guerra-ad-alta-quota-per-l-aeroporto
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
8 ore

Dopo aver corso per Totti, ora Tommasi corre per Verona

L’ex calciatore della Roma diventa sindaco alla guida di una lista civica appoggiata dal centro-sinistra. Una figura atipica nella politica italiana
Commento
1 gior

La Corte suprema Usa e i suoi imam

Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
Commento
3 gior

A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)

Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
3 gior

M5S, la diversità di essere uguali

Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
4 gior

Le conseguenze della guerra

Commento
4 gior

Magistratura, se la politica non fa i compiti

Riorganizzazione della Procura: a un anno e mezzo dal mandato conferitole dal Gran Consiglio, dalla commissione ‘Giustizia’ finora nulla di concreto
Commento
5 gior

Calcio femminile a maturazione lenta

I premi provenienti da Fifa e Uefa saranno equiparati per uomini e donne, ma la parità salariale è ancora lontana
Commento
5 gior

Targhe e arte della politica: la vittoria Ppd, la sconfitta Plr

Sulle imposte di circolazione il compromesso i popolari democratici l’hanno raggiunto con la sinistra, non coi liberali radicali. Appunti per il futuro
Commento
6 gior

Giochi di potere a Wimbledon

La politica ha avuto un ruolo nell’esclusione di tennisti russi e bielorussi, Atp e Wta hanno risposto togliendo i punti e inguaiando molti giocatori
Commento
1 sett

Lite Di Maio-Conte, i grillini si sfarinano

Ormai il Movimento 5 Stelle pare condannato alla scissione e a un destino di battibecchi da partitino minore
Commento
1 sett

Ha vinto solo Marine Le Pen

La Francia entra da oggi nell’era della politica liquida, del pericoloso disorientamento e del disincanto: 3 giovani su 4 non si sono recati ai seggi
laR
 
16.02.2021 - 06:00
Aggiornamento: 25.02.2021 - 10:48

Guerra ad alta quota per l'aeroporto

Fra soffiate, ricorsi preannunciati e critiche al Municipio di Lugano si fa burrascosa la rotta verso la gestione privata dello scalo

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Si fa sempre più serrato il braccio di ferro per la gestione privata dell'aeroporto di Lugano-Agno. Avanti così fioccheranno le denunce, non solo i ricorsi contro la scelta del Municipio di Lugano di due gruppi: gli "Amici dell’aeroporto" (capofila Sir Lindsay Owen-Jones rappresentato dall’avvocata Giovanna Masoni Brenni, partecipanti Ceresia Holding Sa e Investindustrial Services Sa facente capo alla famiglia Bonomi rappresentata dall'avvocato Fabio Soldati) e la cordata Marending-Artioli and Partner (Rolf Marending/Stefano Artioli). L'ultimo colpo ci è parso però sotto la cintura.

Il rapporto al 'Caffé', cui prodest?

Parliamo della consegna del rapporto del gruppo di lavoro incaricato dall'esecutivo cittadino di esaminare le sette proposte (poi ridotte a sei per l'unione fra due cordate) giunte dopo 'Call for expression of interest' al 'Caffé' che nell'edizione di domenica ne ha dato ampio risalto. Un colpo addirittura annunciato, stando al sindaco di lugano Marco Borradori, e architettato con l'intento di screditare l'altra cordata che avrebbe avuto un trattamento di favore da parte dell'esecutivo ottenendo una proroga per presentare la richiesta di garanzia finanziaria (10 milioni di franchi a versare su un conto corrente bancario). Per l'imboccata, basta chiedersi cui prodest, o meglio, chi aveva e ha interesse a fare in modo che il rapporto, che aveva indicato gli Amici quale unico gruppo a meritare di essere scelto, diventasse di dominio pubblico? In realtà, spiega il sindaco, il gruppo tecnico ha deciso autonomamente il termine del 18 dicembre, mentre il Municipio, a cui spettano le decisioni politiche, dopo le audizioni ha deciso di concedere cinque giorni al gruppo Marending/Artioli and Partner per fornire la garanzie bancarie. Da parte di quest'ultima cordata, ad aggiungere benzina sul fuoco, sono giunte sul tavolo di Palazzo civico le insinuazioni relative alla parzialità del gruppo di lavoro. Si spera che l'incendio si plachi in vista del coinvolgimento del Consiglio comunale che, lo ricordiamo, sarà chiamato a dare il via libera all'avvio delle trattative con uno o entrambi i gruppi.

L'antefatto e tutti dimenticano Kessel

Intanto, è bene ricordare che i nomi di Sir Lindsay Owen-Jones e di Andrea Bonomi sono emersi pubblicamente manifestando interesse per gestire l'aeroporto nell'ottobre 2019. E lo scalo avrebbero dovuto finire nelle loro mani direttamente. Tanto che nel primo gruppo di lavoro c'erano anche l'avvocata Giovanna Masoni e il sindaco di Lugano Marco Borradori. Prima e dopo quel periodo burrascoso per possibile lancio di un referendum e le polemiche legate ai cinque milioni di franchi di crediti postergati che il Municipio aveva dato alla Lugano Airport Sa (Lasa) senza informare il Consiglio comunale, altri gruppi si sono tuttavia fatti avanti. Fra questi, oltre a Tarchini e Kessel, anche l'imprenditore Stefano Artioli che non ha però pubblicizzato il proprio interesse sui mezzi d'informazione. Per questa ragione il Municipio ha voluto indire la 'Call for expression of interest' e il sindaco e l'avvocata sono usciti dal gruppo di lavoro, nel frattempo ricostituito. In questa vicenda, pare che tutti si siano dimenticati di fare i conti con l'oste, in questo caso pure proprietario: l'imprenditore Dario Kessel che critica entrambi i gruppi e preannuncia battaglia a suon di ricorsi.

 

Leggi anche:

Aeroporto di Lugano, imbarcati due gruppi (su sei)

Lugano, la linea per l'aeroporto è tracciata

Salvare Lugano Airport, spuntano i nomi di tre facoltosi

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aeroporto gestione privata lugano quota ricorsi scalo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved