no-agli-editti-bulgari-anche-in-salsa-ticinese
Giornalisti, tra cronaca e commento (foto Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
3 ore

Migrazione: la norma, la storia di India e gli altri

Nel caso della diciannovenne di Morbio accendere i riflettori è servito. Restano nell’ombra il resto dell’umanità migrante e leggi non sempre eque
Commento
1 gior

Scuola, che si aprano le porte della sperimentazione

Un precoce restringimento delle possibilità, che sia legata al rendimento oppure ai presunti interessi, implica un condizionamento e pertanto va evitato
Commento
2 gior

E vuoi negargli il Quirinale?

Berlusconi le sta provando tutte per diventare presidente della Repubblica italiana, fra trattative poco trasparenti e una rivisitazione della sua vita
Commento
3 gior

Covid-19, lettera a una cugina No Vax

Cara cugina, alle feste sei venuta in volata. C’è chi non ti ha abbracciata e tu ci sei rimasta male, anche se capivi...
Commento
3 gior

Il gennaio maledetto dei maschi alfa

Il 2022 è iniziato male per la sottospecie più proterva, quella incline a violare le regole, per poi pensare di cavarsela con quattro scuse in croce
Commento
4 gior

Tutt’altro che tennis: Djokovic e il sottosuolo dello sport

In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero
Commento
5 gior

Una Regione lunga 30 anni

Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione
Il commento
6 gior

Per causa di forza maggiore

Annullato il visto di Novak Djokovic. Con un verdetto politico che riduce le chance di spuntarla in appello, domani alla Corte federale
il commento
1 sett

È morto Sassoli. Abbasso Sassoli! Viva Sassoli! Viva me!

La reazione alla morte del presidente dell’Europarlamento mette in evidenza la schizofrenia social, tra (auto)santificazioni e orrendi complottismi
Commento
1 sett

I Blues Brothers e il capitalismo accidentale

I licenziamenti presso Dpd dimostrano ancora una volta l’avanzata di un sistema irresponsabile, fomentato dalle voci bianche della deregulation
Commento
1 sett

L’onore perduto di Darius Rochebin

È toccato a Macron il compito di ‘riabilitare’ II giornalista svizzero, detonatore di un’inchiesta su molestie sessuali e mobbing alla Ssr
Commento
1 sett

Una bomba a orologeria chiamata Kazakistan

L’ex repubblica sovietica è uno snodo cruciale a livello economico-energetico e ora anche un termometro della situazione sociale in Asia Centrale
Commento
1 sett

Il Covid, un incubo ricorrente

Già l’anno scorso speravamo di buttarci alle spalle la pandemia. Invece siamo ancora alle prese con varianti e restrizioni, eppure un terzo non si vaccina
 
28.12.2020 - 06:100
Aggiornamento : 17:10

No agli editti bulgari, anche in salsa ticinese

Nomina pp, la commissione parlamentare segnala il collega del Quotidiano alla Corsi. Passo maldestro. La libertà di opinione ci distingue dai regimi totalitari

La maggioranza della commissione ‘Giustizia e diritti’ avrebbe fatto bene a dar seguito al recente auspicio del presidente del Gran Consiglio, invece di segnalare ai piani alti della Rsi il collega del ‘Quotidiano’ Francesco Lepori, reo di aver formulato il 14 dicembre in trasmissione – ma in sede di commento – pareri, evidentemente non graditi dal citato organo parlamentare, riguardanti le nomine dei procuratori pubblici fatte qualche ora prima dal legislatore cantonale. Martedì scorso, intervenendo con un discorso tutt’altro che di circostanza alla cerimonia di dichiarazione di fedeltà dei magistrati eletti alla Costituzione e alle leggi, il primo cittadino del Cantone in carica, Daniele Caverzasio, dopo aver accennato agli “eventi” che hanno contraddistinto in negativo il rinnovo dei mandati in Procura, alludendo anche alla lacunosa procedura adottata dal Consiglio della magistratura, ha invitato “tutti gli attori coinvolti” a voltar pagina e a ritrovare “l’indispensabile serenità istituzionale” per affrontare l’agognata riforma del Ministero pubblico. Cominciamo male, purtroppo. Il giorno di Natale arriva nelle redazioni un comunicato in cui la ‘Giustizia e diritti’ annuncia di aver appunto segnalato il cronista del ‘Quotidiano’ al Consiglio regionale della Corsi e al Consiglio del pubblico. Per i toni usati, è una sorta di editto bulgaro di berlusconiana memoria. Inaccettabile per chi ha a cuore la libertà di opinione.

I giornalisti, sia chiaro, non godono dell’impunità se nell’esercizio della loro professione violano il Codice penale. E non sono al di sopra delle critiche né quando riferiscono di un fatto, né quando commentano. Pensiamo però che una commissione parlamentare debba percorrere altre strade per manifestare il proprio dissenso. In una nota stampa la ‘Giustizia e diritti’ avrebbe potuto infatti spiegare e ribadire i motivi per cui non condivide le valutazioni del cronista, anziché rivolgersi alla Corsi (o al mediatore della Rsi) con parole che suonano come una censura preventiva, come un monito per il futuro. Sono parole e iniziative di un organo politico, non di un radiotelespettatore insoddisfatto. Un organo politico, emanazione di un potere dello Stato, quello legislativo, che sembra aver dimenticato che la libertà di opinione (anche nel servizio pubblico), per quanto dura possa essere l’opinione, è ancorata alla Costituzione cantonale, a quella federale e alla Convenzione europea dei diritti dell’uomo. E rientra nel novero delle libertà che distinguono una democrazia da una dittatura.

Chi scrive continua a giudicare assai positivamente il lavoro svolto dalla ‘Giustizia e diritti’ – la quale ha saputo raddrizzare la procedura applicata, in questo tormentato rinnovo delle cariche in seno al Ministero pubblico, dal Consiglio della magistratura – e a ritenere che il Cdm debba dimettersi alla luce della duplice sconfessione del suo operato, prima da parte della commissione e poi da parte del plenum del parlamento. Ma chi scrive ritiene altresì che neppure la commissione granconsiliare possa considerarsi al di sopra delle critiche. Avrebbe dovuto quindi evitare passi, maldestri, che oltretutto rischiano di inasprire le tensioni al proprio interno: i liberali radicali, che hanno difeso i preavvisi negativi pronunciati dal Consiglio della magistratura nei confronti di cinque pp, che il Gran Consiglio ha però rieletto, si sono pubblicamente dissociati dall’inopportuna decisione di segnalare il giornalista.
Nella seduta del 14 dicembre il parlamento cantonale ha preso, nero su bianco, due impegni di politica giudiziaria verso il Paese: la riorganizzazione del Ministero pubblico e il varo di norme per disciplinare la procedura di nomina dei magistrati che postulano un ulteriore mandato. Operazioni che per risultare efficaci e che per essere portare a termine in tempi ragionevoli richiedono collaborazione e condivisione. La stampa riferirà e commenterà, anche in maniera critica, su questo come su altri dossier al centro del dibattito politico.

“La libertà di espressione costituisce uno dei fondamenti essenziali di una società democratica”, ha ricordato la Corte europea dei diritti dell’uomo in una sentenza del 24 novembre di quest’anno, sottolineando che ciò vale anche per le opinioni che possono “urtare, scioccare o inquietare lo Stato o una parte della popolazione”. Si legge nel comunicato diffuso l’altroieri dal Plr: “I partiti e i politici si trovano spesso confrontati con i giudizi dei media e il confronto è senz’altro essenziale per l’intero sistema democratico”. Siamo perfettamente d’accordo. Vedremo nei fatti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved