laRegione
no-agli-editti-bulgari-anche-in-salsa-ticinese
Giornalisti, tra cronaca e commento (foto Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
18 ore

America the Beautiful, una nazione per tutti

Detto alla JLo, americana di Portorico: 'Una nación, bajo Dios, indivisible, con libertad y justicia para todos'. Nativi inclusi (loro sì che sono del posto).
Commento
1 gior

Conte e i trasformisti della politica italiana

Il presidente del Consiglio simbolo di un modo di fare politica che cambia con il solo scopo di lasciare tutto così com'è, preservando il potere
L'analisi
2 gior

La giardinetta un po’ ammaccata dello zio Joe

Qualche pensierino su cosa potremmo aspettarci, adesso che Trump è fuori dalla Casa Bianca e abbiamo un 78enne e una donna a lavorare in tandem
Commento
2 gior

Lugano prende a calci il dibattito

Polo sportivo e degli eventi: Consiglio comunale con le spalle al muro mentre l'aeroporto vola verso i privati e la pandemia colpisce le finanze pubbliche
Commento
2 gior

Passaporto vaccinale, per ora di necessario c’è il dibattito

Per Manuele Bertoli è urgente introdurre un lasciapassare immunologico per il Covid. Ma ci sono controindicazioni pratiche ed etiche
Commento
3 gior

Spiare il cellulare del partner e la coppia scoppia

Ossessive forme di controllo che possono venir scambiate per manifestazioni di affetto, ma in realtà sono fastidiose invasioni dell’intimità altrui
L'analisi
4 gior

Social, ipocrisia e doveri della politica

La mancata trasparenza sulla fattura dei vaccini come l'immunita per messaggi diffamatori sui social chiamano in causa le responsabilità della politica.
Sguardo a Nord
4 gior

Vecchi vaccini, nuovi vaccini

Quando un buon libro diventa un toccasana per la mente e lo spirito in tempo di pandemia
Commento
6 gior

Negozi chiusi e scuole aperte (per la salvaguardia di tutti)

La scuola, soprattutto in questo momento così delicato, è il principale ‘antidoto’ per i nostri giovani contro il Covid
DISTRUZIONI PER L’USO
6 gior

Partire da Arbasino per spiegare Renzi (o almeno provarci)

Non è che certe rivendicazioni del Bomba siano sbagliate, anzi. Il problema è che quel bischero si crede Gesù
Commento
1 sett

Rsi e il cambio di rotta del progetto Lyra

Niente più 90% musica 10% parlato, nel futuro di Rete Due. Una vittoria per chi era preoccupato per il ripensamento dell'offerta audio Rsi?
Commento
1 sett

Sedicenti onnipotenti a Palazzo di giustizia

La riammissione dei praticanti nei processi ci porta a una serie di riflessioni e soprattutto di domande sul Tribunale penale cantonale
Commento
1 sett

L'azzardo secondo Matteo

A Matteo Renzi non riesce l'azzardo, e in caso di elezioni a giugno rischia la débâcle. Ma la paura dei parlamentari di perdere il seggio potrebbe salvarlo
Commento
28.12.2020 - 06:100
Aggiornamento : 17:10

No agli editti bulgari, anche in salsa ticinese

Nomina pp, la commissione parlamentare segnala il collega del Quotidiano alla Corsi. Passo maldestro. La libertà di opinione ci distingue dai regimi totalitari

La maggioranza della commissione ‘Giustizia e diritti’ avrebbe fatto bene a dar seguito al recente auspicio del presidente del Gran Consiglio, invece di segnalare ai piani alti della Rsi il collega del ‘Quotidiano’ Francesco Lepori, reo di aver formulato il 14 dicembre in trasmissione – ma in sede di commento – pareri, evidentemente non graditi dal citato organo parlamentare, riguardanti le nomine dei procuratori pubblici fatte qualche ora prima dal legislatore cantonale. Martedì scorso, intervenendo con un discorso tutt’altro che di circostanza alla cerimonia di dichiarazione di fedeltà dei magistrati eletti alla Costituzione e alle leggi, il primo cittadino del Cantone in carica, Daniele Caverzasio, dopo aver accennato agli “eventi” che hanno contraddistinto in negativo il rinnovo dei mandati in Procura, alludendo anche alla lacunosa procedura adottata dal Consiglio della magistratura, ha invitato “tutti gli attori coinvolti” a voltar pagina e a ritrovare “l’indispensabile serenità istituzionale” per affrontare l’agognata riforma del Ministero pubblico. Cominciamo male, purtroppo. Il giorno di Natale arriva nelle redazioni un comunicato in cui la ‘Giustizia e diritti’ annuncia di aver appunto segnalato il cronista del ‘Quotidiano’ al Consiglio regionale della Corsi e al Consiglio del pubblico. Per i toni usati, è una sorta di editto bulgaro di berlusconiana memoria. Inaccettabile per chi ha a cuore la libertà di opinione.

I giornalisti, sia chiaro, non godono dell’impunità se nell’esercizio della loro professione violano il Codice penale. E non sono al di sopra delle critiche né quando riferiscono di un fatto, né quando commentano. Pensiamo però che una commissione parlamentare debba percorrere altre strade per manifestare il proprio dissenso. In una nota stampa la ‘Giustizia e diritti’ avrebbe potuto infatti spiegare e ribadire i motivi per cui non condivide le valutazioni del cronista, anziché rivolgersi alla Corsi (o al mediatore della Rsi) con parole che suonano come una censura preventiva, come un monito per il futuro. Sono parole e iniziative di un organo politico, non di un radiotelespettatore insoddisfatto. Un organo politico, emanazione di un potere dello Stato, quello legislativo, che sembra aver dimenticato che la libertà di opinione (anche nel servizio pubblico), per quanto dura possa essere l’opinione, è ancorata alla Costituzione cantonale, a quella federale e alla Convenzione europea dei diritti dell’uomo. E rientra nel novero delle libertà che distinguono una democrazia da una dittatura.

Chi scrive continua a giudicare assai positivamente il lavoro svolto dalla ‘Giustizia e diritti’ – la quale ha saputo raddrizzare la procedura applicata, in questo tormentato rinnovo delle cariche in seno al Ministero pubblico, dal Consiglio della magistratura – e a ritenere che il Cdm debba dimettersi alla luce della duplice sconfessione del suo operato, prima da parte della commissione e poi da parte del plenum del parlamento. Ma chi scrive ritiene altresì che neppure la commissione granconsiliare possa considerarsi al di sopra delle critiche. Avrebbe dovuto quindi evitare passi, maldestri, che oltretutto rischiano di inasprire le tensioni al proprio interno: i liberali radicali, che hanno difeso i preavvisi negativi pronunciati dal Consiglio della magistratura nei confronti di cinque pp, che il Gran Consiglio ha però rieletto, si sono pubblicamente dissociati dall’inopportuna decisione di segnalare il giornalista.
Nella seduta del 14 dicembre il parlamento cantonale ha preso, nero su bianco, due impegni di politica giudiziaria verso il Paese: la riorganizzazione del Ministero pubblico e il varo di norme per disciplinare la procedura di nomina dei magistrati che postulano un ulteriore mandato. Operazioni che per risultare efficaci e che per essere portare a termine in tempi ragionevoli richiedono collaborazione e condivisione. La stampa riferirà e commenterà, anche in maniera critica, su questo come su altri dossier al centro del dibattito politico.

“La libertà di espressione costituisce uno dei fondamenti essenziali di una società democratica”, ha ricordato la Corte europea dei diritti dell’uomo in una sentenza del 24 novembre di quest’anno, sottolineando che ciò vale anche per le opinioni che possono “urtare, scioccare o inquietare lo Stato o una parte della popolazione”. Si legge nel comunicato diffuso l’altroieri dal Plr: “I partiti e i politici si trovano spesso confrontati con i giudizi dei media e il confronto è senz’altro essenziale per l’intero sistema democratico”. Siamo perfettamente d’accordo. Vedremo nei fatti.

© Regiopress, All rights reserved