lo-spazio-del-cinema-lo-spazio-dei-diritti-umani
La foto di Eduardo Leal, manifesto del Film festival diritti umani Lugano
ULTIME NOTIZIE Opinioni
L'analisi
20 ore

Usa e Russia, una guerra molto fredda

Lo spostamento di bombardieri B52 in Norvegia può provocare un'escalation nell'Artico, nuovo campo di battaglia per le superpotenze mondiali
LA formica rossa
1 gior

I soldi comprano le parole e anche i diritti

Subordinare la naturalizzazione al fatto di non aver chiesto aiuto all'assistenza per 10 anni è l'ennesimo esempio della stessa mistificazione politica
Commento
1 gior

Bifolco e farabutto lo diciamo troppo poco

Le parole e l'uso (morigerato) che ne facciamo. Abbiamo perso di vista gli aggettivi, tesori inestimabili che ci intimidiscono
Commento
1 gior

Iniziativa ‘anti-burqa’, c’è del buono nel pot-pourri

Il Comitato di Egerkingen vuole fermare 'l’islamizzazione della Svizzera' vietando il velo integrale. Ma esistono già gli strumenti per far fronte a derive
Commento
2 gior

Le emozioni dello sport vanno condivise

Gioia e orgoglio per una medaglia o una vittoria vanno liberate e date in pasto alla gente, parte integrante dello strano mondo denominato sport
Commento
3 gior

I soldi, lo sballo, il gioco dello stupro tra Pornhub e Genovese

Di prima mattina, al semaforo, sull’utilitaria davanti a me mi colpiscono i colori squillanti di un adesivo a tutto lunotto: “Pornhub”
Commento
3 gior

Tony Judt, OpenLux e la cassaforte delle ingiustizie

Un’inchiesta giornalistica racconta di come il Lussemburgo sia la capitale dell’elusione fiscale: una scappatoia che mette a rischio lo stato sociale di intere nazioni
Commento
5 gior

Per i grandi progetti, più potere al popolo

Invece di lamentarsi se si ricorre al referendum, le nostre Città potrebbero introdurre votazioni obbligatorie per i piani regolatori e per le spese importanti
Sguardo a nord
5 gior

La meglio gioventù e l’epidemia silenziosa

Le nuove generazioni sanno adattarsi, ma non bisogna sopravvalutarle né dimenticare che la Svizzera presenta uno dei tassi di suicidio più alti al mondo
Commento
6 gior

Ketty Fusco, un ricordo

L'attrice, regista e scrittrice raccontata da Renato Reichlin, già Direttore del Teatro Sociale di Bellinzona e di LuganoInScena
Commento
15.10.2020 - 06:000
Aggiornamento : 12:41

Lo spazio del cinema, lo spazio dei diritti umani

Dal documentario sulle proteste di Hong Kong in sala per il Festival diritti umani, a ‘Mulan’ che in streaming ringrazia le autorità della persecuzione degli uiguri

Ieri sera si è aperto a Lugano il Film festival diritti umani di Lugano: un’edizione in presenza e diffusa, con proiezioni anche a Locarno, Bellinzona e Mendrisio. Dei film e degli ospiti, ne scriviamo in questi giorni nelle pagine interne; qui vorremmo tentare invece una riflessione sugli spazi: sullo spazio del cinema, sullo spazio dei diritti umani, della libertà e della dignità. Perché forse non è del tutto casuale, quella radicale opposizione tra quel che nei prossimi giorni potremmo trovare nelle sale ticinesi e quello che da qualche settimana è disponibile online.

Iniziamo dal chiarire che non c’è nulla di male nell’organizzare un evento o un festival online, tanto meno nel guardare film in streaming. Solo che il mezzo non è neutro, impone le sue regole e prassi, si inserisce in dinamiche sociali ed economiche diverse che hanno il loro peso. Quel che si può ottenere – pensiamo alla maggiore raggiungibilità del pubblico, libero da vincoli geografici e spesso anche temporali – lo si rischia di perdere ad esempio in termini di condivisione, di concentrazione. Vedere un film in sala è un’esperienza totale (spegnete quel maledetto telefonino e lasciatelo in tasca) e condivisa: aspetti ai quali il festival dei diritti umani, come anche altre manifestazioni, non ha voluto rinunciare. C’è chi ha preferito solo online, o soluzioni ibride: non c’è qui un giusto e sbagliato, ma al massimo priorità diverse. E quella del festival dei diritti umani è chiara: difficile parlare di dignità, di libertà, di diritti senza trovarsi insieme, senza un’esperienza condivisa con altre persone. Sarebbe stucchevole e retorico dire che lo spazio del cinema è lo spazio dei diritti umani: limitiamoci a segnalare che c’è un’assonanza, una sovrapposizione maggiore che con i servizi di video on demand.

E qui arriviamo a quella curiosa opposizione che dicevamo all’inizio: un semplice aneddoto, va detto, ma comunque rappresentativo. Domenica prossima il Film festival diritti umani di Lugano proietterà ‘We have boots’, documentario di Evans Chan sulle proteste dei cittadini di Hong Kong per difendere la propria libertà e i propri diritti. Seguirà un incontro con Isa Dolkun, presidente del World Uyghur Congress, l’associazione che rappresenta la minoranza uigura in Cina. Sulla piattaforma di Disney+ troviamo, pagando un extra, ‘Mulan’, la versione live action del classico d’animazione, andato direttamente in streaming saltando la distribuzione nelle sale. La protagonista, Liu Yifei, ha definito vergognose le proteste di Hong Kong, appoggiando le brutali repressioni della polizia, e nei titoli di coda si ringraziano ufficialmente le autorità dello Xinjiang, la regione dove gli uiguri sono perseguitati.

Sensibilità diverse. Il problema è che le sale cinematografiche sono messe male e la pandemia sembra aver dato il colpo definitivo a un sistema già in crisi che si reggeva sostanzialmente sulle prime visioni dei blockbuster, quei “filmoni” che per qualche mese sapevi di poter trovare solo al cinema. Grandi produzioni che adesso, come appunto ‘Mulan’, puntano direttamente alle piattaforme di streaming, in molti casi di proprietà degli stessi studios che le realizzano. Tagliando fuori le sale che si devono reinventare, e in fretta, un ruolo: non basterà il biglietto a 5 franchi un giorno all’anno, se tanto quel che propongono i cinema l’hai già incluso nel tuo abbonamento di streaming.

© Regiopress, All rights reserved