ULTIME NOTIZIE Opinioni
il commento
9 ore

Tornato Netanyahu, tornate le stragi

Dietro l’escalation di violenza tra israeliani e palestinesi non si può non vedere l’ombra di ‘Bibi’, appena tornato al potere
La formica rossa
2 gior

‘Guerra bbbrutto’

"Esigere la pace" è la presunta soluzione al conflitto in Ucraina di chi si oppone alla consegna dei carri armati a Kiev
IL COMMENTO
2 gior

Soldi finti, pirati veri

Riflessioni sulle dinamiche che, negli ultimi anni, hanno portato al fallimento della squadra rossoblù
IL COMMENTO
3 gior

Lugano sorride alla cultura alternativa. L’ora della svolta?

Diversi segnali positivi, a partire dalla Straordinaria ma non solo, fanno ben sperare nel 2023. La strada è in salita, ci vogliono pazienza e volontà
il commento
4 gior

Carri armati a mezzanotte

La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
4 gior

Le parole della politica (sono importanti)

La sfiducia del Consiglio comunale di Mendrisio nei confronti dei vertici del dicastero Aziende ha portato all’esonero del municipale responsabile
IL COMMENTO
5 gior

La mondina, il carbonaio e la pomata miracolosa

L’ultimo rapporto Ustat conferma il divario del 20% tra salari ticinesi e d’Oltralpe
il commento
6 gior

Jacinda & Jacinta contro il leader testosteronico

Le dimissioni gentili di Jacinda Ardern, un anno dopo l’addio precoce al tennis di Ashleigh Jacinta Barty, sono la risposta al mito dell’infaticabilità
IL COMMENTO
6 gior

Psicoterapia e LaMal, il cerchiobottismo e l’occasione mancata

Le nuove norme sull’assunzione dei costi della psicoterapia sono un passo avanti, ma troppi paletti ne smorzano la portata a detrimento dei pazienti
IL COMMENTO
1 sett

Neutralità tra coerenza e opportunismo

Tra neutralità e indifferenza, così come tra equidistanza e codardia, tra coerenza e camaleontismo il confine è labile
laR
 
16.02.2021 - 06:00
Aggiornamento: 25.02.2021 - 10:48

Guerra ad alta quota per l'aeroporto

Fra soffiate, ricorsi preannunciati e critiche al Municipio di Lugano si fa burrascosa la rotta verso la gestione privata dello scalo

guerra-ad-alta-quota-per-l-aeroporto

Si fa sempre più serrato il braccio di ferro per la gestione privata dell'aeroporto di Lugano-Agno. Avanti così fioccheranno le denunce, non solo i ricorsi contro la scelta del Municipio di Lugano di due gruppi: gli "Amici dell’aeroporto" (capofila Sir Lindsay Owen-Jones rappresentato dall’avvocata Giovanna Masoni Brenni, partecipanti Ceresia Holding Sa e Investindustrial Services Sa facente capo alla famiglia Bonomi rappresentata dall'avvocato Fabio Soldati) e la cordata Marending-Artioli and Partner (Rolf Marending/Stefano Artioli). L'ultimo colpo ci è parso però sotto la cintura.

Il rapporto al 'Caffé', cui prodest?

Parliamo della consegna del rapporto del gruppo di lavoro incaricato dall'esecutivo cittadino di esaminare le sette proposte (poi ridotte a sei per l'unione fra due cordate) giunte dopo 'Call for expression of interest' al 'Caffé' che nell'edizione di domenica ne ha dato ampio risalto. Un colpo addirittura annunciato, stando al sindaco di lugano Marco Borradori, e architettato con l'intento di screditare l'altra cordata che avrebbe avuto un trattamento di favore da parte dell'esecutivo ottenendo una proroga per presentare la richiesta di garanzia finanziaria (10 milioni di franchi a versare su un conto corrente bancario). Per l'imboccata, basta chiedersi cui prodest, o meglio, chi aveva e ha interesse a fare in modo che il rapporto, che aveva indicato gli Amici quale unico gruppo a meritare di essere scelto, diventasse di dominio pubblico? In realtà, spiega il sindaco, il gruppo tecnico ha deciso autonomamente il termine del 18 dicembre, mentre il Municipio, a cui spettano le decisioni politiche, dopo le audizioni ha deciso di concedere cinque giorni al gruppo Marending/Artioli and Partner per fornire la garanzie bancarie. Da parte di quest'ultima cordata, ad aggiungere benzina sul fuoco, sono giunte sul tavolo di Palazzo civico le insinuazioni relative alla parzialità del gruppo di lavoro. Si spera che l'incendio si plachi in vista del coinvolgimento del Consiglio comunale che, lo ricordiamo, sarà chiamato a dare il via libera all'avvio delle trattative con uno o entrambi i gruppi.

L'antefatto e tutti dimenticano Kessel

Intanto, è bene ricordare che i nomi di Sir Lindsay Owen-Jones e di Andrea Bonomi sono emersi pubblicamente manifestando interesse per gestire l'aeroporto nell'ottobre 2019. E lo scalo avrebbero dovuto finire nelle loro mani direttamente. Tanto che nel primo gruppo di lavoro c'erano anche l'avvocata Giovanna Masoni e il sindaco di Lugano Marco Borradori. Prima e dopo quel periodo burrascoso per possibile lancio di un referendum e le polemiche legate ai cinque milioni di franchi di crediti postergati che il Municipio aveva dato alla Lugano Airport Sa (Lasa) senza informare il Consiglio comunale, altri gruppi si sono tuttavia fatti avanti. Fra questi, oltre a Tarchini e Kessel, anche l'imprenditore Stefano Artioli che non ha però pubblicizzato il proprio interesse sui mezzi d'informazione. Per questa ragione il Municipio ha voluto indire la 'Call for expression of interest' e il sindaco e l'avvocata sono usciti dal gruppo di lavoro, nel frattempo ricostituito. In questa vicenda, pare che tutti si siano dimenticati di fare i conti con l'oste, in questo caso pure proprietario: l'imprenditore Dario Kessel che critica entrambi i gruppi e preannuncia battaglia a suon di ricorsi.

 

Leggi anche:

Aeroporto di Lugano, imbarcati due gruppi (su sei)

Lugano, la linea per l'aeroporto è tracciata

Salvare Lugano Airport, spuntano i nomi di tre facoltosi

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved