sulle casse dello Stato è analogo. Meno soldi per l’erario, meno finanze, meno socialità, meno scuole, sanità, trasporti. Più povertà. L‘inchiesta OpenLux mette dunque il dito nella piaga della massiccia fuga legale di ricchezza verso il Granducato del Lussemburgo, micro Stato (più piccolo del Canton Ticino) e gigantesca cassaforte, forziere che trasuda miliardi depositati da società offshore, fondi di investimento, fondazioni. Amazon, Kering, Kfc, ma anche società fantasma senza uffici e dipendenti, create ad hoc e di cui l’inchiesta rintraccia i titolari. Troviamo i vigneti francesi di Angelina Jolie e Brad Pitt, châlet, elicotteri, yacht di 266 miliardari, incappiamo in Tiger Woods o senza sorpresa troviamo il nome del principe ereditario saudita.

Molte società rimangono al momento senza titolari (il lavoro da certosini dei giornalisti ne ha comunque identificati 65mila, tra cui i due terzi delle famiglie francesi più ricche): c’è tutto un mondo che rimane opaco, si adombra il sospetto più che legittimo che lì siano confluiti anche i soldi della mafia russa o di quella italiana.  140mila società, una ogni quattro abitanti del Granducato. Centinaia di miliardi sottratti agli Stati e indirettamente ai cittadini.

Paolo Bernasconi, avvocato da anni in trincea nella battaglia per la trasparenza, ha ricordato (Moby Dick, Rete Due) che negli ultimi dieci anni, con lo scambio automatico di informazioni sulle persone fisiche, si sono fatti notevoli passi avanti. Caduto il segreto bancario, è finita l’epoca del riciclaggio di soldi sporchi (sul quale hanno lucrato molte banche elvetiche). Ma oggi è l’ottimizzazione fiscale a minare il benessere e il bene comune: Stellantis, il colosso che riunisce 14 case automobilistiche (da Fiat a Peugeot, Citroen, Jeep, Abarth, Dodge ecc.) – ricorda lo stesso Bernasconi – è multinazionale di diritto… olandese, registrata dunque in un paese dove non produce nulla.

“La fiducia, la cooperazione, la tassazione progressiva e lo Stato interventista dopo il 1945” – scriveva Tony Judt – “hanno creato sicurezza, prosperità, servizi sociali”. La giungla della finanziarizzazione a partire dagli anni Reagan-Thatcher, con il loro mantra liberista, ci ha riportato a forme brutali di ipercapitalismo. La pandemia e la necessità di farvi fronte economicamente e socialmente dovrebbero ricordarci quanto, al di là delle discettazioni tra elusione legale ed evasione illegale, un’equa fiscalità globale sia la premessa imprescindibile al benessere comune.

© Regiopress, All rights reserved