procura-cinque-cartellini-rossi-genesi-da-chiarire
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
6 ore

Lugano: ora tocca a famiglie e giovani

I primi segnali di inversione del trend demografico negativo ci sono, ma la città continua a invecchiare più di altre realtà urbane ticinesi e svizzere
Commento
1 gior

Mendrisiotto senza via d’uscita

L’annuncio da Berna che la terza corsia si realizzerà con dieci anni d’anticipo disorienta tra timori e paradossi
Commento
2 gior

Manuele Bertoli fiero, solitario y final

Il direttore del Decs è andato nel modo più nobile verso una sconfitta annunciata. Ricreazione finita per chi l’ha provocata, Plr in primis: ora riforme
Calcio
2 gior

Goldküste o Sonnenstube, l’importante è l’Fc Lugano

Il nuovo presidente del club bianconero, Philippe Regazzoni, vive a Küsnacht e non parla italiano. Una scelta inaspettata, ma non per forza sbagliata.
il commento
3 gior

L’Ucraina e la civetta di Minerva

Usa e Russia strette tra rivendicazioni e muscoli in mostra, ma la guerra non è inevitabile, perché oggi non è nell’interesse di nessuno
Commento
4 gior

Bavaglio ai diritti imbevuto d’alcol

Tennis Australia copre le magliette recanti la scritta ‘Dov’è Peng Shuai?’. Uno degli sponsor del torneo è una storica distilleria... cinese
Commento
4 gior

I Casinò, vacche sacre da (ma prima ancora per) mungere

Mentre a Locarno volano gli stracci in vista del rinnovo delle concessioni federali, passa in secondo piano il tema di chi l’azzardo lo paga a caro prezzo
Commento
5 gior

Lo gnomo spendaccione

Dopo le dimissioni del presidente e dell’Ad di Credit Suisse si è discusso del crescente ricorso delle banche svizzere a top manager stranieri
Commento
1 sett

La mozione Paul Newman

Gli analisti politici del Wall Street Journal suggeriscono ai democratici di candidare di nuovo Hillary Clinton per un’eventuale sfida a Trump nel 2024
Commento
1 sett

Migrazione: la norma, la storia di India e gli altri

Nel caso della diciannovenne di Morbio accendere i riflettori è servito. Restano nell’ombra il resto dell’umanità migrante e leggi non sempre eque
 
14.09.2020 - 06:000

Procura, cinque cartellini rossi: genesi da chiarire

Il Gran Consiglio ha stabilito le regole sull'elezione di pp e giudici: vada allora a fondo sulle bocciature pronunciate dal Consiglio della magistratura

Visto che le regole sulla procedura di reclutamento di procuratori e giudici le ha stabilite il Gran Consiglio, con l’avallo del popolo quando comportavano una modifica della Costituzione cantonale, ci aspettiamo che la commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ vada sino in fondo per capire come si è arrivati al preavviso negativo alla rielezione di cinque pp – ben un quarto della squadra del Ministero pubblico – formulato dal Consiglio della magistratura, di cui la ‘Regione’ ha dato notizia venerdì. E riteniamo che lo possa, anzi che lo debba fare anche se i cinque decidessero di ritirarsi dalla corsa, non affidandosi quindi al verdetto (ultimo) del parlamento, e che lo debba fare a prescindere (almeno per una volta) da considerazioni partitiche. Ci sono infatti non pochi interrogativi, innescati da questo terremoto, come lo abbiamo definito, che il Gran Consiglio, al quale per legge spetta la nomina delle toghe, è tenuto a sciogliere nell’interesse del sistema giudiziario, ma anche per soddisfare la legittima richiesta di chiarimenti espressa dai cittadini-contribuenti, dato che si parla di un potere dello Stato, quello giudiziario.

Il ruolo del pg

Gli interrogativi riguardano appunto la genesi di queste bocciature pronunciate dall’autorità chiamata a vigilare sul funzionamento della giustizia ticinese e attualmente presieduta dal giudice d’Appello Werner Walser. Su quali temi vertevano le audizioni, davanti al Consiglio della magistratura, dei pp ricandidatisi per un nuovo mandato decennale (1° gennaio 2021-31 dicembre 2030)? Con quali criteri sono stati valutati i dati statistici concernenti la produttività dei singoli candidati? I preavvisi sono stati sufficientemente motivati? Inoltre: le cinque bocciature sono state condivise dal procuratore generale, cioè da chi dirige il Ministero pubblico? Vi si è opposto? I cinque pp – alcuni di loro da anni in Procura – erano stati ‘oggetto’ di segnalazione al Consiglio della magistratura da parte del pg Andrea Pagani? Qual è il ruolo di un procuratore generale (funzione alla quale Pagani si è ricandidato) in questa fase che precede il rinnovo formale delle cariche? All’indirizzo dei cinque ci sono stati in passato dei cartellini gialli? Oppure quelli rossi derivano in particolare da segnalazioni di altre istanze giudiziarie della ‘filiera’ penale (Tribunale penale cantonale, Corte d’appello penale, Corte dei reclami penali, Ufficio del giudice dei provvedimenti coercitivi), eventualmente sentite dal Consiglio della magistratura? Chiarire questa circostanza potrebbe permettere al Gran Consiglio di farsi anche un’idea dei rapporti in generale che oggi intercorrono fra il Ministero pubblico e le citate istanze. Non si tiri in ballo la separazione dei poteri, perché in questo caso, secondo noi, non c’entra nulla: si tratta soprattutto di verificare se la procedura di elezione, fissata dal Gran Consiglio, necessiti di (ulteriori) correttivi. 

L'operatività a breve del Ministero pubblico

Il parlamento commetterebbe in prospettiva un grosso errore se non approfondisse la vicenda e il suo possibile impatto, a breve, sull’operatività del Ministero pubblico, tenuto presente che delle inchieste coordinate da procuratori che dimissionano o non vengono confermati dovranno occuparsi altri magistrati di un’autorità già sommersa dagli incarti, come evidenziano i suoi rendiconti annuali. Si impone dunque una disamina dell’accaduto prima di decidere se riaprire il concorso per il rinnovo delle cariche al Ministero pubblico. Si evitino altri eventuali pasticci o terremoti. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved