laRegione
le-magie-della-politica
Giorgio Galli (foto Wikimedia commons)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
18 ore

America the Beautiful, una nazione per tutti

Detto alla JLo, americana di Portorico: 'Una nación, bajo Dios, indivisible, con libertad y justicia para todos'. Nativi inclusi (loro sì che sono del posto).
Commento
1 gior

Conte e i trasformisti della politica italiana

Il presidente del Consiglio simbolo di un modo di fare politica che cambia con il solo scopo di lasciare tutto così com'è, preservando il potere
L'analisi
2 gior

La giardinetta un po’ ammaccata dello zio Joe

Qualche pensierino su cosa potremmo aspettarci, adesso che Trump è fuori dalla Casa Bianca e abbiamo un 78enne e una donna a lavorare in tandem
Commento
2 gior

Lugano prende a calci il dibattito

Polo sportivo e degli eventi: Consiglio comunale con le spalle al muro mentre l'aeroporto vola verso i privati e la pandemia colpisce le finanze pubbliche
Commento
2 gior

Passaporto vaccinale, per ora di necessario c’è il dibattito

Per Manuele Bertoli è urgente introdurre un lasciapassare immunologico per il Covid. Ma ci sono controindicazioni pratiche ed etiche
Commento
3 gior

Spiare il cellulare del partner e la coppia scoppia

Ossessive forme di controllo che possono venir scambiate per manifestazioni di affetto, ma in realtà sono fastidiose invasioni dell’intimità altrui
L'analisi
4 gior

Social, ipocrisia e doveri della politica

La mancata trasparenza sulla fattura dei vaccini come l'immunita per messaggi diffamatori sui social chiamano in causa le responsabilità della politica.
Sguardo a Nord
4 gior

Vecchi vaccini, nuovi vaccini

Quando un buon libro diventa un toccasana per la mente e lo spirito in tempo di pandemia
Commento
6 gior

Negozi chiusi e scuole aperte (per la salvaguardia di tutti)

La scuola, soprattutto in questo momento così delicato, è il principale ‘antidoto’ per i nostri giovani contro il Covid
DISTRUZIONI PER L’USO
6 gior

Partire da Arbasino per spiegare Renzi (o almeno provarci)

Non è che certe rivendicazioni del Bomba siano sbagliate, anzi. Il problema è che quel bischero si crede Gesù
Commento
1 sett

Rsi e il cambio di rotta del progetto Lyra

Niente più 90% musica 10% parlato, nel futuro di Rete Due. Una vittoria per chi era preoccupato per il ripensamento dell'offerta audio Rsi?
Commento
1 sett

Sedicenti onnipotenti a Palazzo di giustizia

La riammissione dei praticanti nei processi ci porta a una serie di riflessioni e soprattutto di domande sul Tribunale penale cantonale
Commento
1 sett

L'azzardo secondo Matteo

A Matteo Renzi non riesce l'azzardo, e in caso di elezioni a giugno rischia la débâcle. Ma la paura dei parlamentari di perdere il seggio potrebbe salvarlo
Commento
1 sett

Un mini lockdown per evitare una terza ondata

Per mitigare gli effetti economici negativi la Confederazione allenta i criteri di accesso ai fondi per i casi di rigore. Potrebbe non bastare, però
IL RICORDO
04.01.2021 - 06:050

Le magie della politica

Lo scorso 27 dicembre è morto a Camogli Giorgio Galli, noto storico e accademico italiano

Giorgio Galli (1928-2020) è stato un instancabile esploratore della galassia politica. Storico, sociologo e politologo, ha fornito rilevanti contributi in svariati campi, per approdare, negli ultimi anni della sua vita, all’analisi dei buchi neri in cui operano i poteri globali. Iniziò ad occuparsi dei partiti nel secondo dopoguerra: monografie sulle tre formazioni principali (Dc, Pci, Psi), per poi passare all’analisi dei meccanismi elettorali ed istituzionali. Sua la formula del «bipartitismo imperfetto», destinata ad ampia fortuna, in cui Galli illustrava l’eccezionalità del sistema politico italiano, una costellazione dominata dalla Dc e dal Pci che però – per ragioni interne ed esterne – non dava mai luogo ad una reale alternanza alla guida della repubblica. Seguirono saggi, sempre pubblicati dal Mulino, come Il difficile governo (1972) e Dal bipartitismo imperfetto alla possibile alternativa (1975) in cui l’autore s’impegnava a prospettare una via d’uscita dai vicoli ciechi che paralizzavano l’Italia in quella fase.

Se la Dc poteva rimanere incollata al potere – questa la tesi di Galli – era perché la maggior forza d’opposizione, il Partito comunista, non rappresentava veramente un’alternativa agli occhi dell’elettorato. Ai comunisti mancava la necessaria chiarezza, sia sul piano ideologico (a parole ancora rivoluzionari, eredi della tradizione leninista e gramsciana), sia sul piano politico (legame di ferro con l’Unione Sovietica). Era questa ambiguità a rendere impossibile il ricambio alla direzione del paese. Galli aveva sottolineato questo blocco già negli anni Cinquanta nella sua pionieristica storia del Pci: «la dipendenza dall’Urss – il legame di ferro – è sempre stata da me interpretata come un limite alla capacità del Pci di esprimere nella società italiana tutto il potenziale di rinnovamento (talvolta di tipo rivoluzionario e talaltra di tipo riformista) della classe operaia e dei ceti popolari, che hanno trovato nel Pci la loro principale rappresentanza politica».

Anche la stagione della lotta armata ebbe in Galli un osservatore attento e scevro di pregiudizi. In saggi come Storia del partito armato 1968-1982 (1986) e Piombo Rosso (2004) mise in luce la subcultura della violenza maturata negli anni della contestazione giovanile, ma anche la corresponsabilità degli apparati di Stato deviati, le oscure manovre dei servizi, le complicità e i depistaggi. Uno scenario complesso e per molti versi imperscrutabile, che andava ben oltre lo scontro tra lo Stato e le Brigate Rosse: «il partito armato ha potuto resistere e riprendersi nelle varie fasi in parte perché l’insediamento sociale gli forniva quadri e retroterra logistico, ma anche perché, a causa della inadeguatezza del nostro sistema politico e della nostra classe di governo, non si realizzava l’aggregazione del consenso sufficiente a stabilizzare il sistema stesso».

Ma Galli pensava anche ad altro, non soltanto ai temi propri della politologia. La sua curiosità lo portò ad esempio ad occuparsi delle ideologie di destra in Europa, del potere militare, di Hitler e del nazismo magico, del rapporto tra politica ed esoterismo. Argomenti che sorpresero la comunità degli studiosi. Destò stupore, e anche qualche polemica, la decisione di ripubblicare nel 2002 il Mein Kampf di Hitler: un testo che Galli considerava fondamentale per comprendere l’abisso di barbarie in cui la Germania era precipitata dopo il 1933: «Questa riedizione del Mein Kampf – scrisse nella introduzione – ha dunque un triplice significato: il rifiuto etico-intellettuale di ogni tabù e di qualunque forma di censura; la storicizzazione di un testo la cui lettura deve rappresentare un imperituro monito; la denuncia di rimozioni e mistificazioni all’ombra delle quali si vorrebbero legittimare disinvolti quanto pericolosi revisionismi storiografici». L’ampia introduzione e le numerose note esplicative a piè di pagina non lasciavano alcun dubbio sulle intenzioni schiettamente scientifiche del curatore (a lungo vietata, La mia battaglia è stata infine ristampata anche in Germania nel 2016, due volumi muniti di un imponente apparato critico curato dall’Institut für Zeitgeschichte di Monaco-Berlino).

Anche il terzo campo che Galli esplorò con passione non mancò di sconcertare i colleghi cultori della materia: la rivalutazione delle culture tradizionali emarginate dalla rivoluzione scientifica del XVII secolo, ovvero l’astrologia, l’alchimia, la magia. Libri come La magia e il Potere (2004), Stelle rosse. Astrologia neo-illuminista a uso della sinistra (2006) ed Esoterismo e politica (2010) fuoriuscivano dal solco degli approcci canonici: furono perciò catalogati come opere bizzarre ed eccentriche, frutto di una mente bislacca. Sfuggivano ai più gli intrecci sotterranei che Galli intendeva portare in superficie, ossia i rapporti tra storia e mito che nel Novecento, il secolo delle ideologie politiche funeste, avevano irretito le folle, trascinandole nel baratro. Un filone di ricerca originale, che tuttavia non fece breccia nelle riviste politologiche più blasonate della penisola.

© Regiopress, All rights reserved